Friggitelli con pomodorini e uva passa

I friggitelli, o friarelli, sono dei piccoli peperoni tipici dell’Italia meridionale. La cottura, come indica il nome che li contraddistingue, avviene per frittura in olio di oliva. Si possono friggere semplicemente con aglio e olio, oppure aggiungendo del pomodoro, o ancora con le patate. Noi vi proponiamo un’altra versione che ricorda i sapori arabi, stemperando il sapore piccante dei friggitelli con quello dolce della frutta secca.

Ingredienti:
250g di friggitelli (noi dell’Orto di nonno Nino)
20 pomodorini ciliegino
1 manciata di mandorle tritate grossolanamente
1 manciata di pinoli
1 manciata di uvetta
1 spicchio d’aglio
3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
basilico
sale integrale
pepe nero



Preparazione:
Lavare i friggitelli e asciugarli bene per evitare che scoppiettino durante la frittura. Togliere il picciolo, cercando di svuotarli all’interno eliminando i filamenti e i semini per evitare che risultino troppo piccanti.
In una padella mettere l’olio con l’aglio, le mandorle, i pinoli e l’uvetta, messa precedentemente in ammollo per 10 minuti in acqua tiepida. Far cuocere qualche minuto, eliminare l’aglio non appena questo si ? dorato e aggiungere i friggitelli. Dopo 2 minuti di cottura unire i pomodorini tagliati a met?. Coprire con un coperchio e lasciar cuocere per circa 10 minuti, lasciandoli croccanti. Terminare aggiungendo qualche foglia di basilico, aggiustando di sale e pepe e qualche mandorla in scaglie. Servire caldi.

Ravioli alle patate con pesto di basilico e mandorle

E dopo averlo preparato, gustiamo questo pesto! Abbiamo creato questo piatto con l’intento di modificare il pi? conosciuto con il pesto alla genovese, utilizzando le patate come ripieno della pasta. Questo ? risultato cremoso e l’unione con il condimento ? stata decisamente azzeccata.

Ingredienti per la pasta per 4 persone:
150g farina 180w
150g di semola di grano duro rimacinata
135g di uova (circa 3)
15g di vino bianco
9g di olio

Per il ripieno:
250g di patate
40g di parmigiano
1 uovo
sale integrale

Per il condimento:
pesto di basilico e mandorle (la ricetta qui)
parmigiano

Lessare le patate in acqua salata e farle intiepidire. Nel frattempo preparare l’impasto della pasta a mano o con l’aiuto di una planetaria, secondo il procedimento del maestro Montersino: quindi setacciare entrambe le farine e mettere nella planetaria con l’olio e il vino. Avviare la macchina utilizzando il gancio e aggiungere le uova leggermente sbattute poco alla volta. Se l’impasto durante la lavorazione dovesse risultare troppo duro aggiungere poca acqua. Questo risulter? pronto quando si staccher? dalle pareti della planetaria.

Avvolgere il panetto di pasta ottenuto in pellicola per alimenti e lasciare riposare per circa 30 minuti.
Preparare il ripieno schiacciando le patate con l’apposito attrezzo e unire alla purea l’uovo leggermente sbattuto e il parmigiano. Salare. Tirare la sfoglia formando delle lasagne piuttosto sottili – magari aiutandosi con l’apposito attrezzo per tirare la pasta -, mettere un po’ del ripieno di patate e richiudere il raviolo con un po’ d’uovo o acqua, pressando bene i lembi, e dando la forma tagliandolo con una rotellina.

Lessare la pasta in abbondante acqua salata e mantecare su una padella con il pesto al basilico e mandorle (la ricetta qui) e parmigiano reggiano. Servire caldo.

Pesto di basilico e mandorle

Per motivi legati alla non facile digestione dell’aglio abbiamo rielaborato, a nostro piacimento, il classico pesto alla genovese, con del bellissimo basilico regalatoci da colui che per una di noi ? il nonno e per l’altra il suocero e che ha un fantastico orticello dove coltiva frutta e verdura super biologica. Speriamo in futuro di riuscire ad avere anche noi il nostro piccolo orto!
Il pesto lo conserviamo in piccoli vasetti di vetro e lo congeliamo per utilizzarlo anche durante i mesi invernali.

Ingredienti:
30g di mandorle
50g di foglie di basilico
70g di olio extravergine d’oliva + un po’
1g di sale di sale integrale

Tritare le mandorle con un mixer e aggiungere poi il basilico, l’olio e il sale. Continuare a frullare fino a ottenere una consistenza cremosa e non asciutta (per evitarlo, eventualmente aggiungere altro olio). Versarlo in contenitori di vetro, aggiungere un filo d’olio e chiudere con un coperchio. Conservare in freezer o utilizzare subito come condimento per la pasta.

Clafoutis di susine

Quest’anno l’estate tarda ad arrivare! Le temperature a luglio sono ancora fresche e questo ci permette di accendere il forno e sfornare deliziosi dolci per le nostre merende. Oggi vi presentiamo la nostra clafoutis di susine. Soffice e dal gusto interessante grazie al sapore asprigno delle susine che col calore si fondono diventando quasi una marmellata.


Ingredienti:
500g di susine (noi dall’orto di nonno Nino)
70g di burro morbido
150g di zucchero di canna
65g di latte
3 uova
150g di farina 00
5g (mezza bustina) di lievito
Scorza grattugiata di un limone bio

Tagliare a met? le susine, togliere il nocciolo e sistemare in una teglia, imburrata o meglio ancora se ricoperta con carta forno, con la parte interna rivolta verso l’alto. Montare il burro con lo zucchero fino a ottenere un composto chiaro e spumoso. Aggiungere la scorza di limone e i tuorli uno alla volta. Versare il latte e di seguito la farina setacciata ed il lievito. Unire poi gli albumi, precedentemente montati a neve, amalgamandoli dall’alto verso il basso con una spatola. Versare il composto sulle susine e cuocere in forno preriscaldato a 180? per circa 40 minuti. A met? cottura controllare il dolce: se questo tende a colorirsi troppo coprire con un foglio di alluminio.
Una volta intiepidito, capovolgere la torta – pu? essere utile l’aiuto di un piatto -, cospargere di zucchero a velo e servire.

Trofie al pesto di zucchine

Oltre ad essere vegetariane, stiamo molto attente agli alimenti che mangiamo. Per questo preferiamo comprare in supermercati bio e da produttori biologici. L’Orto di Nonno Nino, azienda agricola di cui abbiamo gi? parlato qui, ci ha fornito delle fantastiche zucchine genovesi con le quali abbiamo preparato un gustosissimo, saporitissimo e velocissimo pesto per condire un saziante primo vegetariano.

Ingredienti per 4 persone:

300g di trofie
1 zucchina di circa 250g
6g di basilico (circa 15 foglie)
10g di pinoli
40g di olio extravergine d’oliva + 1 cucchiaio
2 mestoli di acqua di cottura
30g di parmigiano
sale integrale
pepe nero

Per guarnire
granella di pistacchi

Tagliare le zucchine a rondelle e rosolarle con un cucchiaio d’olio in padella per circa due minuti per lato. Trasferirle nel bicchiere del mixer insieme agli altri ingredienti (olio, basilico, pinoli, sale) e frullare il composto aggiungendo due mescoli di acqua di cottura della pasta. Scolare le trofie al dente e metterle in padella con il pesto e mantecare con il parmigiano. Servire con granella di pistacchio e una grattata di pepe.

Le splendide zucchine genovesi dell’Orto di Nonno Nino

Cipolle ripiene

Oggi una ricetta sfiziosa da assaporare come contorno, intermezzo tra due portate o antipasto. La preparazione ? piuttosto semplice, bisogna solo stare attenti a non rompere gli anelli delle cipolle.

Ingredienti:
4 cipolle grandi
1 zucchina genovese
60 g di pane raffermo tagliato a dadini
30g di pecorino grattugiato
30g di parmigiano grattugiato
2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
timo fresco
sale integrale
pepe nero

Togliere la buccia dalle cipolle, tagliare la parte superiore ed infornare per 20/25 minuti a 170?. Trascorso questo tempo togliere dal forno e lasciare raffreddare. Nel frattempo tagliare la parte esterna delle zucchine e farne dei cubetti, rosolare in padella con 2 cucchiai di olio fino a che saranno dorate e croccanti. Fare assorbire l’eccesso di olio su carta assorbente. Nella stessa padella fare saltare i dadini di pane e, quando anche questi saranno dorati e croccanti, unire le zucchine e spadellare insieme per 2 minuti circa. Mettere in un recipiente, unire il pecorino, il parmigiano, regolare di sale e pepe, aromatizzare con foglie di timo fresco. Svuotare le cipolle lasciando gli anelli esterni e riempire con il ripieno di zucchine. Mettere in una teglia, coprire con la calotta, versare un po’ d’olio a filo sulle cipolle e una grattugiata di sale. Infornare ancora per 10 minuti a 180?.

Limoncello

Pochi anni fa andava molto di moda, e non c’era sera d’estate che a casa di amici non si sfoderasse questo liquore, mostrando con orgoglio il proprio prodotto ‘home made’. Uno di questi lo trovavo troppo zuccherato, un altro invece troppo annacquato oppure troppo denso, essendoci chi aggiungeva del latte. La nostra ricetta a mio avviso ? bilanciata. Naturalmente si beve freddo, appena uscito dal frigo, e non necessita di particolari accorgimenti.

Ingredienti per tre litri di liquore:
1litro di alcool puro
1 litro di acqua
500g di zucchero di canna
4 limoni biologici

Far macerare le bucce dei limoni nell’alcol per tre giorni. Al quarto giorno eliminare le bucce, mettere l’acqua in un pentolino e, non appena inizia a bollire, spegnere il fuoco sotto la pentola e versarvi lo zucchero per farlo sciogliere. Versare lo sciroppo in una grande recipiente e unire l’alcool. Versare il liquore ottenuto nelle bottiglie. Conservare in frigo.

Muffins integrali ai mirtilli

 

Oggi ci siamo dedicate ad una ricetta leggera di muffins, che abbiamo scoperto da Csaba della Zorza, che Bill Granger ha ideato per i suoi bimbi. Abbiamo usato i mirtilli al posto dei lamponi usati da Csaba e l’olio evo piuttosto che quello di semi: il risultato finale ? stato ugualmente ottimo.

Ingredienti per 12 muffins:

185 gr farina 0
150 gr farina integrale
1 bustina di lievito
1 cucchiaino di cannella
155 gr zucchero di canna grezzo
250ml di latticello (oppure 125ml di latte e 125ml di yogurt naturale amalgamati insieme)
125ml yogurt intero
2 uova
2 cucchiai di olio evo
400 gr di mirtilli
Unire insieme in una grande ciotola gli ingredienti secchi: le farine setacciate, lo zucchero, la cannella e la bustina di lievito.?In un altro recipiente unire gli ingredienti liquidi: le uova leggermente sbattute, il latticello, lo yogurt e l’olio.
Versare gli ingredienti liquidi nel recipiente con le farine e mescolare poco con un cucchiaio di legno. Aggiungere poi i mirtilli mescolando con cura e facendo attenzione a non romperli.
Travasare l’impasto nei pirottini di carta inseriti nell’apposita teglia ed infornare a 180? per 20/25 minuti o comunque finch? i dolcetti risultino dorati.

Cheesecake alle fragole

Se c’? una cosa che ci piace (e dobbiamo) fare, ? comprare verdura e frutta biologici ogni sabato mattina al mercato di Villa Sperlinga qui a Palermo. Uno dei produttori dal quale vado sempre ? Benedetto, dell’azienda agricola L’Orto di Nonno Nino, che ha sempre frutta e ortaggi bio freschissimi e buonissimi. Proprio ieri ha deciso di regalarci un cestino di fragole con le quali abbiamo deciso di fare una marmellata al volo (la ricetta la trovate qui) per farcire un fantastico cheesecake (meno male che oggi non c’era troppo caldo!)

Ingredienti
Per il biscotto
200g di biscotti secchi
75g di burro morbido

Per la crema
180g di zucchero di canna
450g di formaggio cremoso
4 uova
Scorza grattugiata di un limone

Confettura di fragole (qui la ricetta della nostra)
Fragole per decorare

Per il biscotto
Foderare una teglia a cerniera di 20 cm di diametro con la carta forno. Preparare la base della torta impastando in un mixer i biscotti con il burro finch? l’impasto non diventi sabbioso. Distribuirlo nella teglia aiutandosi con una spatola e livellanrlo con l’aiuto di un cucchiaio premendo un po’. Far riposare in frigo per almeno un’ora.

Per la crema
Frullare insieme nel mixer tutti gli  ingredienti -uova, zucchero, formaggio e scorza di limone – fino ad ottenere un composto omogeneo e ben amalgamato. Versare la crema ottenuta sulla base di biscotto e far cuocere in forno caldo a 180? per 50 minuti circa. Lasciar raffreddare.

Quando la torta si sar? raffreddata aprire lo stampo della tortiera, togliere la carta forno, mettere la torta su un piatto spalmandovi sopra la confettura di fragole e decorare a piacere con queste ultime. Conservare in frigo.

E queste sono le bellissime fragole dell’Orto di Nonno Nino

Torta soffice di albicocche

Ancora albicocche! Quando te ne regalano cinque chili e somigliano a delle pesche tanto sono grandi, devi trovare un modo per smaltirle per evitare che vadano a male. Dopo la confettura ci siamo quindi dedicate a questa torta soffice e leggera, adatta per la prima colazione e consigliata a coloro che desiderano evitare l’uso del burro.

Ingredienti:

200g di farina
4 uova
160g di zucchero di canna
100ml di latte intero
100ml di yogurt intero
400g di albicocche

Montare lo zucchero con le uova fino a che diventino bianche e spumose con una planetaria o fruste elettriche. Aggiungere il latte, lo yogurt e la farina setacciata amalgamando il tutto con una spatola e mescolando con delicatezza. Versare l’impasto su una teglia e distribuire sopra le albicocche private del nocciolo e tagliate a pezzi. Infornare in forno caldo a 180? per 40 minuti circa.

Con questa ricetta partecipiamo al contest Breakfast Time di L’Incapace in Cucina