Zuppa piccante di fagioli azuki, kale e quinoa

IMG_6098

Tempo fa parlavamo di tali “ingredienti feticci” dei quali la foodblogger ? sempre alla ricerca. Nella nostra lista si annoveravano crescione (al quale stiamo provvedendo) e coriandolo – che troviamo con difficolt? e abbiamo invano tentato di portarcene una piantina dalla Germania -. Pensandoci, per?, sono ben pi? i fatidici e introvabili ingredienti che desideriamo tanto, primo fra questi il kale. In italiano?cavolo riccio, il kale ? la fissazione degli ultimi anni dei paesi anglosassoni: dagli smoothie, alle chips e alle insalate, tutto gira intorno a questa verdura che sembrerebbe vantare incredibili propriet? nutrizionali e antiossidanti. Insomma, quando lo abbiamo visto l?, bello esposto sul banco orto-frutta del supermercato bio di fiducia, potete immaginare quanto contenere l’emozione sia stato difficile. Cos? ce ne siamo portate 3 bei mazzi a casa e abbiamo studiato su come poterlo impiegare: la scelta ? stata la pi? semplice e la pi? soddisfacente – una zuppa. Di quelle che non c’? neanche bisogno di avere la scusa del freddo per mangiarla perch? ? davvero buona. Se dovessimo descrivere il sapore del cavolo riccio, probabilmente lo assoceremmo alle foglie dei broccoli, d’altronde si tratta pur sempre della stessa famiglia. Dunque: zuppa. Buona, semplice, veloce, genuina. Con quinoa e fagioli azuki, per non farci mancare nulla. E una punta piccante, che non sta mai male. A voi!

IMG_6110

Ingredienti:
450g di fagioli azuki cotti
150g di quinoa
1l di acqua
140g di cavolo riccio
1 o 2 cipollotti
2 cucchiaini di paprika piccante
2 cucchiaini di origano secco
2 – 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
sale rosa dell’himalaya

Procedimento:
In una casseruola scalda l’olio con i cipollotti e lascia insaporire a fiamma bassa per 2 minuti. Aggiungi i fagioli, la paprika e l’origano e lasciali rosolare per 3 minuti mescolando spesso con un cucchiaio di legno. Aggiungi l’acqua, aggiungi il sale e porta ad ebollizione. Quando l’acqua star? bollendo, aggiungi la quinoa precedentemente sciacquata sotto l’acqua corrente. Fai cuocere 8 minuti, poi aggiungi il cavolo riccio tagliato a pezzi e fai cuocere per altri 8 minuti. Se necessario, aggiungi altra acqua. Servi calda con un goccio di olio extravergine d’oliva a crudo.

Marta e Mimma

20 Comments

  1. Rispondi

    simona mirto

    28 Settembre 2015

    Diciamolo pure che voi siete le donne dagli ingredienti pi? particolari… conosco il Cavolo nero, buonissimo e anche molto raro qui a Roma…. adesso il Kale mi apre un mondo e gi? sto pensando a chi fare la proposta… se alla mia contadina di fiducia o alla frutteria a km 0 che ha aperto da poco sotto casa…. bellissime le foto e super golosa la zuppa :* gnam

  2. Rispondi

    alessia mirabella

    28 Settembre 2015

    Avete ragione, non credo sia necessaria la scusa del freddo per mangiare questa zuppa. Marta, ma come fai a rendere fotogenica qualsiasi pietanza? :) Vi abbraccio, buon inizio settimana!

  3. Rispondi

    Francesca P.

    28 Settembre 2015

    I fagioli azuki non solo sono buoni, ma anche fotogenici! :-)
    Se c’? un lato dell’autunno che amo e aspetto sempre con ansia, ? il ritorno a zuppe, zuppette e zuppine di ogni tipo… la gioia di unire pi? ingredienti, avere tra le mani una scodella calda e associare il pasto ad una coccola sotto la coperta… so che mi capite e che vedremo tante minestre e creme nei nostri blog che pian piano si tingono tutti dei colori belli di questa stagione!

  4. Rispondi

    Ileana

    28 Settembre 2015

    Ho sorriso pensando all’entusiasmo di Marta qualche giorno fa..e sorrido pensando a quando, incredula, ho visto il cavolo riccio in un negozio bio e ho detto al mio ragazzo:”Marta aveva ragione!” :)
    Prossima volta porter? a casa qualche mazzo di kale e sicuramente finir? in qualche zuppa, intanto mi lascio ispirare da voi..e oggi questa zuppa ci starebbe proprio bene.. posso sedermi a tavola con voi? :*
    Vi stringo forte forte, siete speciali. <3

  5. Rispondi

    Peanut

    28 Settembre 2015

    Dite bene, lunga ? la lista degli introvabili, come dite voi il crescione, che ho per ora visto solo virtualmente, cos? come il kale, mangiato fin’ora soltanto tramite chips ma mai che sia riuscita a portarmi a casa un bel mazzo da cucinare come dico io. Lo sostituisco per la maggior parte dei casi con il nostro cavolo nero, che credo che in questa zuppa riesca a fare il suo sporco lavoro!;)
    Per le chips ? un altro discorso, senza ricciolini non ? la stessa cosa..:(

  6. Rispondi

    Monica

    28 Settembre 2015

    Io vi seguo nella vostra ricerca di ingredienti belli, buoni e particolari.
    Qui ? un gran casotto trovarli, e quindi spesso il mio seguirvi ? solo virtuale purtroppo!
    E mi godo virtualmente questa zuppa dai colori caldi, che ci sta alla perfezione con il freschetto che accompagna sere e mattine di montagna!
    Bacioni

  7. Rispondi

    MARI

    28 Settembre 2015

    Magnifica questa zuppa! e magnifiche foto! ;-) vorrei tanto trovarla magicamente pronta in tavola questa sera! una zuppa calda ci vuole proprio! :-P

  8. Rispondi

    zia Consu

    28 Settembre 2015

    Questa zuppetta ? un toccasana per la salute e il palato :-) Non si potrebbe chiedere di meglio ^_*
    ps: io ho smesso di cercare i “santo graal” da fodblogger..quando meno me lo aspetto trovo dei tesori :-) e prima o poi sar? anche la volta di questo fantastico cavolo :-P

  9. Rispondi

    Valentina

    28 Settembre 2015

    Ciao tesorine <3 Questa zuppa ? a dir poco invitante e le foto stupende, complimenti! Un abbraccio grande grande, vi stringo forte :**

  10. Rispondi

    Silvia Brisi

    28 Settembre 2015

    Cavolo riccio?? Mi sa che l’ ho gi? visto, ma mai assaggiato!! Ottima questa zuppa, gli azuki dolcini stanno benissimo con il cavolo e la quinoa!! Davvero nutriente e gustosissima!!
    Buona settimana!!!

  11. Rispondi

    Margherita

    28 Settembre 2015

    Vedi che ho ragione io!?!? Dovete venire a Montreal! Il kale lo si trova ovunque e sempre… mia mamma quando ? stata qui in agosto lo ha mangiato praticamente tutti i giorni. Se avrete occasione di trovarlo ancora, potete condirlo in insalata (tagliato sottile e lasciato macerare) con una vinaigrette di olio d’oliva e sciroppo d’acero…
    Io mi segno questa zuppa e la faccio al pi? presto visto che ho tutto quello che serve! Mitiche voi!

  12. Rispondi

    Simona - Biancavaniglia

    29 Settembre 2015

    Io imparo sempre moltissimo da voi. E come ogni volta mi segno tutte le ?novit?? che scovo nelle vostre ricettine. Questo piatto mi sa proprio di comfort food, ho la dispensa piena di legumi e subito la mia fantasia viaggia. La vostra zuppa si presenta benissimo, e quando trover? il cavolo riccio la rifar? uguale anche io.
    Un abbraccio tesore a presto!!!

  13. Rispondi

    Paola

    29 Settembre 2015

    La ricerca degli ingredienti impossibili colpisce anche me e se in questi giorni sono alla ricerca della farina di carrube, per me e Francesca, adesso mi avete messo curiosit? di trovare questo kale, riccio, come me :) Intanto mi accoccolo qui ad ammirare questa zuppa.. sapete che queste foto sono bellissime? Marta sta diventando sempre pi? brava

  14. Rispondi

    Laura e Sara Pancetta Bistrot

    1 Ottobre 2015

    Alla fine scovate sempre l’ingrediente top secret, bravisime !!
    Che gioia arrivare da voi e trovare questa zuppetta deliziosa e particolare,, avete aperto la stagione delle zuppe e ora noi non possiamo che seguirvi!!
    W l’autunno :) Un bacione!

  15. Rispondi

    saltandoinpadella

    1 Ottobre 2015

    Sinceramente io sono un po’ ignorante su questi ingredienti feticcio. Da food blogger non seria arrivo sempre con un certo ritardo su queste cose. Comunque la zuppa deve essere ottima, mi ispira un sacco

  16. Rispondi

    letissia

    1 Ottobre 2015

    Mi hai fatto sorridere, questa storia del feticismo culinario ? proprio vera :P
    Comunque sia, hai fatto una zuppa gustosissima, che con queste prime piogge autunnali ci sta benissimo :) Complimenti anche per le meravigliose foto.
    Baci.

  17. Rispondi

    Elena

    3 Ottobre 2015

    Oh si sempre alla ricerca degli ingredienti pi? diversi, avete ragione. Io il coriandolo l’ho seminato e cresce bene :-) Favolosa zuppa, perfetta e nutriente e con tutta l’acqua che sta venendo gi? dal cielo direi perfetta! Un abbraccio!

  18. Rispondi

    Rebecka

    4 Ottobre 2015

    Qui da me, nemmeno a dirlo, sono riuscita a trovare il cavolo nel mio super di fiducia. Ma tornando alle zuppe, mamma mia, sono il mio elemento probabilmente. Sono una pesciolina non d’acqua, ma di zuppa. Forse a salvarmi dal cadere nel calderone delle zuppe ? il mio ascendente ariete. :D
    E’ buona e ne mangerei una quantit? indescrivibile. Poi mi verrebbe la bocca come un gommone, causa allergia al nichel, ma quel momento esatto in cui la mangerei sarebbe paradisiaco. :)
    Un bacio dolci donnine

  19. Rispondi

    larobi

    4 Ottobre 2015

    pant, pant….eccomi !!! vi leggo, vi seguo ma purtroppo non riesco sempre a commentare in tempo…le vostre ricette sono una sorpresa continua ed un insegnamento! sto conoscendo un mondo nuovo fatto di ingredienti nuovi e, per me, sconosciuti!! vi mando un mega abbraccio…e anche se non riesco a commentare…ci sono!!! bacii

  20. Rispondi

    Chiara

    4 Ottobre 2015

    aspettavo con impazienza la stagione delle zuppe e finalmente girando per i blog delle amiche trovo come saziare occhi e stomaco !Bellissima ricetta, buona settimana, un abbraccio !

LEAVE A COMMENT

RELATED POSTS