Browsing Tag

paprika

Zuppa di zucca arrosto con “bacon” di mandorle // Roasted butternut squash soup with almond “bacon”

This post was created in partnership with Panasonic.

(English version follows) Dopo diverse settimane di nomadismo (ad inizio ottobre siamo volate a Londra e fino alla settimana scorsa ci trovavamo in giro per Italia per la promozione del nostro libro), non è poi così male tornare a casa. Continuiamo ad essere dell’opinione che, fosse per noi, potremmo continuare con questo ritmo per un bel po’ di tempo, che non c’è niente che ci elettrizza tanto quanto l’idea di salire su un aereo, ma amiamo l’idea di sapere ed esser certe che la nostra dimensione, quella che chiamiamo “casa”, è sempre lì ad attenderci.

Perciò, sebbene la nostra esperienza culinaria non avrebbe potuto essere delle migliori, fra porridge per tutti i gusti da 26grains e una “protein feast bowl” da Pride Kitchen a Londra (soprattutto, in quello splendido contesto di edifici di mille colori più uno e luci che è Neal’s Yard), e fra il cioccolato crudo di Grezzo a Roma e la melanzana con crumble di ceci da Botanica Lab a Bologna, tornare a metterci ai fornelli, anche semplicemente per preparare qualcosa di semplice ma estremamente confortante come una zuppa, non potrebbe essere più terapeutico. E siccome pur sempre del 31 Ottobre stiamo parlando, a base di cosa sarebbe potuta essere questa zuppa se non di zucca?

Si tratta di una ricetta semplice: della semplice zucca arrostita (abbiamo scelto di cuocerla al forno così da esaltare la sua naturale dolcezza) con cipolla e tante erbe e spezie come rosmarino, cardamomo e coriandolo. Ci è bastato poi renderla liscia e setosa frullandola con del brodo vegetale caldo, zenzero e curcuma freschi grazie al nostro hand-blender Panasonic e decorarla con yogurt di cocco, coriandolo fresco e “bacon di mandorle“.

Se siete abituati a scorrere fra ricette vegetariane e vegane (specialmente straniere), probabilmente conoscerete già il “bacon di cocco”: si tratta semplicemente di scaglie di cocco marinate in salsa di soia, sciroppo d’acero e fumo liquido e poi cotto in forno finché croccante. Eravamo partite noi stesse con l’idea di prepararlo da aggiungere come topping a questa zuppa, se non fosse stato per un piccolo inconveniente: niente cocco in scaglie nella nostra dispensa. Fruga e fruga ancora, abbiamo trovato, però, delle mandorle in scaglie: e quindi, “bacon” di mandorle sarebbe stato. Inoltre, niente fumo liquido per noi ma, piuttosto, sale e paprika affumicati. Con le dosi della ricetta, otterrete una buona quantità di questo mix croccante, salato e così delizioso che non riuscirete a fare a meno di mangiarlo semplicemente a manciate come snack o, ad esempio, sbriciolato sul vostro avocado toast mattutino.

ZUPPA DI ZUCCA ARROSTO CON BACON DI MANDORLE
vegan, senza glutine, senza grani, paleo
PORZIONI: 2

Ingredienti:
per la zuppa di zucca:
600g di zucca violina
550g di brodo vegetale
2 cipolle rosse
1 rametto di romarino
1 cucchiaino di zenzero fresco grattugiato
1 cucchiaino di curcuma fresca grattugiata
1/2 cucchiaino di cardamomo in polvere
1/2 cucchiaino di coriandolo in polvere
1/2 cucchiaino di paprika in polvere
1 cucchiaio di olio di cocco o di avocado
sale rosa dell’himalaya
2 cucchiai di olio di cocco, per guarnire
coriandolo fresco, per guarnire

per il bacon di mandorle:
160g di mandorle in scaglie
1 cucchiaio di tamari
1 cucchiaio di sciroppo d’acero
1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
1 cucchiaino di sale affumicato
1/2 cucchiaino di paprika affumicata
1/2 cucchiaino di aglio in polvere

Procedimento:
Inizia con il “bacon” di mandorle: in una ciotola, condisci le mandorle in scaglie con la tamari, l’olio, lo sciroppo d’acero, la paprika, l’aglio in polvere e il sale affumicato. Mescola bene finché tutto sarà ben condito.
Preriscalda il forno a 160°C. Metti le mandorle in una teglia foderata con carta forno e infornale per circa 12 minuti o finché croccanti, mescolandole ogni 3 minuti così che non si brucino.
Sforna e lascia raffreddare.
Sbuccia e taglia grossolanamente la zucca. Taglia a spicchi le cipolle. Preriscalda il forno a 200°C. Condisci la zucca e le cipolle con sale, rosmarino, cardamomo, coriandolo, paprika e olio di cocco o di avocado e arrostisci per circa 30 minuti. Nel frattempo, scalda il brodo finché sarà bollente.
Nel boccale del frullatore ad immersione metti le verdure arrosto, lo zenzero e la curcuma e copri con il brodo. Frulla fino ad ottenere una crema liscia.
Dividi la zuppa in due ciotole, guarniscile con un cucchiaio di yogurt di cocco per ciotola, una manciata di “bacon” di mandorle e del coriandolo fresco.

ENGLISH

It’s autumn: leaves are falling from trees, weather gets colder and we finally can start turning on the oven in the kitchen and having warm meals. Also, pumpkin season is finally here and one of our favorite way to eat it is soup. Roasting the butternut squash in the oven with spices allow the veggies to caramelize and be sweeter and heartier. Also, this means way less effort but so much flavor. You just need to put the veggies in the oven and heat some stock and then blend it until nice and creamy! It’s really easy as 1 2 3. Here the soup is paired with some crunchy, salty nut “bacon” made with almonds instead of the usual coconut.With this recipe, you’ll get way more almond bacon than you need for the soup, but you won’t be disappointed: eat it, like us, in the morning on avocado toast or just put it in a bag for a quick snack while you’re out!

ROASTED BUTTERNUT SQUASH SOUP WITH ALMOND BACON
vegan, gluten free, grain free, paleo
SERVES: 2

Ingredients:
600g butternut squash, peeled and chopped
550g vegetable stock
2 red onions
1 stalk of rosemary
1 tsp fresh grated ginger
1 tsp fresh grated turmeric
1/2 tsp ground cardamom
1/2 tsp ground coriander
1/2 tsp paprika
1 tbsp avocado or coconut oil
pink himalayan salt
2 tbsp coconut yogurt, to garnish
fresh cilantro, to garnish

for the almond “bacon”:
160g almond flakes
1 tbsp tamari
1 tbsp maple syrup
1 tbsp extra virgin olive oil
1 tsp smoked sea salt
1/2 tsp smoked paprika
1/2 tsp garlic powder

Method:
Start with almond “bacon”: in a bowl, season almond flakes with tamari, olive oil, maple syrup, smoked salt and paprika and mix it well until all seasoned. Preheat oven to 160°C. Place almonds on a baking tray covered with parchment paper and bake them in the oven for about 12 minutes or until crunchy but not burned, stirring them every 3 minutes. Peel and roughly chop the butternut squash. Chop the onions. Preheat oven to 200°C. Season chopped butternut squash and onions with salt, rosemary, ground cardamom, ground coriander and paprika and roast it for about 30 minutes. In the meantime, heat the stock until very hot. In the jug of the hand blender, put the roasted veggies, fresh grated ginger and turmeric and the hot vegetable stock and blend until you get a smooth soup. Divide the soup into 2 bowls, garnish them with 1 tbsp coconut yogurt per bowl, one handful almond “bacon” and some fresh cilantro.

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

Burger di lupini e zucchine con salsa di semi di canapa e aneto // Lupini beans + zucchini burgers with hemp dill sauce

This post was made in partnership with Panasonic.

(English recipe below) Ogni sabato, subito dopo la colazione, ci prepariamo per andare al mercato locale. Aspettiamo tutta la settimana questo momento: scandisce l’inizio del weekend ed è il nostro modo per lasciare alle spalle i pesanti giorni di lavoro e concentrarci su ciò che cucineremo lentamente e sul tempo che finalmente passeremo insieme. Ancora, adoriamo aggirarci fra uno stand e l’altro, ammirare i colori splendenti della frutta e della verdura (che, diciamocelo, in estate e, soprattutto qui in Sicilia, hanno tutt’altro aspetto). Conosciamo talmente bene i produttori locali e biologici dai quali ci riforniamo che ormai sappiamo bene quali sono i prodotti forti di ciascuno di loro. Crediamo sia questo il bello dell’acquistare al mercato locale: niente ha lo stesso sapore e, se qualcuno ha le carote più dolci e dalla consistenza migliore, qualcun altro ha i pomodori più succosi e saporite. È una cosa per la quale fremiamo talmente tanto da svegliarci prestissimo la mattina, sebbene poi ci troviamo sempre ad uscire ben più tardi dall’ora in cui ci siamo svegliate poiché i nostri ritmi sono ben diversi da quelli del nostro amato (ma decisamente ritardatario) uomo di casa.

Qualche settimana fa, parte del nostro bottino sono state delle zucchine verdissime e una manciata di pomodori di colori diversi (ma quanto sono belli i pomodori gialli?!) e, una volta tornate a casa, abbiamo pensato a quale fosse il miglior modo di cucinarli per esaltarli al massimo, decidendo, alla fine, di trasformare le zucchine in polpette e i pomodori in un fresco accompagnamento per bilanciare il tutto. È bastato davvero poco: abbiamo messo i nostri ingredienti dentro il nostro nuovo food processor Panasonic e frullato il tutto, poi dato forma ai nostri burger e li abbiamo cotti in forno mentre preparavamo una deliziosa salsina a base di semi di canapa e aneto.

Dobbiamo dirlo, e siamo completamente sincere: questo food processor è stato decisamente una svolta nella nostra cucina. Ne possedevamo già uno, ma era decisamente più grande, ingombrante e difficile da pulire. Il food processor Panasonic (e lo diciamo sinceramente, non perché si tratta di un post sponsorizzato) è decisamente l’ideale per la cucina di tutti i giorni: è abbastanza compatto e non vi toglierà chissà quanto spazio. Bonus point: si pulisce piuttosto facilmente, senza dover azionare la lavastoviglie solo per pulire tutti i suoi pezzi. Ma la cosa che ci ha sorpreso di più è la sua potenza: nonostante sembri piuttosto modesto, il suo motore è estremamente potente. Il test che, per noi, stabilisce quanto una macchina sia potente o meno è la sua capacità di trasformare in crema la frutta secca e questo è stato più veloce del nostro vecchio food processor. E poi insomma, dalle foto potete vedere che ha un design adorabile e che si sposa perfettamente con la nostra cucina, no?

Tornando alla ricetta, la cosa bella di questi burger è che hanno davvero tantissime proteine vegetali in quanto abbiamo usato come legume principale i lupini: è vero, dovrete perdere un po’ di tempo a sgusciarli, ma sapete che hanno molte più proteine di ceci, lenticchie e fagioli? Aggiungete, come abbiamo fatto noi, lievito alimentare, semi di lino e una salsa a base di semi di canapa ed avrete ottenuto, oltre che ad un pasto buono e sano, un vero e proprio concentrato di proteine.

Lupini + zucchini veggie burgers

C'è un nuovo post sul blog! trovate la ricetta completa per questi burger vegan di lupini pieni di proteine vegetali sul blog https://www.naturalmentebuono.com/2017/06/burger-lupini-zucchine-salsa-semi-canapa-aneto-lupini-beans-zucchini-burgers-with-hemp-dill-sauce.html #sponsored #ad #panasonic #experiencefresh MUSIC CREDITS: Ukulele by BENSOUND http://www.bensound.com/royalty-free-…Creative Commons — Attribution 3.0 Unported— CC BY 3.0 http://creativecommons.org/licenses/b…Music provided by Audio Library https://youtu.be/G7HoUVcL5-U

Publié par Naturalmente buono sur vendredi 16 juin 2017

(altro…)

Zuppa piccante di fagioli azuki, kale e quinoa

IMG_6098

Tempo fa parlavamo di tali “ingredienti feticci” dei quali la foodblogger ? sempre alla ricerca. Nella nostra lista si annoveravano crescione (al quale stiamo provvedendo) e coriandolo – che troviamo con difficolt? e abbiamo invano tentato di portarcene una piantina dalla Germania -. Pensandoci, per?, sono ben pi? i fatidici e introvabili ingredienti che desideriamo tanto, primo fra questi il kale. In italiano?cavolo riccio, il kale ? la fissazione degli ultimi anni dei paesi anglosassoni: dagli smoothie, alle chips e alle insalate, tutto gira intorno a questa verdura che sembrerebbe vantare incredibili propriet? nutrizionali e antiossidanti. Insomma, quando lo abbiamo visto l?, bello esposto sul banco orto-frutta del supermercato bio di fiducia, potete immaginare quanto contenere l’emozione sia stato difficile. Cos? ce ne siamo portate 3 bei mazzi a casa e abbiamo studiato su come poterlo impiegare: la scelta ? stata la pi? semplice e la pi? soddisfacente – una zuppa. Di quelle che non c’? neanche bisogno di avere la scusa del freddo per mangiarla perch? ? davvero buona. Se dovessimo descrivere il sapore del cavolo riccio, probabilmente lo assoceremmo alle foglie dei broccoli, d’altronde si tratta pur sempre della stessa famiglia. Dunque: zuppa. Buona, semplice, veloce, genuina. Con quinoa e fagioli azuki, per non farci mancare nulla. E una punta piccante, che non sta mai male. A voi!

(altro…)