Daal di lenticchie rosse con mandorle salate // Red lentil + salted almonds daal

dahl

(English version below) Dal nostro viaggio a Copenhagen siamo tornate con tanta voglia di esplorare tutta la penisola scandinava e circa 10kg in più…in valigia. La bilancia infatti non ci ha fatto alcun brutto scherzo (che fra tutto quel camminare, andare in bici e trasportare valige estremamente pesanti sarebbe stato piuttosto difficile), ma non possiamo negare di aver temuto che fossero proprio i nostri stessi bagagli a farcene uno ancor più brutto in aeroporto. Per fortuna, tutto è filato liscio e siamo riuscite a riportare a casa il nostro piccolo patrimonio. Tra piatti, ciotole, tazze, posate e un’incredibile varietà di tè (siamo soltanto noi a credere che si trovi molta più varietà e che spesso sia anche più buono il tè all’estero?), non potevamo non portarci dietro anche due splendidi ricettari, fra i quali quello di Grœd. Se avete letto il post sulla nostra vacanza danese, forse vi ricorderete di quanto abbiamo elogiato questo posto (d’altronde, eravamo partite già con la certezza che lo avremmo adorato), tanto da fare in modo che la nostra prima ed ultima colazione, per iniziare e finire con il piede giusto, fossero inevitabilmente a base di porridge. Grœd, infatti, è un locale che serve porridge e un’infinita varietà di cerali risottati, e il libro non potrebbe essere diverso. Tra le infinite e decisamente eccitanti e gustose alternative che ci si sono prospettate, una fra tutte, sin dal primo istante, è stata la prescelta. Adesso, è vero, quella del daal è una ricetta piuttosto semplice e conosciuta, ma c’è un motivo se noi abbiamo deciso di preparare proprio questa: è da quando lo abbiamo visto segnato nel loro menu a Copenhagen che lo abbiamo desiderato e, poiché la voglia di provare diversi locali era tanta e il daal non è esattamente una di quelle cose che desideri mangiare per colazione, abbiamo dovuto rimandare fino al nostro ritorno a casa.

dahl-5

DAAL DI LENTICCHIE ROSSE – da Grœd
Vegano, Senza glutine, Senza grani
PORZIONI: 4
NOTE: La ricetta è quasi identica a quella del libro, abbiamo semplicemente omesso lo Skyr, usato dell’olio di cocco per soffriggere e leggermente diminuito la quantità di succo di limone e zenzero. Nonostante le lenticchie rosse impieghino davvero poco a cuocere, perché il dahl assorba per bene tutti i sapori e necessario allungare i tempi di cottura: non vi preoccupate che si sfaldino, è esattamente questa la consistenza che volete ottenere.

INGREDIENTI:
250g di lenticchie rosse
650ml di acqua
400ml di latte di cocco
250g di polpa di pomodoro
1 cipollotto
2 spicchi d’aglio
4 foglie di lime
1 peperoncino rosso
1 carota
2 cucchiai di succo di limone
2 cucchiai di olio di cocco
2 cucchiaini di zenzero fresco grattugiato
2 cucchiaini di polvere di curry madras
sale rosa dell’himalaya

125g di pomodorini, tagliati in quarti
1/2 mazzo di coriandolo fresco
50g di mandorle salate tostate e tritate

PROCEDIMENTO:
Scalda l’olio di cocco in una grande pentola. Trita il cipollotto e il peperoncino, privandolo dei semi, e aggiungili all’olio con lo zenzero grattugiato, gli spicchi d’aglio e il curry. Lascia insaporire per 4 – 5 minuti. Pulisci la carota e tritala in piccoli cubetti e aggiungi anche questa. Sciacqua le lenticchie e aggiungile alla pentola. Fai insaporire velocemente, poi versa l’acqua e unisci il sale e le foglie di lime. Fai cuocere finché le lenticchie avranno assorbito tutta l’acqua (ci vorranno circa 15 minuti), poi aggiungi la polpa di pomodoro e il latte di cocco e cuoci finché si saranno assorbiti anche questi, per circa altri 15 minuti. Assaggia, aggiusta di sale e condisci con il succo di limone. Per servire, cospargi il daal con i pomodorini, il coriandolo tritato e le mandorle salate.

dahl-2

We came back from our Copenhagen trip with the desire to visit all the Scandinavian peninsula and about 10kg more…on our bags. In fact, wasn’t our weight to grow (with all those bike trips, walks and heavy luggages to carry on it would have been quite impossible), but the weight of our luggages: we would lie if we say that we fear that we would have had to leave something at the airport. Fortunately, everything went all right and we were able to carry on all of our tableware heritage. Between all of those bowls, plates, mugs and packets of tea (are we the ones to think that you have much more choice and teas taste better outside Italy?), we brought home also two amazing cookbooks. One of them was the cookbook from Grœd – that, if you red our Copenhagen guide, you already know how much we loved that place and that our first and last breakfasts were porridges there. Grœd is a porridge-based bar which serves anything from oatmeals to every kind of both sweet and savory cereal porridges. Between all the amazing and super tasty alternatives we could have choose in the cookbook, we went for a simple but oh so delicious red lentil daal. Now we know, daal is such a simple and already known recipe, but as we dreamt about this baby since the first time we saw it was on the menu and we didn’t have the opportunity to have it as we wanted to try different restaurants and dahl isn’t exactly our idea of breakfast, once arrived at home this must have been the first recipe from the book.

dahl-3

RED LENTIL DAALfrom Grœd
Vegan, Gluten free, Grain free
SERVES: 4
NOTES: The recipe is almost the same of the one in the book, we just omitted the Skyr and reduced lemon juice and ginger. We know red lentils cook quickly, but as you bring out all of the amazing flavors, here you need to cook them longer. Don’t worry that they can overcooks, you want a pretty mushy consistency.

INGREDIENTS:
250g red lentils
650ml water
400ml coconut milk
250g crushed tomatoes
1 spring onion
2 cloves of garlic
1 red chilli, deseeded
1 carrot
4 lime leaves
2 tbsp lemon juice
2 tbsp coconut oil
2 tsp curry madras powder
2 tsp grated fresh ginger
pink himalayan salt

125g fresh cherry tomatoes, chopped into quarters
1/2 bundle of fresh coriander
50g roasted and chopped salted almonds

METHOD:
Heat coconut oil in a big pot. Chop spring onion, ginger and deseeded chilli and add to the pot with the curry and garlic cloves. Fry for about 4 – 5 minutes. Finely chop into cubes the carrot and add it into the pot. Rinse lentils, add them to the pot and quickly stir fry. Add water, lime leaves and salt and bring it to boil. Cook for about 15 minutes, until all liquid has been absorbed, then add the tomatoes and coconut milk and boil for other 15 to 20 minutes or util the daal has the right consistency. Season with lemon juice and more salt, if necessary. To serve, top the daal with cherry tomatoes, chopped coriander and salted almonds.

Marta e Mimma

12 Comments

  1. Rispondi

    tizi

    3 Ottobre 2016

    una ciotola che trabocca di colori, salute e bontà! come mi piacerebbe una volta venire a pranzo da voi… mi state facendo appassionare sempre di più alla cucina veg, con questi piatti così allegri e originali!
    un bacio e buona settimana care :)

  2. Rispondi

    Silvia Brisi

    3 Ottobre 2016

    Che buono, lo adoro!! A volte lo preparo e mi piace sperimentare ricette sempre nuove, il vero è che non mi è mai capitato di trovarne due uguali!! La prossima volta provo questo!!
    Si, anche io non lo preparerò per colazione!!
    Buona settimana!

  3. Rispondi

    Simona

    4 Ottobre 2016

    Quanti bei colori e sapori in questo piatto *_* Viva le lenticchie!

  4. Rispondi

    zia consu

    4 Ottobre 2016

    Un viaggetto con voi me lo farei proprio volentieri alla scoperta di questi bellissimi e golosissimi piatti ^_^ Quel libro deve essere strepitoso e la ricetta che ne avete estrapolato mi ha fatto venire l’acquolina :-P Complimenti e alla prossima <3

  5. Rispondi

    Alessandra

    5 Ottobre 2016

    Adoro le lenticchie rosse! E i colori di questa ricetta sono fantastici, mettono molta energia…tra l’altro ho da poco (ri)scoperto il sapore del coriandolo fresco che adesso amo, quindi la proverò sicuramente! *_*
    Sul tè sono d’accordo con voi, in Italia la qualità dei prodotti non mi sembra molto alta e soprattutto c’è davvero poca scelta (a me piace molto quello verde e la ricerca è ancora più difficile) :)))

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      5 Ottobre 2016

      il coriandolo è una di quelle cose che al primo assaggio odi, ma, una volta fatta l’abitudine, inizi ad amare e trovare indispensabile..non trovi? i nostri toast all’avocado non sono più la stessa cosa senza una genuina dose di coriandolo fresco ;-) sul tè, beh, qui incontri altre due fanatiche del tè verde che non iniziano giornata senza una confortante (ma anche due) tazza di tè verde!

  6. Rispondi

    Peanut

    5 Ottobre 2016

    E pensare che io ti ci avrei visto, Marta, a mangiare il daal per colazione!:D
    Credo di averlo fatto una volta soltanto e non ricordo quale ricetta abbia seguito esattamente, ma quel che è certo è che non mi farò mancare quella di Grœd, nella speranza, un giorno, di mangiarlo proprio lì <3
    Sopra ci vedrei proprio bene le mandorle al peperoncino o al curry della Fattoria della Mandorla, non so se conoscete ma vi piacerebbero sicuramente! :3

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      5 Ottobre 2016

      Lu, tu mi conosci fin troppo bene: ti confesso che un pensierino a mangiare il daal l’avevo anche fatto.. poi insomma, mi sono detta che forse curry e lenticchie di mattina non le avrei digerite molto bene (il mio intestino è già piuttosto “delicato” di suo), e ho optato per i miei classici e amati lamponi- questa visita a Copenhagen dobbiamo proprio farla eh? con tanto di gelato da Nicecream! quanto alle mandorle, sicuramente starebbero benissimo.. proprio qualche giorno fa abbiamo preparato delle mandorle spezzate straordinarie e adesso che ci hai messo la pulce nell’orecchio non vediamo l’ora di metterle sopra il daal!

  7. Rispondi

    Francesca

    6 Ottobre 2016

    Come un quadro, avete dipinto l’autunno. Ci sono pennellate morbide e dettagli in rilievo, i colori si fondono e quel ciuffetto verde è come una risata in una mattina di ottobre! :-)

  8. Rispondi

    Ilaria Guidi (Campi di fragole per sempre)

    8 Ottobre 2016

    Sempre ricette adorabili qui…bellissime foto e magiche atmosfere…
    Un abbraccio carissime ♥ ♥

  9. Rispondi

    arianna

    11 Ottobre 2016

    In mezzo a tanti commenti ispirati, una domanda prosaica: con cosa posso sosituire le foglie di lime???
    grazie!

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      11 Ottobre 2016

      ciao Arianna! puoi tranquillamente sostituire con la scorza di un lime (possibilmente non trattati) o semplicemente omettile: il daal sarà ugualmente buono. Grazie a te, a presto

LEAVE A COMMENT

RELATED POSTS