Quiche provenzale con bris?e di miglio

IMG_2623

Ah, la Provenza! Al solo nominarla si fa largo fra i nostri ricordi una scena impressa nella nostra memoria: sedute ad un piccolo bistrot a Sainte Marie de La Mer, il vento fra i capelli e gli occhi proiettati verso il mare e un sostanzioso spuntino di met? pomeriggio a base di telline buone come non ne abbiamo mai mangiate – condita, rigorosamente, con consequenziale intossicazione, ma quella ? un’altra storia -. Poche ore prima, intrufolarci in un negozio di ceramiche giusto “per dare un’occhiata” e ritrovarci a casa del proprietario, tra qualche bicchiere di vino e molte chiacchiere, biascicando un arrangiato francese facilmente comprensibile per cuori genuini che non conoscono lingue, e trovare poi, qualche anno dopo, nella buca delle lettere, un genuino invito a tornare per godere ancora di un sorso di vino. E ancora innumerevoli insalate ni?oise e le infinite distese di lavanda tra le quali perdersi come api. Il mercato della mattina ad Aix en Provence era obbligatorio e improrogabile, tra girasoli e poivrons verts et rouges, per poi tornare a casa e fare tarde colazioni con albicocche incredibilmente mature ed arancioni, confetture fait maison, pane ai semi e, poich? ancora mangiavamo carne, del prosciutto artigianale. Poco importa che gli ultimi giorni di viaggio si siano rivelati un po’ indigesti (che da qualche anno a questa parte, durante le nostre vacanze, ce ne capita?sempre una…) per tornare in quella dimensione, tra i sapori burrosi della Francia e quelli freschi?del Mediterraneo, nessuno ha idea di cosa daremmo…

IMG_2560

Ingredienti:
110g di farina di farro integrale
40g di farina di miglio
75g di burro biologico, freddo
45g di acqua fredda
sale integrale

2 pomodori
1 melanzana
1 zucchina grande
1 peperone rosso
1 cipolla rossa di tropea
4 – 5 cucchiai di olio extravergine d’oliva
100g di panna acida
1 uovo biologico
10 foglie di basilico fresco
sale integrale
pepe nero

Procedimento:
Prepara la pasta: in una ciotola mescola le due farine. Aggiungi il burro freddo a cubetti e impasta fino ad ottenere delle briciole. Unisci l’acqua fredda e una presa di sale e impasta fino ad ottenere una palla liscia e omogenea. Copri e lascia riposare in frigo per almeno 30 minuti.
Nel frattempo, prepara il ripieno. Taglia a dadini una melanzana e mettila qualche minuto ammollo in una soluzione di sale e acqua, cos? che perda il retrogusto amarognolo. Taglia a cubetti la zucchina. In una padella, scalda 2 – 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva e salta le zucchine per 4 – 5 minuti. Prelevale con un cucchiaio e falle asciugare dell’olio in eccesso su qualche foglio di carta casa. Nella stessa padella, salta per circa 6 minuti le melanzane scolate e asciugate. Falle scolare dell’olio in eccesso insieme alle zucchine. Taglia il peperone a liste e poi a dadini, privandolo dei semi e dei filamenti interni, poi saltalo nella stessa padella di melanzane e zucchine per 7 – 8 minuti. Togli e tieni da parte con le altre verdure. Sbollenta per un minuto i pomodori in acqua bollente, poi togli loro la buccia esterna, tagliali a met? e svuotali dei semi, poi taglia anche questi in piccoli cubetti. Affetta la cipolla, scalda 2 cucchiai d’olio in una padella e lasciala cuocere a fuoco lento per 2 – 3 minuti. Aggiungi il pomodoro e cuoci altri 3 – 4 minuti. Aggiungi il resto delle verdure, il basilico tritato e condisci soltanto adesso con il sale e il pepe. Lascia insaporire ancora 2 -3 minuti. Spegni la fiamma e lascia intiepidire.
Spolvera di farina di farro il piano di lavoro e stendi la pasta fino a ricoprire una tortiera tonda da 23cm di diametro. Fai aderire bene la pasta allo stampo, bucherella il fondo con i lembi di una forchetta e inforna in forno preriscaldato a 190?C per 10 minuti con dei pesi di cottura. Rimuovi i pesi di cottura e cuoci altri 8 – 10 minuti. Sforna e tieni da parte.
Sbatti l’uovo con la panna acida, poi mescola questo composto insieme alle verdure. Versa il ripieno sopra la pasta e inforna per ancora 25 – 30 minuti. Lascia intiepidire e servi. Per 3 – 4.

Marta e Mimma

28 Comments

  1. Rispondi

    Peanut

    3 Luglio 2015

    Sto per piangere. E’ bellissima. Bel-lis-si-ma. Di trionfi di colori belli come da voi ? difficile che ne trovi.
    Forse solo in Provenza ;)

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      3 Luglio 2015

      Lucrezia, tu sei fin troppo cara! prenotiamo allora per la Provenza???

  2. Rispondi

    Reb

    3 Luglio 2015

    Lo conosco bene quel sentimento, quel desiderio di tornare, nonostante inconvenienti. Ci sono luoghi che sono dell’anima e possiedono un’anima e aver trovato una persona cos? gentile mi fa ben sperare.
    Questa quiche ha un aspetto fantastico, ha tutto il profumo, tutto il sapore e il colore del mio amato Mediterraneo, dell’amata Provenza. Se non fosse che il caldo torrido m’impedisce perfino di pensare, la farei subito, perch? il guscio di miglio mi sembra fantasticherrimo…. Un bacio…perch? per l’abbraccio rischio di sciogliermi ai vostri piedi ;)

  3. Rispondi

    mari

    3 Luglio 2015

    Non solo e’ bellissima, ma e’ un concentrato di sapori estivi che io adoro! Una meraviglia! Credi possa sostituire la panna acida con uno yogurt di soia denso? Grazie! ;-)

  4. Rispondi

    Erica Di Paolo

    3 Luglio 2015

    Anche a me piace vivere i viaggi in questo modo: prima il cuore e le sensazioni, poi tutto il resto ^_^
    Divina questa proposta. E’ ricca, fragrante, saporita, rustica e magica. Scelta impeccabile di farine, siete magiche ragazze ^_^

  5. Rispondi

    Easy Vegan Blog

    3 Luglio 2015

    Che meraviglia complimenti davvero! E la qualit? della foto non ? da meno! :)

  6. Rispondi

    lucy

    3 Luglio 2015

    colori, sapori e profumi del Mediterraneo.Bellissima ricetta!

  7. Rispondi

    Virginia

    3 Luglio 2015

    ? da un po’ che sto sognando la Provenza: ci sono stata talmente anni fa che non la ricordo nemmeno, se non a sprazzi. Avevo forse 4 anni e ricordo distese di lavanda e un’atmosfera cos? piacevole e rilassante… certo, c’erano anche le zanzare, ma in fondo non importava ;-)
    Vorrei tornaeci per vederla con gli occhi della persona che sono diventata oggi, perdermi tra i mrcati e fare finta, anche solo per qualche giorno, di essere francese :-)
    So gi? che adorerei questa quiche e per dare sapori e profumi a questo sogno seguir? il vostro esempio ;-)
    Un abbraccio forte e buon finesettimana! :-*

  8. Rispondi

    laura failla

    3 Luglio 2015

    Che tripudio di sapori!!!!!!!! :) Meravigliosa!

  9. Rispondi

    zia Consu

    3 Luglio 2015

    Questa quiche si mangia gi? solo con gli occhi..che colori e che profumi..gnam gnam, da replicare :-)
    Buon we ragazze e a presto <3

  10. Rispondi

    Paola

    3 Luglio 2015

    Anche io non so che darei per vederla la Provenza, con gli occhi genuini di chi la visita per la prima volta e riesce a farsi scappare un Oh ad ogni campo di lavanda e mercatino. Ricordi di questo tipo si portano nel cuore e te ne accorgi, perch? nel raccontarli li trasmetti cos? vividi che sembra quasi di viverli. Io ero l? con voi, nel leggervi, altra apetta in corsa nei campi di lavanda, per poggiarsi sul tavolo accanto a questa deliziosissima quiche. Un abbraccio care :)

  11. Rispondi

    tizi

    3 Luglio 2015

    che meraviglia! una vera opera d’arte… con quei colori, poi! una quiche perfetta in tutto, che rispecchia in pieno il fascino e gli aromi di quella terra meravigliosa che ? la provenza!
    super complimenti!!

  12. Rispondi

    elisa

    3 Luglio 2015

    che meraviglia di colori.. sono stata attratta da questo post..
    poi mi avete fatto pure viaggiare un po’.. che voglio di pi?!
    ciaooo
    elisa

  13. Rispondi

    Silvia Brisi

    3 Luglio 2015

    Stupenda!! L’ anno prossimo vorrei andare in Provenza afotografare la fioritura della lavanda!! Spero di riuscire!! Intanto mi gusto questa quiche cos? favolosa!! Buon we!!

  14. Rispondi

    tritabiscotti

    4 Luglio 2015

    La Provenza, il mio posto del cuore.. Colori, atmosfere e luoghi indimenticabili.. Ci tornerei ora!
    Questa quiche richiama quei sapori, quei profumi..! Bravissime!.

  15. Rispondi

    Simona - Biancavaniglia

    4 Luglio 2015

    Mamma mia che meraviglia… Prima la descrizione del vostro viaggio in Provenza, che ammetto ? uno dei posti in cui vorrei andare da sempre, quando vedo quelle distese di lavanda, penso ai saponi profumati e l’aria un po’ shabby, che sogno… Poi questa quiche di cui mi sembra proprio di sentirne il sapone solo leggendo gli ingredienti e guardando le foto. Ultimamente qu? vedo ricette (e foto) proprio belle che solamente persone uniche come voi potevano condividere. Adorabili siete!

  16. Rispondi

    Marina

    4 Luglio 2015

    Che meraviglia la Provenza la sogno ad occhi aperti!.. La quiche poi la sento gi? in bocca!!!

  17. Rispondi

    Ileana

    4 Luglio 2015

    Quanto mi piacciono i vostri racconti, mi sembra di vedervi, con la vostra bellezza e le vostre emozioni!
    Poi ho cos? voglia di viaggiare..e leggervi mi fa venire ancora pi? voglia di fare la valigia e partire :)

    Questa quiche mi piace per tutto, partendo dalla base, rustica come piace a noi e arrivando poi al ripieno, ricco, colorato, semplicemente perfetto! Siete meravigliose..:*

  18. Rispondi

    Stefania

    5 Luglio 2015

    Solo a leggere di provenza, ho sentito un’aria pi? fresca… Ed in questo momento ? stata una meraviglia! Con la farina di miglio poi non mi sono mai misurata, la vostra quiche mi pare proprio l’occasione ideale!

  19. Rispondi

    Chiara

    5 Luglio 2015

    vorrei ritornare in Provenza, ne ho un ricordo indelebile ! Splendida la vostra quiche, mai provata con la brisee di miglio, me la segno, ha un aspetto invogliante ! Buona settimana, un bacione

  20. Rispondi

    Francesca P.

    5 Luglio 2015

    In questi giorno sto organizzando la vacanza di agosto, non so ancora dove andr? ma sentirvi parlare di Provenza mi provoca un sussulto al cuore… perch? il viaggio che ho fatto in passato fa spesso capolino tra i pensieri, la mente pesca in modo naturale i ricordi pi? piacevoli, per mantenerli sempre vivi… immaginate adesso che voglia ho di tornarci, dopo aver visto la vostra bellissima quiche! Cos? colorata, cos? profumata, cos? allegra… e cos? ben fotografata! Ottima anche per gli spuntini di mezzanotte, partendo con il salato per poi arrivare al dolce, vero, Marta? :D

  21. Rispondi

    Lisa

    6 Luglio 2015

    Mi hai fatto venire voglia al solo guardare le foto (stupende) ricetta intrigante veramente!
    Grazie!

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      6 Luglio 2015

      c’est la Proven?e… grazie a te!

  22. Rispondi

    ricettevegolose

    6 Luglio 2015

    Che meraviglia, queste foto ti trasportano davvero in Provenza e fanno proprio venire voglia di assaggiarne una fettina. Complimenti :)

  23. Rispondi

    Laura

    6 Luglio 2015

    Oggi parto da qui!Una ricetta ce mi fa essere al passo con una nicoise :-D In realt? gi? avevo sognato sull’accostamento di farine diverse e adesso che finalmente ho scoperto che la panna acida era sempre stata sotto il mio naso senza essere vista ho intenzione di rimediare al pi? presto!e adesso vado ad assaggiare quel doppio pomodoro che mi ispira in modo sentimentale e struggente!:-D

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      6 Luglio 2015

      la panna acida ? un grande ingrediente, cara Laura! Uno di quelli che, secondo me, una volta che provi non molli pi?: pi? cremosa e avvolgente di uno yogurt e meno pesante e stucchevole della classica panna! Ti dir?, io lo allestirei volentieri un buffet provenzale a base di questa quiche e della tua ni?oise!!:-)

  24. Rispondi

    Chiara

    8 Luglio 2015

    WOW!!! Non ? che ve ne ? rimasta una fetta?? :-)

  25. Rispondi

    Eli

    24 Luglio 2015

    E finalmente questi colori stupendi riescono a farmi fermare… Siete davvero bravissime, sia a cucinare, sia a fotografare sia a…raccontare! E adesso che vi ho “scoperto”, non vi libererete pi? di me, promesso! ;-)

LEAVE A COMMENT

RELATED POSTS