Tagliolini di Russello con olive e mandorle

IMG_3899

Che sia nella nostra natura essere controcorrenti per quanto riguarda tutto ci? che concerne sulla cucina durante il periodo estivo, si era gi? probabilmente capito dalle nostre abitudini quotidiane quali il t? caldo la mattina e il necessario e improrogabile infornare il pane. E se due giorni fa ci eravamo quasi arrese alle soffocanti temperature nutrendoci di insalate di lenticchie e avocado, necessariamente con vinagrette alla senape di Digione, e scongelando qualche bagel, di quelli preparati qualche settimana fa, messo in freezer per le evenienze, per poi farcirlo di avocado, salmone, uova e dei simpaticissimi germogli di porro – piccola parentesi, si nota quanto l’avocado sia una presenza fissa nella nostra cucina estiva? -, ieri abbiamo deciso di sfidare l’estate pi? calda che riusciamo a ricordare preparando la pasta in casa. Armate di doppio ventilatore, uno a destra ed uno a sinistra, abbiamo impastato, impastato e impastato. L’occasione ci ? stata data, anche se siamo sicure che avremmo ugualmente trovato qualcosa che ci avrebbe fatto patire il caldo ugualmente, grazie a un bel contest che non ci volevamo fare sfuggire. A differenza di una volta, non partecipiamo quasi mai ai contest, fuorch? si tratti di qualcosa che ci interessi (o che sappiamo di riuscire a non lasciarci scappare visto il poco tempo a disposizione). Quando si ? trattato di metterci in gioco per preparare della pasta fresca con farine biologiche macinate a pietra della nostra terra, decisamente in piena linea con ci? che cuciniamo, abbiamo pregato che il caldo non ci rendesse troppo fiacche per impastare (e, soprattutto, accendere i fornelli!!) e ne ? susseguita cos? la scelta di partecipare. Fra le varie farine mandate, una decisamente pi? interessante dell’altra, abbiamo utilizzato quella di Russello, un grano duro antico e pregiato siciliano dal basso contenuto di glutine, quindi adatta a chi ha leggere intolleranze (non, per?, ad i celiaci!). La farina ha funzionato incredibilmente bene da lasciarci talmente soddisfatte da volerci mettere ad impastare nuovamente una volta divorato il piatto di pasta! Per il condimento non abbiamo voluto strafare, come d’altronde ? nel nostro stile, proponendo una versione pi? “spinta” della classica e intramontabile aglio e olio aggiungendo olive e mandorle, complementari fra loro per sapidit? e dolcezza. E sedute sul minuscolo tavolino dell’altrettanto minuscolo balcone, rigirando i tagliolini attorno alla forchetta per creare il boccone perfetto (con due ventilatori rigorosamente “sparati” sulle nostre spalle), ci siamo?scambiate sguardi complici.

IMG_3954

Ingredienti:
200g di farina burattata di Russello
2 grandi uova biologiche
sale

80g di olive verdi
30g di mandorle
1 spicchio d’aglio
4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
1 peperoncino piccolo
la scorza di 1 limone biologico
prezzemolo fresco
pepe nero

Procedimento:
Impasta la farina con le uova ed un pizzico di sale fino ad ottenere una pasta liscia ed omogenea. Qualora non dovesse compattarsi, mentre impasti aggiungi all’occorrenza da?1 a 2 cucchiai di acqua. Spolvera di farina il piano da lavoro e?lavora?il panetto con le mani fino ad ottenere una pasta elastica. Forma una palla e fai riposare per 15 minuti a temperatura ambiente coprendola con pellicola o coperta da una ciotola.

pasta1

Trascorso questo tempo, dividi il panetto in quattro parti e, o con l’aiuto di un robot da cucina o con un matterello, tira la sfoglia non troppo sottilmente. Taglia le varie parti di sfoglia a met? o della lunghezza che desideri abbiano i tagliolini.

pasta2

Infarina molto bene e ricava dalla sfoglia i tagliolini o grazie all’ausilio di un robot o un tira sfoglia apposito o tagliando la pasta in?striscioline molto sottili. Cospargi abbondantemente di farina e lascia asciugare la pasta.

pasta3 IMG_3863

Prepara il condimento. Se le olive sono molto salate, sciacquale e tienile prima in ammollo in acqua per qualche ora, cambiando pi? volte l’acqua (almeno 3 – 4 volte). Scolale e tamponale con carta assorbente. Privale del nocciolo (se le usi gi? denocciolate ne andranno bene 50g circa) e tagliale finemente a rondelle. Tosta le mandorle senza aggiungere grassi in una padella antiaderente finch? inizieranno a colorarsi, lasciale intiepidire e tagliale grossolanamente con un coltello. Nel frattempo, porta ad ebollizione l’acqua per la pasta, salandola leggermente. Nella stessa padella nella quale avrai tostato le mandorle (che avranno rilasciato il loro aroma e i loro oli essenziali), scalda l’olio con l’aglio, il peperoncino e la scorza grattugiata del limone. Aggiungi le olive tagliate a rondelle e fai insaporire per 2 minuti. Cuoci la pasta al dente, facendola cuocere per circa un minuto dopo che l’acqua, una volta versata la pasta, avr? ripreso il bollore. Scolala velocemente e versala subito nella padella con il condimento insieme alle mandorle. Saltala velocemente finch? sar? tutta ben condita, aggiungi del prezzemolo tagliato al coltello e servi subito con del pepe macinato al momento. Per 2 – 3.

IMG_3907

Marta e Mimma

33 Comments

  1. Rispondi

    Simona - Biancavaniglia

    20 Luglio 2015

    Vi immagino nella vostra cucina, il t? caldo la mattina lo continuo a prendere anche io in estate, amo il t? verde ma freddo non riesco proprio a berlo, i vostri bagel sono straordinari e vorrei tanto essere all?altezza di provare a farli anche io prima o poi? E vi immagino mentre impastate la pasta fresca, sono curiosissima di conoscere queste farine, purtroppo come sapete in questo periodo sono alle prese con gli ultimi esami di questa sessione estiva e temevo di non riuscire a fare la ricetta e ho dovuto rinunciare al contest.
    Siete state bravissime come sempre, il condimento poi mi piace moltissimo! Vi abbraccio forte forte

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      20 Luglio 2015

      Simo lo sai, che se dovessi avere bisogno di aver spacciata della pasta madre, la nostra (senza peccare di presunzione o superbia) ci sentiamo di poter affermare quanto vanti bene la sua et? e quanto sia effettivamente forte! oppure insomma, regaliamo anche bagel da asporto alle amiche belle come te;-) le farine, guarda, sono una pi? “bella” dell’altra, spero che ci possa essere una nuova occasione perch? tu le provi perch? ne valgono decisamente la pena..

  2. Rispondi

    Lisa

    20 Luglio 2015

    La pasta fatta in casa ha sempre un gusto migliore, anche solamente condita con un filo d’olio Evo ? buonissima

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      20 Luglio 2015

      decisamente..poi quando si tratta di pasta fatta con farina di ottima qualit? la differenza si sente..

  3. Rispondi

    Laura

    20 Luglio 2015

    Russello!Mi piace questo nome che contiene il nome ‘russo’ del mio caro marito e che infatti ho attribuito anche al mio ‘timido gambero’. Perch? vi sembrer? strano ma i primi tempi non so perch? mi ostinavo a chiamarlo ‘russo’ invece che col suo nome di battesimo e quando ci siamo sposati ho cominciato a dire a tutti che ero diventata ‘russa’ :-) insomma io amo la ‘russia’ e tutti i suoi derivati :-D Di questa farina meravigliosa, che immagino sia perfetta anche per un pane vista la sua specifica qualit?, non sapevo assolutamente nulla se voi non ne aveste parlato e immagino sia speciale come alcune delle farine tipiche abruzzesi da cui noi solcali non riusciamo a sganciarci neanche quando migriamo altrove. Riguardo a voi due munite di ventilatori speciali per riuscire nell’impresa dovr? ripetermi: peccato non vedermi dal vivo!E poi che bella quella sequenza dei panetti che diventano tagliolini!Bravissime!

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      20 Luglio 2015

      mia cara Laura, sappi che io ho stilato una lista di tutto ci? che vorrei farti avere e che sarebbe immancabile nella tua dispensa e, nonappena vorrai, io sar? pronta a spedire! nel frattempo, aggiungo anche la farina di Russello che tanto ti si addice e ti calza a pennello – per quanto riguarda la storia del “gambero russo”, sappi che mi sono appassionata cos? tanto a questo racconto da informarne entusiasta anche il sempre presente uomo di casa! – L’unico “rimpianto” per quanto riguarda i tagliolini ? stato il non stenderli a mano, purtroppo in questo caso il caldo ha vinto su di noi.. per? che soddisfazione preparare una pasta tanto sottile e dorata come fosse una chioma un po’ arruffata!

      • Rispondi

        Francesca

        20 Luglio 2015

        Dato che non sono tipa da commenti sui blog (perch? si sappia che io leggo sempre, ma si da il caso che non sempre lo faccia sapere), mi lego ancora una volta a Laura (e che novit?) perch? ho troppo riso nel leggere che all’inizio chiamava suo marito per cognome, visto che io non ho ancora smesso di farlo, ma che,a differenza degli inizi di miele, ora lo faccio quando sono arrabbiata con il tono bipolare diviso tra un poliziotto minaccioso e una pazza isterica. Ma veniamo a voi, a queste due donne, mamma e figlia per giunta, che impastano insieme. La pasta meravigliosa, le mani di tua madre, le tue foto che riescono a trasmettere esattamente tutta la poesia che io ci leggo. Ecco la differenza tra te e le altre blogger che fanno belle foto, le tue non sono troppo artefatte, ma hanno la stessa luce che io ho visto nei tuoi occhi, mia bella Marta.

        • Rispondi

          Marta e Mimma

          20 Luglio 2015

          cara Francesca, che piacere trovarti qui! non appassionarsi leggendo le righe di Laura ? decisamente impossibile;-) per quanto riguarda il commento alle mie foto, non posso che ringraziarti enormemente! Se l’elogio che hai fatto hai miei occhi qualche giorno fa mi ha tanto emozionata e commossa, sappi che il sapere che tu legga questa luce anche nelle mie fotografie (arte che tanto mi prende e mi appassiona) ? il pi? bello dei complimenti che potessi farmi.. ti abbraccio stretto

    • Rispondi

      Laura

      20 Luglio 2015

      E infatti io mi ero chiesta che fine avesse fatto il ‘sempre presente uomo di casa’ mentre tu e Mimma in compagnia dei due ventilatori gustavate la vostra opera d’arte :-D Comunque sappi cara che in questo caso proporrei uno scambio equo tra noi, proponendoti a mia volta delle farine di cui noi abruzzesine di Taste Abruzzo non facciamo altro che parlare e usare in continuazione!:-) Aspetto di tornare nella mia terra quanto prima e di fare bottino anche per voi!

      • Rispondi

        Marta e Mimma

        20 Luglio 2015

        Laura, eccomi tornata a casa dopo una lunga ed interminabile sezione intensiva di tedesco! dammi giusto il tempo di mettermi un po’ a mio agio a casa che ci accordiamo per questo pacchetto che progetto gi? da un po’;-) quanto all’uomo di casa durante la preparazione…lui si ? limitato a chiamarsi fuori dal duro lavoro per poi sedersi a tavola con un’invidiabile nonchalance, per lo meno stavolta non si ? lamentato per “la pasta riposata” per lo meno – che poi, c’? da sottolineare quanto la pasta abbia resistito magnificamente, che non ? cosa da poco per della pasta fatta in casa!! –

  4. Rispondi

    ricettevegolose

    20 Luglio 2015

    Che piatto meraviglioso, che foto meravigliose :) Avevo visto le varie versioni su Bloggalline Photophood e sono sincera, io le avrei scelte tutte :D Complimenti, un abbraccio!

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      20 Luglio 2015

      grazie mille!! ti dir?, io non sono ancora convinta sul legno e sono sempre pronta a virare verso il marmo..che ci vuoi fare, sono “bianca” io!

  5. Rispondi

    Chiara

    20 Luglio 2015

    Vi stimo un sacco perch? mettersi a fare la pasta in casa con questo caldo non ? da tutti…e poi che buono il,condimento!!! Un abbraccio

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      20 Luglio 2015

      non ? consigliabile a belle donne prossime (molto prossime!) al parto, in effetti!! Come stai, come va??

  6. Rispondi

    Francesca P.

    20 Luglio 2015

    Quanta poesia dietro alle mani che toccano la pasta, in modo cos? delicato, quasi ad accarezzarla… che bello vedere questi scorci della vostra cucina, un punto di vista nuovo, un tassello in pi? che si unisce al bellissimo puzzle di voi che ho nella mia testa! Mi prometti, Marta, che farai ancora scatti di questo tipo? :-) Che bella la luce che entra dalla finestra e come sta bene l’accostamento di bianco e blu! Scusate se mi sono dilungata su questi dettagli ma ormai mi conoscete e secondo me sapete anche in anticipo cosa noter? in ogni post! :D
    Non conosco questa farina ma l’orario mi fa venire voglia di arrotolare subito la forchetta… e ve l’ho mai detto che i tagliolini sono la mia pasta fresca preferita?
    ps: tutte le mattine provo a dirmi di fare il t? meno caldo eppure no, non ci riesco… deve quasi fumare anche con 40 gradi all’ombra, ahaha! Siamo tremende!

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      20 Luglio 2015

      cento e altri ancora di questi scatti per te, mia cara Francesca, che se mi dici cos?, mi gonfio un po’ come un pavone (forse un piccione, per?, mi si addice di pi?..) e arrossisco fino a diventare pi? rossa di un peperoncino! bianco e blu sono i colori predominanti nella nostra cucina, insieme a un po’ di giallo..sembrer? forse strano, eppure ci piace molto come poi si sposa nel contesto..
      era la prima volta, per noi, con i tagliolini, ma decisamente non l’ultima!!
      ps: guarda, io mi “consolo” dicendomi che bevo t? verde e con quello l’acqua non deve arrivare ai 100?C ma sui 70-80?C, che sarei un caso pi? grave se bevessi t? nero..

  7. Rispondi

    Peanut

    20 Luglio 2015

    Bel racconto, che mi ha permesso di affacciarmi un po’ di pi? nella vostra cucina e spiare i vostri gesti quotidiani, come se fossi veramente l?.. gesti che sono completamente diversi dai miei ma tant’?, comunque rispettabilissimi! :D
    Soprattutto quando si tratta d mettere in forma cotante meraviglie. Il condimento mi piace parecchio, la scorzetta di limone con le olive ? decisamente interessante, credo che sia anzi un abbinamento abbastanza sfruttato ma che io invece non ho mai avuto il piacere di assaggiare.
    A questo punto,me la tengo ben in mente per sabato, che ormai diventer? il pasta-day! :D

    P.s. ma quanta luce c’? nella vostra cucina?? Me ne prestate almeno un po’? :'(

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      20 Luglio 2015

      Lu, ma sai che in questo periodo ti ho pensata proprio tanto? che ultimamente mangio legumi come se non ci fosse un domani e “involontariamente” mi trovo a consumare rispettabilissimi, abbondanti e decisamente buoni pasti vegani:-)
      il condimento a noi piace anche sulla pasta secca, decisamente ben bilanciato, le mandorle tostate e le olive (e il limone!!) sono quelli che alzano di livello una spaghettata aglio e olio (che rimane sempre e comunque buonissima)..
      la luce nella nostra cucina, beh, s?, quando si tratta di estate e, soprattutto, delle prime ore della giornata, ammettiamo essere invidiabile. Guarda, facciamo che ospitiamo te e i tuoi gesti diversi ma amici, che ne pensi??

  8. Rispondi

    Maddy

    20 Luglio 2015

    Care ragazze, che belle foto…che…bella ricetta! Amo la pasta fresca, la faccio spesso, caldo o non caldo e sono con voi, con tutto il cuore, malgrado l’afa…il vostro piatto ?’ bellissimo e mi avete fatto tornare una gran voglia di usare di nuovo quella trafila che ho anch’io….scusate ma il contest? Qual’e? Mi sono persa qualcosa?un bacio a presto

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      20 Luglio 2015

      ciao Maddalena, che piacere trovarti qui! grazie mille per i complimenti.. per quanto riguarda la gara, da quello che abbiamo capito noi, si tratta di una sfida che prevedeva l’impiego di farine di grani antichi siciliani (consegnati dall’azienda che ha promosso questa iniziativa) per la realizzazione di pasta fresca! crediamo per? che si svolga all’interno, appunto, della Sicilia, per motivi organizzativi proprio nella consegna delle farine, visto anche il termine di scadenza per partecipare che ? il 23 luglio.. se dovessi comunque essere interessata, facci sapere che ti mandiamo la pagina dove si spiega meglio il tutto!

  9. Rispondi

    Larobi

    20 Luglio 2015

    Quando l’ ispirazione in cucina chiama, non resta che rispondere ! E voi avete risposto alla grande ! Aiutate dal mitico KA ( io lo adoro!!!) siete riuscite a fare la pasta in casa sfidando il caldo torrido e greve che pesa come un macigno su di noi…. Non solo !!! Avete proposto un sugo che gi? amo , che gi? assaporo e che far? prestissimo ( appena trover? il coraggio di avvicinarmi ai fornelli !) bravissime ! Baci grandi ?

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      20 Luglio 2015

      ma quanto ? bello e indispensabile il kitchen aid?? Impossibile farne a meno, nella nostra “whishlist” da tempo occupano uno spazio importante il food processor e il frullatore: we want it!! Appena sarai cos? coraggiosa da sfidare il caldo (noi alterniamo il coraggio alla nullafacenza pi? totale..) facci sapere che te ne ? parso del condimento.. bacio grande a te carissima Roberta!

  10. Rispondi

    Silvia Brisi

    20 Luglio 2015

    Troppo buona! Mitiche!

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      20 Luglio 2015

      grazie!

  11. Rispondi

    Paola

    21 Luglio 2015

    Non ? mai caldo abbastanza per chi ama avere le mani in pasta. E presto scoprirete che ancge io ho avuto la balzana idea di mettere le mani in pasta. ? che mi rilassa rifugiarmi in quei gesti antichi e cos? familiari, che mi ricordano la mia infanzia, quando casa mia diventava un laboratorio e c’erano filari di tagliatelle ad asciugare su bastoni. Per un piatto di tagliolini come questo, arricchito dalle mandorle e le olive, mi cimenterei subito a impastare.

  12. Rispondi

    Margherita

    21 Luglio 2015

    Quando si parla di blog, sappiate che non siete le sole a sentirsi controcorrente. O forse no, mi sento piuttosto come uno scoglio in mezzo al mare… pensavo alla pasta fresca ieri, al fatto che avrei tanta voglia di farla e di mangiarla con un bel sugo di pomodoro… ma visto che adesso a stare in piedi a lungo faccio un po’ fatica, mi son detta che rimander? la cosa a quando mia mamma sar? qui. Intanto per? potrei sperimentare il condimento con della pasta normale, che ne dite? P.s Sul fatto di essere ben allineate…. ieri mattina ore 9, uscita dalla piscina sono andata al forno che vende solo bagels (24 su 24) ne ho comprati 6…. 1 ? stato mangiato bollente in macchina, un’altro farcito con pomodori secchi e indovinate un po??? Avocado!

  13. Rispondi

    Patalice

    21 Luglio 2015

    la pasta fresca ? catartica… adoro farla!

  14. Rispondi

    manuela e silvia

    21 Luglio 2015

    Ciao! avete fatto benissimo, ci stava un’ottima pasta casalinga dopo tante insalate!! Ok caldo, ma non si vive di soli cibi leggeri..ci mettiamo pure un p? di sostanza no??! :-)
    Ottimo anche il condimento scelto: grazie alla particolare farina, la pasta ha gi? un suo valore aggiunto, condita poi semplicemente con olive e mandorle pi? la freschezza del limone, ci sembra ideale anche con questi caldi!!
    Bravissime.

  15. Rispondi

    MARI

    21 Luglio 2015

    Bellissimi tagliolini!! ma mi limito a replicare questo appetitoso sugo!!! :-P

  16. Rispondi

    lucy

    21 Luglio 2015

    piatto spettacolare, anche direi magico come solo la pasta fatta in casa puo’ essere! Curiosa di questo tipo di farina!

  17. Rispondi

    Stefania FornoStar

    21 Luglio 2015

    Dalle vostre foto traspare, invece, un’aria estiva completamente respirabile e piacevole e non il forno che abbiamo per adesso, che ,i fa venir voglia di mettere le mani in pasta… poi guardo la mia cucina, e mi spiaggia sul divano con l’aria condizionata, senza voglia di far niente… In ogni caso anche io continuo a prendere la tisana calda… :D

  18. Rispondi

    Laura e Sara Pancetta Bistrot

    21 Luglio 2015

    Ragazze siete incredibili, ma come fate ad essere cos? produttive con questo caldo?? Avrete pure due ventilatori sparati alle spalle, ma la nostra ? comunque invidia pura :)
    Bellissimo piatto di pasta, le foto della preparazione sono strepitose e i tagliolini vi son venuti perfetti!
    Ora sappiate che la nostra prossima fissa sar? l’acquisto di una macchina per la pasta :)
    Un bacione e bravissime !!

  19. Rispondi

    Chiara

    22 Luglio 2015

    non sono una grande amante del te ma credo che con voi riuscirei a berne una tazza anche fumante; ogni volta che passo a trovarvi resto rapita dalle vostre foto e mi immagino il sapore del piatto che presentate, l’avocado piace molto anche a me, ne ho postate parecchie di ricette ….Un caro abbraccio

LEAVE A COMMENT

RELATED POSTS