Tortine di grano saraceno, nocciole e sciroppo d’acero

IMG_7488-2

Poco pi? di una settimana fa, ci ? arrivato un pacco speciale e tanto atteso. Ma le cose si son fatte divertenti quando il suo gemello, apparentemente disperso, a distanza di poche ore dall’altro ha bussato alla nostra porta. Dopo esserci corteggiate tanto virtualmente, a Dicembre siamo riuscite ad incontrare Margherita a Firenze (e anche a scroccarle un passaggio in macchina) per davvero e, quando il tempo tiranno ha deciso che era il momento di salutarci, ci siamo lasciate con la promessa di uno sciroppo d’acero direttamente dal Canada. Cos?, circa tre?mesi fa la prima boccetta di sciroppo d’acero ? partita da Montreal per arrivare fino alle coste Siciliane. Dopo due mesi di attesa, per?, abbiamo abbandonato le speranze, supponendo che il pacco fosse rimasto in dogana o che qualcuno si fosse preparato dei pancakes per colazione. Fatto sta che la nostra bella amica (che non smetteremo probabilmente mai di ringraziare) non si ? arresa e ci ha fatto avere una nuova confezione di sciroppo d’acero facendo s? che la spedizione partisse dall’Italia. Quando ? arrivato non abbiamo potuto non esserne entusiaste e quasi timorose di aprire quel barattolo di oro liquido per paura di finirlo. Talvolta per? nella vita accadono situazioni bizzarre, quasi come se questa si divertisse a prenderci un po’ in giro e, quando poche ore dopo il portiere (quello che trattiene i nostri libri…se solo avesse saputo quale magnifico tesoro si celava dentro quei pacchetti!!!) ci ha fatto sapere che c’era ancora un pacco per noi, tutto avremmo potuto immaginare tranne che fosse il fratello naufrago dato per disperso. Si pu? forse immaginare quanto fossimo contente che il pacco non fosse andato perso e grate a Margherita? C’? da dire che, per noi, lo sciroppo d’acero ? una vera e propria droga. Della serie che ci potremmo fare il bagno dentro. Quindi un regalo simile, per noi, non poteva che essere prezioso come l’oro. E poi, lo sciroppo d’acero canadese, quello vero, ?, ?a va sans dire, tutt’altra cosa: altro che quello del supermercato, anche se bio. Come prima ricetta quindi non potevamo che affidarci a lei, che lo sciroppo d’acero lo conosce bene. Le modifiche che abbiamo apportato sono minime e fatte non perch? pretendessimo di migliorare la sua ricetta, ma pi? per mancanza di ingredienti e piccole distrazioni nel distinguere cranberries e amarene denocciolate distribuite in modo disordinato negli scaffali del market. Hanno riscosso un bel po’ di successo, sia in casa dove, avendone sfornato doppia dose, ci abbiamo fatto colazione e merenda per parecchi giorni di fila, sia fra amici e colleghi. Insomma, cara Margherita, un grazie ? riduttivo: per il doppio sciroppo d’acero, per le noci pecan che abbiamo voracemente sgranocchiato, per la dolcezza del gesto, per la ricetta magnifica, per quel passaggio in macchina tra le verdi strade toscane e per la mattinata passata insieme.

IMG_7463

Ingredienti (da una ricetta del blog La petite casserole):
150g di farina di grano saraceno
150g di nocciole
85g di olio di riso
80g di amarene secche denocciolate
50g di zucchero dai fiori di cocco
4 cucchiai da tavola di sciroppo d’acero
3 uova biologiche
10g di cremor tartaro (o lievito per dolci)
un pizzico di sale

IMG_7697

Procedimento:
Preriscalda il forno a 180?C. In un food processor trita le nocciole finch? raggiungeranno la consistenza di una farina. Rompi le uova, separando i tuorli dagli albumi. In una ciotola monta?l’olio con lo zucchero di cocco, poi unisci le uova, lo sciroppo d’acero, i tuorli, le farine, il cremor tartaro e le amarene secche. Monta a parte le chiare d’uovo con un pizzico di sale finch? saranno ferme. Incorpora poco alla volta gli albumi all’impasto, praticando un movimento dall’alto verso il basso. Non preoccuparti se inizialmente dovesse risultare un po’ difficile in quanto l’impasto ? piuttosto denso. Trasferisci il composto in una sac-?-poche e distribuiscilo dentro gli stampini precedentemente unti. Inforna per circa 18 minuti. Per 15 tortine piccole.

IMG_7370

23 Comments

  1. Rispondi

    Cintia

    8 maggio 2015

    Bellissime foto, mi piacerebbe provare questa ricetta.

  2. Rispondi

    ConUnPocoDiZucchero Elena

    8 maggio 2015

    che meraviglia quando s creano dei legami sinceri prima solo virtuali diventando reali e concreti. e che bella questa immagine di un acco partito che aveva “perso la strada” per poi arrivare a destinazione. Sapeva che sarebbe stato utilizzato in modo egregio! e infatti nelle vostre mani d’oro ? stato sublimato!

  3. Rispondi

    Ale -Dolcemente Inventando

    8 maggio 2015

    ciao donne ma che bella ricetta! lo sciroppo d’acero ? fantastico e voi avete saputo usarlo al meglio! Brave

  4. Rispondi

    Valentina

    8 maggio 2015

    Resto estasiata di fronte alle vostre bellissime foto, e questa ricetta, cos? ricercata mi ? piaciuta parecchio.
    Vi auguro un ottimo venerd?!
    Vale

  5. Rispondi

    Laura e Sara Pancettabistrot

    8 maggio 2015

    Chiss? quante cose avrebbe da raccontare il gemello arrivato qualche ora dopo a destinazione dopo lunghe peripezie…se solo potesse parlare :)
    Che barattolo delizioso !! Ci piacerebbe assaggiare l’autentico sciroppo d’acero canadese….queste tortine devono essere irresistibili!
    Un bacione!

  6. Rispondi

    Alice

    8 maggio 2015

    Davvero curioso che i due pacchi si siano ricongiunti proprio davanti alla vostra porta! La dolcissima Margherita vi ha fatto davvero un magnifico regalo! E io mi vergogno un po’ ad ammettere di non aver mai assaggiato lo sciroppo d’acero (e neanche l’olio di riso o tantomeno lo zucchero dai fiori di cocco!). Dovr? rimediare…queste tortine devono essere strepitose.
    Un caro saluto,
    Alice

    • Rispondi

      Marina

      8 maggio 2015

      Alice siamo in due a vergognarci!…Neanche io ho mai assaggiato certe delizie!
      :)

  7. Rispondi

    larobi

    8 maggio 2015

    no scusate ma….zucchero dai fiori di cocco??? questa mi ? davvero nuova!!! cos’????? mi piace gi? essendo una sfegatata di dolci e adoro il cocco!!! e poi, che dire del nome??? “zucchero dai fiori di cocco” : ? sublime!!!
    bella la ricetta e bella la storia dello sciroppo d’acero perso e ritrovato. Foto come sempre, bellissime, insomma, che vi devo dire??? io qui sto bene….grazie!!!! baci

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      8 maggio 2015

      oh, ? uno zucchero meraviglioso! ? uno zucchero integrale, non raffinato e con un basso indice glicemico, ma la cosa pi? bella ? il profumo intenso e caramellato che sprigiona…paradossalmente non sa di cocco, ma il suo sapore ? eccezionale. E il nome, s?, fa battere un po’ il cuore…non trovi?:-) lo trovi negli alimentari bio ma anche da eataly dovrebbe esserci. Eventualmente, ci mettiamo davvero poco ad impacchettare e spedire, eh!
      ps: non sai quanto ci troviamo bene noi da te, aleggia il profumo di buono e ci sentiamo decisamente a casa. Baci a te!

  8. Rispondi

    Virginia

    8 maggio 2015

    Che bella sorpresa ricevere anche lo sciroppo d’acero che sembrava smarrito! Quando sembrava perso per sempre vi ha sorprese arrivando e addolcendo molte pi? colazioni di quello che vi aspettavate, visto il doppio barattolo ;-) Ho avuto la fortuna di provarlo proprio in Canada e devo dire che non c’? paragone con quello che si trova qua. Immagino gi? la bont? di queste tortine, rustiche e con il profumo delle amicizie nate per caso che mi piacciono tanto :-)
    Marta, le foto sono sempre pi? belle!
    Un bacio grande e buon finesettimana!

  9. Rispondi

    Maria Cristina milazzo

    8 maggio 2015

    Carissime ragazze , ma lo zucchero dai fiori di cocco a Palermo dove lo trovo? Grazie aspetto vs. Risposta
    Il vs sito e ‘ bellissimo complimenti

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      8 maggio 2015

      ciao Cristina! Che bello trovarti qui! Lo zucchero di cocco a Palermo lo trovi da Naturas?…non ? esattamente economico, ma poich? non ne vanno grandi quantit? per una volta si pu? fare:-) altrimenti sostituiscilo con uno zucchero di canna integrale come il muscovado, che ? scuro e molto profumato. Grazie mille e a presto!

  10. Rispondi

    cosebuonediale

    8 maggio 2015

    Le foto sono magnifiche e rendono ancora pi? golose e invitanti queste tortine. Adoro le vostre ricette!!!!

  11. Rispondi

    Margherita

    8 maggio 2015

    Ragazze! Ma io sono commossa…. un post dedicato a me??? Ma io ve ne mando una damigiana di sciroppo d’acero!!! Davvero, smettete di ringraziare, che per me ? stato un piacere immenso…. sono contenta che ne abbiate sentita la differenza e che quindi abbiate ancora di pi? apprezzato! Un bacio enorme, e buon we!

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      9 maggio 2015

      Cara Margherita, questo e altro per te!! adesso per? tocca al nostro di pacco:-) ps: ma quelle noci pecan, quanto erano buone??? Le pi? buone che abbiamo mai mangiato…
      Un abbraccio a te, sperando di poterlo fare presto di persona in tempi non troppo lunghi!!

  12. Rispondi

    Monica

    8 maggio 2015

    Ricetta che colpisce nel segno. Io e lo sciroppo d’acero abbiamo un legame fortissimo che ci vede insieme fin dai primi anni di universit?, fin dai primi pancake, fin dall’apprezzatissimo regalo post viaggio di nozze della sorella, che me ne port? un tanicone enorme e buonissimo.
    L’adoro con tutto il cuore, per? poi leggo di quello zucchero di cocco (che mi pare abbia attirato pi? di qualche sguardo) e rimango colpita, anche se so gi? che qui non si trova di certo. Insomma, a Torino da Eataly dovr? correre a cercarlo!
    Sempre bravissime, dolci come lo sciroppo nelle vostre parole d’affetto. Bacioni

  13. Rispondi

    Claudia

    8 maggio 2015

    Doppia sorpresa allora!!!!!!! che bello… cos? ne avete doppio! Queste tortine invece devono essere deliziose.. purnon amando tanto la farina di grano saraceno nei dolci.. Un bacione e buon w.e. :-D

  14. Rispondi

    MARI

    8 maggio 2015

    si, anch’io sono incuriosita dallo zucchero dai fiori di cocco!!!! e come sarei curiosa di vederli!!! adesso li cerco in google! Comunque che fortuna ricevere questo bel dono …sono sicurissima che n? farete buon uso!! guarda qua che bont? avete sfornato! :-) ciao e buon fine settimana!!! :-*

  15. Rispondi

    laura failla

    9 maggio 2015

    Wow! Delizioso :) E il barattolo dello siroppo d’acero ? super!!!! CHE MERAVIGLIA :D

  16. Rispondi

    Enza

    9 maggio 2015

    E che dire di queste tortine…… il tempo, tiranno da una parte, ha voluto portarvi questo meraviglioso regalo che ha dato vita alle vostre stratosferiche tortine. Anch’io ho un’amica in Canada….. chiss?! !!

  17. Rispondi

    Chiara

    9 maggio 2015

    confesso che lo sciroppo d’acero non ho la pi? pallida idea di che sapore abbia…devo rimediare anche perch? i vostri dolcetti invogliano alla prova !Buona domenica !

  18. Rispondi

    Francesca P.

    10 maggio 2015

    Immagino la gioia di aprire il pacco, di averlo tra le mani, di sapere che proviene da lontano e ha attraversato mezzo mondo per giungere a voi, grazie ad una ragazza speciale! Queste sono le emozioni belle, le piccole magie che un blog porta quando le persone sono vere e sincere e sanno come renderci felici con un piccolo ma grande pensiero! Il barattolo poi ? bellissimo, potrete usarlo come vaso di fiori per le vostre tavole della colazione! ;-)
    Mi siedo con voi a gustare le tortine, a festeggiare Mimma perch? oggi ? anche la sua festa, a chiacchierare con Marta e a ricaricare le pile prima del luned? mattina che bussa…

  19. Rispondi

    Silvana

    30 dicembre 2017

    Se in questa meravigliosa ricetta sostituisco le uova con i semi di chia?
    Auguro a voi un felice fine anno e un fantastico 2018.

LEAVE A COMMENT

RELATED POSTS