Chips di cavolo riccio // Cheesy vegan kale chips

kale-chips-5

(English version below) Non siamo esattamente il tipo di ragazze da patatina e decisamente meno da popcorn. Ma le chips di cavolo riccio cambiano decisamente le carte in tavola. La prima volta che le abbiamo assaggiate è stato un po’ meno di due anni fa, quando sembrava impossibile trovarle – non che adesso, qui in Italia, la situazione sia cambiata molto – e l’unico modo per potersene gustare un pacchetto era ordinarle da internet, e ne siamo completamente andate pazze. Una volta appurato che ci piacevano, troppo e in qualsiasi gusto – persino quelle dolci al cioccolato -, è diventata, come al solito, una sfida al cercare di riprodurle in casa per ottenere quella perfetta consistenza e il gusto ‘formaggioso’ senza dover spendere troppi soldi. L’anno scorso abbiamo fatto un paio di tentativi limitandoci a condire il cavolo riccio con sale, limone e olio extravergine d’oliva: abbiamo provato sia ad essiccarle, così da mantenerle crude, sia ad infornarle, ma in entrambi i casi, seppur deliziosi, persisteva il difetto più importante: la consistenza. Sebbene, infatti, appena uscite dal forno o dall’essiccatore le nostre chips di kale erano decisamente buone seppur al naturale, una volta raffreddatosi sono diventate decisamente mollicce. Quest’anno, cominciata nuovamente la stagione di cavolo nero e cavolo riccio e grazie ad un inaspettata tornata di cavolo riccio sulla quali, ultimamente, riusciamo a mettere su le mani, abbiamo deciso di riprovarci ed imitare in tutto e per tutto il condimento di quelle che ci avevano conquistato. Anacardi ammollati, frullati con un po’ d’acqua fino ad ottenere una salsina cremosa e origano, paprika affumicata e lievito alimentare in scaglie per insaporire e conferire quel sapore “formaggioso”. Possiamo assicurarvelo: sono talmente deliziose e croccanti (e affatto mollicce!) da poter finire l’intera tornata in una serata. Mangiare la propria porzione di verdure a foglia verde scuro non è mai stato tanto esaltante!

kale-chips

Chips di cavolo riccio
Vegano, Senza Glutine, Senza Grani, Crudo, Paleo
NOTE: Per queste chips abbiamo utilizzato cavolo riccio, ma il sapore sarà altrettanto gustoso e buono usando del cavolo nero. Abbiamo essiccato le nostre chips nell’essiccatore a 42 gradi per mantenerle “crude”, ma poiché non tutti dispongono di un essiccatore e il processo richiede diverse ore, potete tranquillamente infornarle a 150°C per 25 minuti (girando la teglia a metà cottura) o finché saranno croccanti: non assicuriamo però che si mantengano croccanti come quelle essiccate.

Ingredienti:
1 mazzo di cavolo riccio
100g di anacardi, ammollati per almeno 4 ore
100g di acqua
20g di lievito alimentare in scaglie
1 cucchiaio di origano
1/2 cucchiaino di paprika affumicata
sale rosa dell’himalaya

Procedimento:
Metti ammollo gli anacardi per almeno 4 ore. Trascorso questo tempo, frulla gli anacardi con l’acqua, il lievito alimentare, l’origano, la paprika affumicata e una buona presa di sale. Priva il cavolo riccio dei gambi, lava bene le foglie, asciugale e poi tagliale grossolanamente e riuniscile in una grande insalatiera. Versa sopra il cavolo riccio la crema di anacardi e “massaggia” il cavolo con le mani finché il condimento sarà ben distribuito e le foglie si saranno ammorbidite. Mettilo nell’essiccatore a 42 gradi da 14 a 24 ore (più piò stare, più le chips saranno croccanti), distanziando bene le foglie fra loro, altrimenti non si essiccheranno bene e saranno mollicce.

kale-chips-3kale-chips-4

We’re not actually the potato chips or, even less, the popcorn kind of a girl. But kale chips change everything. The first time we tasted them was about two years ago, when it was impossible to find them in Italy – well, the situation isn’t changed very much since than – and the only way to enjoy them was to order them online, and we went nuts for them. After trying all the flavors and realizing how much we were obsessed with kale chips (also the cinnamon + chocolate ones were a bomb), it become, as usual, a challenge to try to make them as crunchy, delicious and cheesy at home without spending too much money. Last year we made a few experiments, just seasoning the kale with some lemon juice, salt and good quality extravirgin olive oil: we tried both dehydrating them at 42 degrees to make them raw and preserve all the nutritional values and baking them into the oven but, in both of the cases, even though the flavor was delicious, there were a huge problem we needed to face: the consistency. Straight out of the oven or the dehydrator, the chips were crunchy and pretty good, but once cooled down, they were quite soggy and not amazing at all. This year, now that finally curly and lacinato kale are in season and that, unexpectedly, we were able to find weekly some curly kale here in Sicily, we started experimenting again and came up with these amazing kale chips that are as much as good as packaged ones but definitely less expensive. Soaked cashews blended with a little water until obtain a creamy sauce and some oregano, smoked paprika and nutritional yeast to get that cheesy flavor: that’s all. They are to die for, so tasty and crunchy you can end up eating the whole batch in just one night (as we did). Eating your greens has never been so good and exciting!

kale-chips-1

Cheesy kale chips
Vegan, Gluten free, Grain free, Paleo, Raw
NOTES: We used curly kale for those chips, but if you only have tuscan kale on your hands, that it’s going to be great too. We dehydrate our kale chips at 42 degrees, but if you don’t have any dehydrator and as the method will take several hours, you can simply put your kale chips into the oven at 300F/150°C for 25 minutes (rotating the tin after 15 minutes) or until they get crunchy. We can’t assure you that the result is going to be as crunchy as the dehydrator method.

Ingredients:
1 bunch curly kale
100g cashews, soaked for at least 4 hours
100g water
20g nutritional yeast
1 tbsp oregano
1/2 tsp smoked paprika
pink himalayan salt

Method:
Soak cashews for at least 4 hours. Blend soaked cashews with water, nutritional yeast, oregano, smoked paprika and salt until you get a creamy sauce. Discard the steam from the kale, then clean and dry well kale leaves. Roughly chop them and put them in a large bowl. Season with the cashews sauce, then massage until the leaves are going to be softened and covered by the sauce. Dehydrate them at 42°C from 14 to 24 hours (the most you’re going to dehydrate them, the best they’re going to be).

Marta e Mimma

11 Comments

  1. Rispondi

    Francesca Quaglia

    11 Ottobre 2016

    Le ho provate a New York e mi sono piaciute molto ( tant’è che le avevo rifatte anche a casa, ma senza essicatore :( ). Quelle di alga nori, però, mi piacciono ancora di più. Me le fate? ;) Un bacio

  2. Rispondi

    valentina | sweet kabocha

    11 Ottobre 2016

    Ci credi che a me una ditta ha mandato chips e altra roba croccante a base di kale e ho ancora i sacchetti in dispensa? XD Come si dice, chi ha il pane non ha i denti…Non è che non mi piacciano, è che non facendo snacks, non ho mai l’occasione di mangiarle (tanto che una volta, pur di assaggiarle, le ho spezzetate sopra ad un porridge :P )

  3. Rispondi

    zia consu

    11 Ottobre 2016

    Come vorrei allungare una manina e rubarvene una bella manciata! Non ho l’essiccatore ma proverò la versione al forno…mi intrigano troppo :-P

  4. Rispondi

    Silvia Brisi

    11 Ottobre 2016

    Il cavolo riccio qui non è che si trovi con facilità ma voglio provarle almeno con il cavolo nero, quello lo trovo eccome!! L’ essiccatore prima o poi approderà anche a casa mia, nel frattempo andrà bene il forno!
    Sfiziosissimo!!
    Buona serata!

  5. Rispondi

    Chiara

    11 Ottobre 2016

    non ho la più pallida idea del loro sapore, mi limito ad ammirare le vostre foto, siete sempre più brave !

  6. Rispondi

    Simo

    12 Ottobre 2016

    …che idea stupefacente….sarebbero perfette per mia figlia che mangia la verdura con difficoltà!
    Me le segno…
    Fantastiche!!!!!!!

  7. Rispondi

    Margherita

    12 Ottobre 2016

    Come potrete immaginare qua vanno tantissimo di moda, le si trovano praticamente ovunque, ma nonostante questo non sono proprio economicissime. Io le adoro, ma certo non mi é mai venuto in mente di farle da sola… mi chiedevo una cosa visto che avete fatto tutte queste prove, l’essiccatore é necessario? Immagino che in forno il risultato non sia proprio lo stesso…

  8. Rispondi

    Margherita

    12 Ottobre 2016

    Scusate ho letto bene adesso…. non date garanzie sulla croccante per il forno, con tutto il kale che mi becco ogni martedì dal “contadino” sai quante chips potrei fare?!?! Scusate il doppio commento..

  9. Rispondi

    MARI

    12 Ottobre 2016

    L’hanno scorso ho fatto indigestione di chips di cavolo nero: che bontà! …quest’inverno grazie a voi, sarà l’era del cavolo riccio croccante!!! ;-)

  10. Rispondi

    Francesca

    17 Ottobre 2016

    Questa è bella, anzi, questo è un segno! Stamattina ho cercato in rete dei post sulle chips di cavolo… ero incuriosita, volevo capire come farle e mi è piaciuto scoprire che tra gli ingredienti serve la paprica. Stasera vengo qui – quando si può, il “rito” dei saluti di domenica ai blog preferiti cerco di mantenerlo! – e vedo foglie verdi croccanti… e con foto molto più belle di quelle in cui mi sono imbattuta, grazie a Marta che ormai va forte come un treno! :-) Non ho l’essiccatore ma voglio tentare comunque e già immagino il “cronc” del primo assaggio!

  11. Rispondi

    Erica Di Paolo

    24 Novembre 2016

    Ne ho giusto un barattolone pieno. Non ho messo solo l’origano, rispetto a questa versione. Ma la prossima volta ci provo ^_^
    Il mio essiccatore lavora a non finire ^_^
    Un bacione!!

LEAVE A COMMENT

RELATED POSTS