Torta di farro, ricotta e ribes

IMG_1255

Qualche settimana fa mi sono trovata a discutere con Laura a proposito di una certa propensione verso gli alberi di gelsi. E cos?, mentre lei allungava le sue braccia per cogliere gelsi e diventare prima?albero, poi ramo e foglia ed infine gelso, io avrei voluto poter allungare la mano con altrettanta facilit? per riempirmi le tasche di gelsi, mentre mi arrampicavo faticosamente per fotografare uno scorcio di natura in uno sfondo di palazzi grigi. Cos?, sognando quei piccoli frutti, la mia settimana ? stata un continuo e costante pensiero a questi, per poi farne scorta e inebriarmi del loro gusto dolcissimo, che a quanto pare, come dicono Laura e il suo amico siciliano, quelli siciliani sono ancora pi? dolci di quelli laziali. Perch? io mi stia trovando a sproloquiare di gelsi, per?, a proposito di una torta di ribes che di gelsi non ne ha traccia, ha un suo razionale poich? ed una sua profonda origine. Bisogna infatti sottolineare che la nostra, di torta, di gelsi non ne ha traccia, ma trova radici in una che, al contrario, ne ? squisitamente ricca. Quando Laura ha opportunamente pensato che la sua torta di ricotta e gelsi (che mi aveva gi? conquistato sul blog di Barbara) avrebbe potuto solleticarmi il palato infatti non sbagliava! E cos? ci siamo trovate a fare merenda attorno a quella torta non in due ma in tre, con una cara compagna di appuntamenti serali della domenica come Virginia. La torta di ricotta ? diventata dunque e subito una priorit? ed un’esigenza e per una coincidenza sicuramente non casuale, sia io che Virginia ci siamo ritrovate a sfornarla la stessa sera per poi farci entrambe colazione il giorno dopo entrambe e, stavolta, ? toccato a noi offrirne una fetta a Laura!

moredigelso

Abbiamo applicato piccole modifiche alla torta, senza per? stravolgerne il suo perch?: una ricotta di capra al posto di quella vaccina (che ci ha portate a ridurre un pelino di zucchero poich? molto intensa e ad optare per un olio d’oliva delicato perch? non fosse troppo invadente), la solita farina di farro, quella biologica del molino rossetto,?che utilizziamo sempre nei nostri dolci e, poich? il giro della torta prevedeva – secondo nostre personali regole -?che la frutta al suo interno venisse cambiata, i ribes al posto delle more di gelso che, invece, hanno trovato spazio nelle mie quotidiane ciotole di yogurt.

Ingredienti:
240g di farina di farro (molino rossetto)
330g di ricotta di capra
150g di zucchero di canna demerara
150g di olio d’oliva delicato
180g di ribes freschi
3 uova biologiche
1 bustina di cremor tartaro
la scorza di 1 limone biologico grattugiata
un pizzico di sale integrale

IMG_1235

Procedimento:
Preriscalda il forno a 180?C. In una ciotola sbatti le uova. Aggiungi la ricotta e lavorala con le uova fino a renderla morbida e incorporarla. Unisci anche l’olio e amalgamalo a uova e ricotta. In un’altra ciotola mescola la farina, lo zucchero, il cremor tartaro, il sale e la scorza del limone grattugiata. Aggiungi gli ingredienti secchi ai liquidi e mescola bene. Aggiungi poco pi? della met? dei ribes, mescola delicatamente per distribuirli in tutto il composto. Ungi e fodera di carta forno una teglia da 22cm di diametro. Versa l’impasto della torta e cospargi?la superficie con i ribes rimasti. Inforna per 55 – 60 minuti o finch? la torta sar? dorata. Sforna e lascia raffreddare 20 minuti prima di uscirla dallo stampo.

IMG_1227

Marta e Mimma

25 Comments

  1. Rispondi

    Virginia

    19 Giugno 2015

    Marta, se ti dicessi che le affinit? non sono finite qui? Adoro questo tipo di coincidenze e il bello ? che non ci siamo nemmeno messe d’accordo!
    Mi ? venuta un’idea e appena ho un po’ di tempo per scriverti una bella email ti dico tutto :-)
    Ho appena fatto colazione, ma prendo una fetta di torta per la merenda, perch? la mia ? finita da un po’… ;-)
    Un bacio grande a te e alla mamma e buon finesettimana!

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      19 Giugno 2015

      carissima Virginia, cos? mi incuriosisci!allora attendo impaziente (ma tu fai pure con calma) la tua mail: controller? con costanza la mia casella postale!:-) anche la nostra torta ? finita da un po’ ma, vista la rimanenza di ricotta in frigo, abbiamo deciso di farne delle piccole tortine da congelare per quando ne avremo voglia (hai notato che la ricetta ? perfettamente divisibile per farne 1/3 o 2/3 della dose?? adoro le ricette cos?!). Un bacio grandissimo e buon fine settimana a te!

  2. Rispondi

    Claudia

    19 Giugno 2015

    ANche noi ultimamente stiamo provando un sacco di torte con la farina di farro.. causa intolleranza di mio cognato e il risultato ? assolutamente soddisfacente:) che buoni i ribes!!! Fanno tanto montagna :)
    un bacione ragazze :*

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      19 Giugno 2015

      la farina di farro ? speciale perch? ? un po’ rustica ma super adattabile. ? uno splendido sostituto della 00 che non utilizziamo pi?! I ribes stanno benissimo, sono in perfetto contrasto con la dolcezza della ricotta…se dovessi aggiungere al tuo repertorio una nuova torta con la farina di farro, non farti sfuggire questa: ? speciale! Un bacio a te cara:-)

  3. Rispondi

    chiarapassion

    19 Giugno 2015

    Coincidenze dolcissime che fanno bene agli occhi, all’animo ma soprattutto al palato…buonissima questa torta!

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      19 Giugno 2015

      cara Enrica, io credo proprio che questa torta ti piacerebbe e non poco: poi ? estremamente versatile, puoi usare tutta la frutta che vuoi (possibilmente un pelino asprigna) e avrai ogni volta una torta buonissima…noi, con un po’ di ricotta rimasta, l’abbiamo riproposta sotto forma di tortine con i mirtilli: ti dico solo che l’uomo di casa ne ? andato matto!! un bacio grande

  4. Rispondi

    Stefania FornoStar

    19 Giugno 2015

    Di a-more si parla! ;)

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      19 Giugno 2015

      Stefania, mi piace questo approccio!

  5. Rispondi

    Monica

    19 Giugno 2015

    Vorrei sedermi a tavola con voi, gustarmi qualche fettina di dolce e chiacchierare senza fretta..
    Non ho mai provato i gelsi, qui non si trovano, ed ho un barattolino di confettura in dispensa che mi pare troppo prezioso per sprecarlo, e cos? rimane li a guardarmi…
    Siete belle e brave, e vi vedo in cucina mentre familiarmente producete queste meraviglie che sanno di casa, di vita. Un abbraccio

  6. Rispondi

    valentina

    19 Giugno 2015

    Le spiegazioni mi hanno messo appetito, taglia una fetta che mi accomodo…

  7. Rispondi

    Alice

    19 Giugno 2015

    Stupenda stupendissima!! Anche io l’avevo “puntata” e non ho ancora avuto modo di farla…e ogni volta che la rivedo me ne pento amaramente!!
    Per quanto riguarda le more di gelso, credo che rester? con la voglia. Non sapendo dove andare a raccoglierle ho addirittura fatto piantare due piccoli mori nell’orto del mio ragazzo…ma gli uccelli ce le mangiano tutte prima che siano anche solo lontanamente mature!!! Sob sob…
    Comunque la vostra versione con l’olio e meno zucchero fa proprio al caso mio.
    Un abbraccio!
    Alice

  8. Rispondi

    tizi

    19 Giugno 2015

    che soffice questa torta… e ho anche una confezione di farina di farro da finire! mi avete fatto venire voglia di provarla, peccato che non possa assaggiarne una fettina proprio ora! complimenti ragazze, buon weekend!

  9. Rispondi

    tritabiscotti

    19 Giugno 2015

    Che bellissima idea questo “giro di torta”!
    Una torta dai bellissimi colori e dal gusti un po’ rustico, dato dalla farina di farro..!
    Splendida..
    PS: Adoro i gelsi, ma qui a Genova scarseggiano… :(

  10. Rispondi

    Laura

    19 Giugno 2015

    Bene ce l’ho fatta e mi chiedo ma quella torta l? lasciata sul davanzale ? per facilitare la presa di un ladro goloso di passaggio?Perch? io non resisterei di certo se il profumino mi arrivasse da una finestra oltre che da dietro una porta!Poco fa lo dicevo anche a Virginia: bello il modo in cui una stessa ispirazione prenda corpo in varianti cos? originali. Mi piace che tutto nasca da qui, dalla rete, dalla domenica sera, dagli alberi che pi? ci piacciono, da sapori che sentiamo nostri e soprattutto dalle nostre chiacchiere che mi accompagnano piacevolmente nella giornata regalandomi sempre un buon umore e bel sorrisetto soddisfatto sulle guance!;-) Un bacio a voi belle stelle!

  11. Rispondi

    zia Consu

    19 Giugno 2015

    Che torta sublime e non solo nell’aspetto ma anche nella scelta degli ingredienti che adoro :-)
    Buon we ragazze <3

  12. Rispondi

    ConUnPocoDiZucchero Elena

    20 Giugno 2015

    queste affinit? elettive sono sempre speciali e, sar? un caso ;-), profumano sempre di torte! Siete delizose e i dolci da voi sfornati delle meraviglie uniche!!! da guardare e rimirare per delle ore prima di prenderne una fetta, sono troppo troppo belli!

  13. Rispondi

    paola

    20 Giugno 2015

    intrigante,stuzzica il palato,bella da vedere e sicuramente buona da nangiare

  14. Rispondi

    Chiara

    20 Giugno 2015

    le l’adorer? di certo ! Le foto sono talmente belle che mettono voglia di mettersi subito a preparare questa torta, se poi c’? la ricotta sono certa che mi piacer? moltissimo ! Buona domenica , un bacione

  15. Rispondi

    Laura e Sara Pancetta Bistrot

    21 Giugno 2015

    Bellissimo vedere le varie versioni di questa torta buonissima, tra l’altro foto tutte una pi? bella dell’altra…i ribes la rendono elegantissima con questi piccoli pois rossi !! Marta quest’anno avevi la maturit? giusto?? Volevamo farti un grande in bocca al lupo!!
    Un abbraccio ad entrambe e buona domenica!

  16. Rispondi

    Simo

    21 Giugno 2015

    Una vera meraviglia per gli occhi e delizia per il palato, questa torta!
    Anche io ultimamente sto sviluppando una vera e propria dipendenza per la farina di farro…la metto ovunque!!
    Baciotti e buona domenica

  17. Rispondi

    Mari

    21 Giugno 2015

    Aahh! Questa si che sarebbe una degna colazione della domenica! Devo provare anch’io la farina di farro per i dolci, magari quelli un po’ rustici, con tanta frutta…come piace tanto a me! :-)

  18. Rispondi

    Silvia

    21 Giugno 2015

    Ragazze sproloqui o no, gelsi o meno, mi piace sempre di pi? leggervi! Ma avete cambiato header? Vello bello! Bacini!

  19. Rispondi

    Margherita

    21 Giugno 2015

    Ai gelsi di Laura ho fatto cos? tanto “la corte” che la povera mi ha spedito dei barattoli di marmellata…. io e la mia pancia contiamo i giorni che ci separano dall’incontro con quei barattoli. Quindi, come dire, se possibile mi inserirei nel novero di quelle che per i gelsi vanno pazze. E non che ribes o ricotta siano da meno… io considero i frutti piccoli tutti come una grande famiglia, non ci sono preferenze, non ci sono simpatie, li amo tutti alla follia. Se poi si accoppiano con la ricotta e con il gusto rustico del farro… una normale cena in famiglia diviene una vera e propria festa!

  20. Rispondi

    lucy

    22 Giugno 2015

    che spettacolo questa torta, con la frutta come piace a me, rustica e soffice, buonissima e perfetta per una buona colazione

LEAVE A COMMENT

RELATED POSTS