Browsing Tag

bevande

Preparazione dei pasti per la settimana // Meal prep for the week

Questo post è stato creato in collaborazione con Panasonic

“Meal prep”, di che si tratta? Del preparare una buona quantità di cibo che duri per 7 giorni e che aiuti a gestire i pasti infrasettimanali senza dover perdere troppo tempo in cucina quando di tempo, fra studio, lavoro ed altro, non ce n’è!

Da un paio di mesi, abbiamo imparato a dedicare un paio di ore della domenica per occuparci di questo piccolo “rito”. Capita che, alle volte, non riusciamo a farlo, dobbiamo ammetterlo. Ma quando organizziamo il nostro frigo con metodo e impegno, gestire i nostri pasti quotidiani e far conciliare il mangiar sano e, allo stesso tempo, veloce, con i nostri impegni diventa estremamente facile e ci sentiamo più rilassate.

Poiché ne abbiamo parlato più volte sul web, abbiamo finalmente deciso (fra, appunto, un impegno e l’altro), di dedicarvi un vero e proprio post qui sul blog. Con consigli su come conservare e ricette che permettano di potersi godere pasti sani, veloci e bilanciati per 7 giorni senza rinunciare a niente.

Fondamentale per il nostro meal prep, è stato l’ausilio degli elettrodomestici Panasonic (sapete che siamo molto trasparenti quando si tratta di partnership: è da un po’ che collaboriamo con questo brand e continuiamo a promuoverlo perché, in tutta onestà, ci troviamo veramente bene, i prodotti sono davvero di alta qualità e il rapporto con i prezzi è ottimo!): questi ci hanno infatti consentito di preparare pasti sani e nutrizionalmente bilanciati senza però dover spendere troppo tempo. Il microwave ci ha aiutato per le cotture veloci e le diverse impostazioni (cottura, riscaldamento, vapore e grill) che ci hanno permesso di ottenere tanti modi di cucinare diversi. L’estrattore è stato invece grande di grande ausilio per zuppe e un velocissimo latte di cocco homemade (senza bisogno di alcuna garza!). Ancora, l’hand blender – che ha sia una ciotola per tritare che un boccale per frullare – è stato l’ideale per tagliuzzare e impastare in pochi secondi e senza sporcarci troppo le mani in un lasso di tempo limitato!

In questo post, abbiamo incluso nella sezione seguente qualche opzione per i nostri lettori vegetariani e vegani e idee in più da tenere a portata di mano o per rendere i propri pasti ancora più sazianti. Vi lasciamo dunque alla lettura!

Meal prep

"Meal prep", di che si tratta? Del preparare una buona quantità di cibo che duri per 7 giorni e che aiuti a gestire i pasti infrasettimanali senza dover perdere troppo tempo in cucina quando di tempo, fra studio, lavoro ed altro, non ce n'è! Scopri di più (insieme a 12 ricette facili per la settimana) nel post sul blog che abbiamo creato con Panasonic Italia 😉🥑 scoprite di più qui: https://www.naturalmentebuono.com/2018/10/preparazione-dei-pasti-per-la-settimana-meal-prep-for-the-week.html #panasonickitchen #experiencefresh #handblenderMXS401 #microwaveNNGD38

Pubblicato da Naturalmente buono su Lunedì 22 ottobre 2018

(altro…)

Superfood drinks con erbe adattogene // 3 Adaptogenic Tonics

(English recipes below) Se ci seguite sul nostro profilo instagram avrete probabilmente notato quanto, negli ultimi tempi, abbiamo perso la testa per gli adattogeni e le bevande calde e avvolgenti. È da un bel po’ di tempo, ormai, che alla nostra routine quotidiana si è aggiunta una tazza di matcha alla mattina e, se siamo a casa e possiamo perciò concederci le cose con calma e tranquillità, un’altra “pozione” – preferibilmente, nel pomeriggio, senza caffeina.

Ma, cosa sono gli adattogeni? Si tratta di erbe, o, come nel caso di chaga e reishi, di funghi medicinali, dal valore nutritivo estremamente concentrato e potente, in grado di aumentare e migliorare le condizioni psicofisiche. Il che significa che, se soffrite di sbilanciamenti ormonali, avete bisogno di qualcosa che migliori le vostre prestazioni, siete spesso sotto tono o, ancora, state affrontando un momento particolarmente stressante della vostra vita, potrebbe decisamente una buona idea e di grande aiuto iniziare ad introdurle.

Prima di iniziare, una premessa è importante: gli adattogeni sono diversi per tutti – il che significa che ciò che può essere estremamente utile per qualcuno, potrebbe essere poco tollerato da un altro. Altra grande nota da fare è che, come abbiamo scritto sopra, queste erbe o funghi sono estremamente potenti. Il che significa che non bisogna mai esagerare con le dosi consigliate solo perché si tratta di qualcosa di naturale e che, soprattutto, bisogna introdurle gradualmente (iniziate sempre con 1/4 di cucchiaino ed aumentate pian piano senza mai superare 1 o 2 cucchiaini al giorno, in base all’erba che state usando) perché il proprio corpo possa apprezzarne i benefici. Ancora, gli adattogeni funzionano quando usati con costanza: non aspettarvi che da un giorno all’altro possano immediatamente cambiare le carte in tavola. Ultimo, ma decisamente non ultimo: la qualità è tutto. È per questo che noi abbiamo deciso di usare i prodotti di Erbavoglio: sono biologici, di prima scelta e, soprattutto, le persone che ci sono dietro sono competenti ed estremamente preparate.

Le ricette di oggi, perciò, sono delle bevande confortanti per poter integrare queste potenti erbe nella propria routine quotidiana: il primo è un “tonico” speziato con cannella, zenzero, cardamomo e vaniglia e reso estremamente potente grazie all’he shou wu, una radice usata da sempre nella medicina cinese per contrastare i segni dell’invecchiamento e gli stati d’ansia e nervosismo, e al tribolo, erba adatta a regolare gli ormoni, sia per le donne che per gli uomini. Il secondo è il nostro “go-to” matcha latte reso ancora più verde grazie alla moringa, superfood ricchissimo di ferro e proteine, e reso più dolce grazie a cannella e vaniglia. Infine, una cioccolata ai funghi medicinali, con chaga e reishi, entrambi grandi alleati del sistema immunitario, e mesquite, una radice naturalmente dolce ed un basso indice glicemico. (altro…)

Estratto di finocchio, sedano e zenzero // Fennel, celery and ginger juice

This post was made in partnership with Panasonic

L’anno nuovo inizia sempre con i migliori propositi: mangiare sano, andare in palestra, essere meno nervosi, leggere di più e oziare meno, fare possibilmente più cose che ci piacciono e meno che non. Personalmente, i nostri sono quelli di star bene su tutto e portare a termine almeno tante cose belle quanto quelle che abbiamo avuto l’opportunità di vivere l’anno scorso.

Dopo però l’indulgenza delle feste e in vista degli incombenti fritti di capodanno, qualcosa di detox e purificante era obbligatoria. Crediamo in generale che, adottando una dieta sana per il 98%, non ci sia bisogno di intraprendere diete (intese come percorso mirato alla perdita di peso) per la maggior parte dei casi, ma questo non significa che un periodo di leggerezza per lo stomaco, con lo scopo di ripristinare la propria digestione e, magari, sistemare piccoli problemi di salute, non possa essere necessario. Negli ultimi mesi abbiamo lavorato noi stesse sulla nostra dieta proprio per motivi simili (migliorare problemi di salute e la nostra digestione), stravolto la nostra alimentazione al fine di poter stare meglio e possiamo dire di star raggiungendo la meta che ci eravamo presupposte.

Ed è per questo che, in collaborazione con Panasonic, abbiamo pensato ad una ricetta che potesse andar bene un po’ per tutti gli “stili” alimentari, che fosse super sana e che potesse essere d’aiuto per disintossicare l’organismo (insieme ad una dieta sana e bilanciata, si intende!), preparata con lo slow juicer.

Si tratta di un estratto di sole verdure a base di finocchio, sedano e zenzero. Qualcuno potrà chiedersi: perché niente frutta? Perché non aggiungere un po’ di mela, pera o arancia? La verità è che crediamo che gli estratti siano efficaci e soprattutto sani se basati esclusivamente su verdura (possibilmente a basso indice glicemico e quindi evitando carote e barbabietole). Gli estratti con grandi quantità di frutta, infatti, hanno un alto indice glicemico e apportano gli stessi zuccheri che magari potrebbero fornire 3 o 4 mele, senza il vantaggio però delle fibre che aiutano a sentirsi sazi e a regolare il picco glicemico. Si tratta sempre di frutta e non di merendine confezionate, vero, ma un eccesso di zuccheri non è mai una cosa positiva, neanche quando si tratta di “zuccheri naturali”.

Perché però fosse bevibile e non avesse un sapore terribile, abbiamo combinato sedano e finocchio, due verdure dal gusto fresco e piacevole e grandi alleate di qualsiasi detox per le loro proprietà digestive e drenanti, insieme ad un pizzico di zenzero e limone perché è pur sempre periodo di influenze (e anche perché il loro sapore è semplicemente delizioso!). Ne è venuto fuori un estratto estremamente sano e buono che abbiamo davvero adorato. Provate a berlo tutte le mattine, prima di ogni altra cosa, per almeno una settimana (o magari due) e vedrete come la vostra pelle risulterà più chiara e la vostra digestione migliorata!

Ultimo ma non di ultima importanza, su instagram abbiamo indetto un giveaway perché anche uno di voi potesse beneficiare di un estrattore. Trovate alla fine del post il vincitore! (altro…)

Kombucha con zenzero, menta e melagrana // Fizzy pomegranate kombucha with ginger and mint

Ieri sono diventati 20, tondi tondi. 20 con 3 candeline su una torta di zucca e mandorle; 20 affogati in un caffè americano nero bollente e in una tazza di tè verde alla vaniglia; 20 impacchettati in un tubino color argento e nascosti da un cardigan della mamma; 20 in un’agendina a fiori, pietre dure, un’orchidea, un mazzo di fiori, risate ad oltranza con il proprio gatto, tanti libri per l’anima e un bracciale con le campanelle.

Abbiamo deciso di organizzare un brunch per l’occasione, perché le cose convenzionali non ci piacciono mai e l’idea di cucinare e mettere tante candele sulla tavola ci piaceva troppo per lasciarcela sfuggire. Ed è così che ci siamo addormentate alle 3 di notte per glassare l’ultima infornata di biscotti (cioccolato e arancia, ça va sans dire) e svegliate alle 7 (mettendo qualcosa nello stomaco soltanto alle 12) per infornare patate al forno e agghindare a festa la tavola.

Avremmo voluto fare almeno una foto a tutto il ben di dio che c’era in tavola, alla torta alla zucca decorata con tanti fiori, ma visto il nostro solito ritardo nel fare tutto (e vista anche la fame ad una certa), il tempo e il pensiero di prendere la macchina fotografica è sfuggito. Non poteva però sfuggire la bevanda che ha accompagnato tutto il cibo sulla tavola!

Si tratta di una spremuta di melagrana diluita con kombucha (se non sapete di cosa si tratti: è una bevanda fermentata, si trova nel reparto frigo dei supermercati biologici ben forniti!) e profumata con zenzero, menta e scorza di limone tratta dal nuovo libro di Manuel Marcuccio “Il mio Natale è Vegan” ovvero una piccola (ma non così piccola!) raccolta di ricette natalizie completamente vegetali per chi ha deciso di fare questa scelta, per i curiosi, per chi mangia tutto, per gli intolleranti e per chi ha un’amico vegetariano o vegano e non ha idea di cosa cucinare. Il libro è diviso in 5 menù, ciascuno composto da 6 proposte, diversi: all’interno di questi aspettatevi sempre una bevanda (perché che Natale è senza un bel drink) e un dessert!

Anche se qui sul blog non se ne vedono spesso, siamo grandi fanatiche delle bevande in occasione delle festività, troviamo che sia un aspetto da non tralasciare assolutamente, perché un pasto è veramente perfetto quando curato in ogni suo dettaglio. Quando abbiamo visto che il nuovo libro di Manuel ne prevedeva una diversa per ogni menù, quindi, eravamo già certe che le avremmo sperimentate. La prima che abbiamo avuto occasione di provare è stata questa kombucha con melagrana, menta e zenzero. L’ abbiamo appunto servita durante il brunch (poiché ci serviva una bevanda non alcolica ma che fosse frizzantina ed accattivante) per il compleanno di Marta e, poiché è stata apprezzata veramente tanto, abbiamo deciso di postarla qui oggi sul blog con le nostre piccole modifiche! (altro…)

Smoothie adattogeno di ciliegie, barbabietola e lamponi // Cherry, raspberry and beet adaptogenic smoothie

WECK Droit 290ml – MCM Emballages

(English recipe follows) Era da un po’ che volevamo scrivere questo post: un post nel quale vi raccontassimo nel dettaglio del nostro libro, di quello che troverete al suo interno, quando potrete finalmente acquistarlo e molto altro. Quindi, iniziamo dalla cosa fondamentale: la data di uscita. Sappiamo di avervi dato, in questi mesi, delle date un po’ vaghe e non ben definite, dicendo una volta “giugno” e l’altra “luglio”, ma ora è ufficiale: il libro sarà preordinabile dal sito della casa editrice, Eifis, dal 28 Agosto (se volete già mettere le mani avanti e avere la vostra copia, cliccate qui) e in libreria dal 7 Settembre. Sappiamo che, rispetto ai tempi che avevamo indicato, risulta un po’ “in ritardo”, ma possiamo assicurarvi che, visto il successivo piccolo blog tour per promuovere il libro che sarebbe comunque avvenuto a Settembre, questa è stata la scelta migliore.

Per quanto riguarda il contenuto, all’interno del libro troverete 100 ricette vegane e senza soia, per sfatare il mito che chi decide di avere un’alimentazione a base vegetale si nutra soltanto di questa. 92 di queste sono interamente senza glutine (con una sezione dedicata ai dolci non soltanto senza uova e lattosio ma anche gluten free) e le restanti 8, invece, sono dedicate al nostro adorato lievito madre e realizzate, di conseguenza, con farina di farro. Troverete una divisione un po’ “stravagante” che speriamo non confondervi troppo e che possa farvi realmente entrare nella nostra dimensione e nella nostra cucina: il libro infatti non è suddiviso in pasti o stagioni ma, piuttosto, in ingredienti che amiamo, in sensazioni che ci comunica il cibo, in momenti della giornata o in “categorie” di cibo. In tutto, si tratta della bellezza di 12 capitoli.

Cosa troverete al suo interno? Beh, possiamo dirvi che siamo particolarmente soddisfatte dei nostri Croissant all’olio di cocco, dei Waffles di patate dolci e lenticchie rosse, del Paté di dulse e girasole e dei Cupcakes al cioccolato con ganache all’avocado. Troverete anche alcune delle ricette più apprezzate del nostro blog, come questa Crema spalmabile di verdure grigliate che potete preparare in questi mesi, mentre aspettate l’uscita del libro. Ah, il nome? Naturalmente Buono, che domande!

Quanto allo smoothie che vi proponiamo oggi, invece, ci riallacciamo a quel bisogno di nutrici di cose fresche e leggere di cui parliamo ultimamente nei nostri post: con il caldo estivo, sebbene la fame, per noi, non diminuisca, il bisogno di cibo fresco e il consumo ancora più aumentato del solito di frutta e verdura aumenta.
Perché adattogeno? Perché abbiamo utilizzato due superfoods, in questo caso maca e ashwagandha, noti per le loro proprietà adattogene, ovvero la capacità di permettere al corpo di adattarsi alle situazioni di stress o di sforzo psicofisico e di supportarlo. Personalmente, abbiamo notato come proprio questi due in particolare siano fondamentali per noi e per i nostri bisogni e fungano quasi da “calmanti”quando il nostro corpo ci manda segnali di stanchezza/stress. Per il resto, le ciliegie, di cui per ora, essendo di stagione, facciamo grandi scorpacciate, non potevano proprio mancare. Abbiamo aggiunto della barbabietola, sfruttando così della verdura dal naturale sapore dolce, e dei lamponi perché il tutto non virasse troppo ad una dolcezza stucchevole e aggiungessero un tocco di acidità tale da esaltare gli altri sapori. (altro…)

Cappuccino superfood + un paio di belle notizie // Maca + reishi superfood cappuccino

È da un po’ che siamo assenti e altalenanti su sul blog, quindi quale modo migliore per raccontarvi delle ultime belle novità se non quello di prendere un caffè insieme, come vecchi amici che non si vedono da tempo?

Abbiamo trascorso il weekend precedente a Milano, in occasione dei Cucina Blog Award ’17 organizzati dal Corriere in occasione di Cibo a Regola d’Arte. Avevamo già accennato a questa iniziativa un paio di settimane fa, raccontandovi del nostro essere finaliste e chiedendovi di sostenerci ancora una volta. Quindi, innanzitutto, vorremmo ringraziarvi. Non soltanto per l’esito finale della gara, ma semplicemente per averci dato l’occasione di prendere parte a tutto questo, decisamente più grande di noi e del nostro piccolo spazio online. L’abbiamo ripetuto più volte, la soddisfazione più grande è stata quella di esserci, di essere finaliste accanto ad alcuni dei nostri blog preferiti (soprattutto quelli con i quali eravamo finalisti) ma, ancora di più, quella di aver potuto finalmente associare un volto e una voce a persone con le quali ci scriviamo da tempo – alcune, dagli albori del blog! – e alle quali ci sentiamo di poter dire di voler sinceramente bene e, ancora, di aver finalmente conosciuto gli autori di blog che stimiamo e apprezziamo e che, con i loro testi e le loro foto, ci permettono sempre di sognare ad occhi aperti.

La serata di premiazione è stata un susseguirsi di emozioni. Dopo aver indossato tacchi e un vestito elegante (seppur in programma, fino all’ultimo minuto, erano previste oxford e un semplice e sbarazzino vestito a fiori), abbiamo raggiunto la location dove si sarebbe tenuta la pop-up dinner curata dagli chef del ristorante londinese “Honey & co” e la premiazione dei blog finalisti, presentata da Angela Frenda. Non abbiamo avuto neanche il tempo di assaggiare l’hummus all’harissa che, inaspettatamente, la prima categoria premiata è stata proprio quella nella quale eravamo candidate, “best Healthy food blog“. Adesso, siamo sincere: non ci aspettavamo proprio di vincere, chiaramente ci speravamo ma eravamo convinte di non essere all’altezza del premio. Eppure tutte le certezze basate sull’insicurezza ci sono crollate addosso quando la nostra piccola creatura, Naturalmente Buono, è stato nominato vincitore. Abbiamo dovuto trattenere le lacrime (ci emozioniamo facilmente!) e non abbiamo realizzato subito, tanto da guardarci incredule e fare fatica ad alzarci dalla sedia per raggiungere Angela e ritirare la nostra targa. È stato un miracolo camminare sui tacchi ed essere riuscite a spiccicare qualche parola (ndA la più piccola di noi era – ed è ancora – terribilmente raffreddata, ma per fortuna è riuscita a conservare appena un filo di voce giusto per ringraziare, al contrario della più grande che, invece, era troppo frastornata per poter dire qualcosa).

Questo premio è stata una grande soddisfazione dal punto di vista morale: cerchiamo di concentrare, ogni volta, tutto il meglio che sappiamo fare nel blog; non abbiamo grandi numeri ma non ci interessano, vista la grandissima qualità dei nostri lettori; facciamo le cose e raggiungiamo traguardi lentamente, ma sempre nel modo più pulito possibile e in quello che ci rispecchia di più, cercando di non cedere mai a proposte che, seppur allettanti, non ci rispecchino in toto. Dopo aver lavorato intensamente per 6 mesi, inoltre, è sembrato che questo premio calzasse proprio a fagiolo, come se fosse un riconoscimento per tutto ciò che abbiamo fatto. Probabilmente vi chiederete a cosa abbiamo lavorato così intensamente e cosa sia questo continuo “essere piene di lavoro da svolgere e lavorare ad un bel progetto” che abbiamo menzionato più volte, e adesso possiamo finalmente dirvelo: abbiamo appena finito di consegnare il nostro primo libro di cucina edito da Eifis Editore. Avremo modo di spiegarvi tutto più in là, parlandovi di come tutto abbia avuto inizio e di quanto impegno e costanza ci sono voluti ma, nel frattempo, sentivamo il bisogno di condividere con voi (voi che ci sostenete sempre e voi senza i quali non avremmo mai raggiunto questi traguardi) questa bella notizia. A dire il vero, è stato davvero difficile non dire nulla fino a questo momento e, adesso che possiamo finalmente farlo, vorremmo gridarlo al mondo intero. Giusto per spiegarvi un attimo di che si tratta, sappiate che è un libro interamente vegano, con la bellezza di 100 ricette (92 delle quali senza glutine) divise in un ordine decisamente personale e, speriamo, nuovo e intrigante.

Venendo al nostro caffè (perché fra una chiacchiera e l’altra bisogna anche sorseggiarlo, no?!) siamo ancora un po’ titubanti su come, effettivamente, definire questa bevanda. Si tratta di caffè americano (ma potete farlo anche con dell’espresso diluito con dell’acqua bollente, come viene servito ai bar) con l’aggiunta di burro di cocco, polvere di maca e di reishi e poi frullato tutto insieme finché le polveri saranno sciolte e si sarà formata una bella schiumetta. La maca (che avete visto spesso da queste parti) e il reishi sono due delle nostre “polverine magiche” preferite: nel caso della prima, si tratta della radice di una pianta, nel caso del reishi, invece, di un fungo medicinale. Sono entrambi due energizzanti ed adattogeni potentissimi, perfetti da assumere durante periodi decisamente “pieni” o stressanti per fornirsi una carica in più. Quanto al burro di cocco (ma, se non lo trovate, potete usare anche dell’olio di cocco), contiene acido laurico e proprietà antibatteriche e permette di sentirci più sazi e soddisfatti. Cosa da non sottovalutare, poi, rende il tutto più cremoso e profumato, aggiungendo una leggera nota naturalmente dolce. Insomma, in un periodo così pieno, c’è stato proprio bisogno di potenziare il nostro caffè per essere sempre attive e vigorose. (altro…)

Infuso zenzero e cannella

L’ultimo giorno dell’anno ci ha regalato sorprese e sentimenti inaspettati. Sembra quasi magico e surreale come proprio oggi la citt? si sia tinta di bianco. Niente ombrello per la pi? piccola, solo un paio di guanti gialli e una macchina fotografica in mano. I capelli adornati di piccolissimi fiocchi bianchi e un sorriso genuino. Tornare ancora pi? bambine, con il cuore leggero e la bocca spalancata. La testa indietro e la lingua di fuori per catturare momenti di gioia. Se ricordate la prima volta che avete visto la neve, ci chiediamo se anche questi siano stati i vostri sentimenti. E poi ancora chiuderci in casa, con le ante delle finestre aperte per poter ancora ammirare i fiocchi di neve e i tetti bianchi, con un infuso caldo stretto fra le mani, ancora infreddolite. Una ricetta che ricetta non ?, solo uno spunto rubato ad un delizioso locale di Bruxelles dove abbiamo mangiato un bagel al volo.

Niente bilanci, perch? ogni giorno ? un anno nuovo, un occasione per finire e cominciare di nuovo. Solo tanti buoni sentimenti, che possiate essere protagoniste ogni giorno. Buon anno!

(altro…)