Gratin di pastinaca e senape // Mustard parsnip gratin

Oggi una ricetta velocissima così da poterci dedicare al post decisamente meno veloce del nostro panettone vegano: un panettone a base esclusivamente di farina di farro, dolcificato naturalmente con lo sciroppo d’acero, senza prodotti industriali (vade retro margarina!) e senza alcun prodotto di origine animale? Vi assicuriamo che è possibile (e anche buonissimo!).

Ma veniamo a questo gratin. Come abbiamo detto più volte, la nostra routine settimanale non può essere tale senza la nostra usuale tappa del sabato mattina al mercato del contadino. Ci forniamo da produttori con certificazione biologica, abbiamo imparato a capire chi ha le carote più buone e, quando possiamo, mandiamo una mail il giorno precedente per farci mettere da parte le verdure delle quali abbiamo bisogno.

Così, quando abbiamo letto nell’elenco di una delle nostre produttrici più fidate che era disponibile la pastinaca (radice che, qui, è ancora poco diffusa), ci siamo affrettate subito a farcene mettere da parte una buona quantità, che non è mica da tutti i giorni trovare la pastinaca.

Oltre a tagliarle semplicemente a bastoncini, condirle con un goccio di olio extravergine, un po’ di erbe e un pizzico di sale, arrostirle in forno e mangiarle come fossero “patatine”, questo è stato uno dei nostri modi preferiti di consumarle. Il nostro gratin di pastinaca si ispira ai classici gratin di patate colmi di panna e burro ma in versione vegan e usando appunto queste radici al posto delle classiche patate. Abbiamo usato anacardi e latte di mandorla per conferire cremosità e della senape all’antica e del lievito alimentare in scaglie per renderlo davvero saporito. È un contorno confortevole e nutriente e, se riuscite a recuperare un paio di pastinache, perché non servirlo per il pranzo di Natale?

GRATIN DI PASTINACA E SENAPE
Vegano, Senza Glutine, Senza Grani, Senza Soia
PORZIONI: 6 – 8
NOTE: Se non riuscite a trovare le pastinache potete usare delle patate, tenendo conto che i tempi di cottura potrebbero variare.

Ingredienti:
600g di pastinaca
320g di latte di mandorla non dolcificato
50g di anacardi
2 spicchi d’aglio
2 cucchiai di senape all’antica
1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva + un po’
1 cucchiaio di timo fresco
3 cucchiaini di lievito alimentare in scaglie
1/2 cucchiaino di noce moscata
sale rosa dell’himalaya

Procedimento:
Ammolla gli anacardi in acqua per almeno 4 ore. Preriscalda il forno a 190°C. Pela le pastinache, tagliale a rondelle e sbollentale in acqua salata per 9 minuti. Frulla gli anacardi con metà del latte di mandorla fino ad ottenere una salsa senza grumi. Aggiungi il resto del latte, gli spicchi d’aglio, il timo, il lievito alimentare, la senape, la noce moscata e una presa di sale e frulla ancora. Condisci le fette di pastinaca con l’olio e disponile in una teglia capiente sovrapponendole fra loro. Versa sopra la crema a base di anacardi e un goccio d’olio extravergine d’oliva e inforna per circa 30 minuti.

PARSNIPS + MUSTARD GRATIN
Vegan, Gluten Free, Grain Free, Soy Free
SERVES: 6 – 8
NOTES: If you don’t have any parsnip on your hand, you can try making this with potatoes, but cooking time may vary

Ingredients:
600g parsnips
320g almond milk
50g cashews
2 cloves of garlic
2 tbsp old style mustard
1 tbsp extravirgin olive oil + a bit for topping
1 tbsp fresh thyme
3 tsp nutritional yeast
1/2 tsp grated nutmeg
pink himalayan salt

Method:
Soak cashews for at least 4 hours. Preheat oven to 190°C. Peel and finely slice parsnips, then boil them in salted water for 9 minutes. Blend soaked cashews with half of the almond milk until you get a smooth sauce. Add the rest of the milk, mustard, garlic, nutritional yeast, nutmeg, thyme and some salt and blend again. Season cooked parsnips with olive oil and place them into a pan. Pour the cream over the veggies, top with a little extravirgin olive oil and bake for about 35 minutes.

 

Marta e Mimma

3 Comments

  1. Rispondi

    saltandoinpadella

    21 Dicembre 2016

    Buonoooo. Qua si trovano abbastanza facilmente e in casa mia piacciono molto. Di solito le mangiamo direttamente crude o al massimo le cuociamo al forno. Non avevo mai pensato ad usarle al posto delle patate per un gratin. Davvero molto invitante

  2. Rispondi

    tizi

    21 Dicembre 2016

    che buono questo gratin! una coccola calda da gustare con lentezza, in questi giorni di (quasi) festa.
    buon natale care, un abbraccio grande :)

  3. Rispondi

    luisa

    4 Gennaio 2017

    Ho trovato la pastinacaaaaa.. ho fatto una scorta da paura e a pranzo ho già fatto una bell’arrosto di “radici”: pastinaca, batata e carota semplici al forno con erbe aromatiche..
    Ma adesso vado di gratin: senape, anacardi e latte vegetale sono sempre in dispensa/frigo, quindi a breve si va di questa ricetta! bacio donne

LEAVE A COMMENT

RELATED POSTS