Pizza in teglia di farro semi-integrale a lievitazione naturale

IMG_6143

La lievitazione ? una cosa seria. Mica una cosa da prendere sotto gamba, eh. Vuole i suoi tempi, il suo riposo. E noi lo sappiamo bene, che con la lievitazione non c’? da scherzare: pena, una mattonella gommosa e pesante. Se per? coccolata, rispettata come pretende, il risultato potrebbe essere cos? sorprendente da lasciare sbigottiti. Un’impasto con il lievito madre, poi, ? ancora pi? insidioso: non si pu? mica decidere di mettere in una ciotola farina, lievito, sale e acqua e avere una pizza pronta in meno di tre?ore – per quello, esiste la pizzeria fidata sotto casa o, come ultima spiaggia, una pizza surgelata in caso d’emergenza in freezer -. No, con il lievito madre non funziona cos?: o stai alle sue regole, o niente pizza con lievito madre. E cos? inizi, rinfreschi il lievito, impasti, fai riposare, fai le pieghe, metti in frigo a riposare per lunghe ore (giusto il tempo di riposare un po’ anche tu), porti a temperatura ambiente, fai le pieghe, fai riposare, stendi sulla teglia e ancora a riposo. Poi il momento fatidico: la inforni. E stai l? quella buona mezzora, con l’odore di pizza che ti annebbia i sensi e non desideri altro che una fetta rovente. E quando la sforni e la tagli, ti sembra ancora pi? buona. Che sia la fame, la soddisfazione, tutto quel riposo e l’emozionarti come una bimba nel vedere i buchi: perch? la pizza con il lievito madre, ha lievitato. Per la nostra prima pizza qui sul blog (e ancora, le ricette di sempre mai fotografate) un condimento che a casa ? ormai pi? classico e gradito che con la mozzarella: polpa di pomodoro e cipolle, come quella della nonna, della mamma, della figlia.

IMG_6139

Ingredienti:
200g di farina di farro integrale
150g di farina di farro
85g di lievito madre rinfrescato
250g di acqua
10g di olio extravergine d’oliva + un po’
4g di sale integrale

400g di pelati biologici
2 cipolle rosse
2 – 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
basilico fresco
sale integrale
pepe nero

IMG_6155

Procedimento:
Impasta le farine, il lievito madre, l’acqua, il sale e l’olio per 5 minuti. Aiutandoti con della farina, forma una palla con le mani. Mettila in una ciotola, copri con pellicola e lascia lievitare 1 ora – 1 ora e mezza. Trascorso questo tempo, infarina il piano di lavoro e aiutandoti con le mani allarga l’impasto, formando un piccolo rettangolo. Fai?le pieghe di sovrapposizione: piega il terzo superiore dell’impasto verso l’interno e copri con il terzo inferiore. Gira l’impasto a 90?C e procedi cos? altre tre volte. Rimetti l’impasto nella ciotola, copri con pellicola e lascia lievitare 15 minuti. Trasferisci la ciotola in frigorifero da?12 a?24h. Esci l’impasto dal frigorifero e porta a temperatura ambiente, lasciandolo riposare circa tre ore. Su un piano di lavoro infarinato fai nuovamente le pieghe altre tre volte. Rimetti l’impasto nella ciotola, copri con pellicola e fai lievitare 30 minuti. Ungendoti abbondantemente le mani d’olio, stendi con i polpastrelli la pizza su una teglia foderata di carta forno. Copri con pellicola e fai lievitare altre 2 – 3 ore.
Preriscalda il forno a 240?C. Affetta le cipolle e falle cuocere in una pentola con poca acqua. Quando questa sar? stata completamente assorbita, aggiungi l’olio e fai rosolare a fuoco basso per 2 minuti. Aggiungi i pelati, precedentemente frullati con un frullatore ad immersione. Porta la fiamma a fuoco medio, aggiusta di sale e pepe e fai cuocere per circa 8 minuti. Nel frattempo, inforna la pizza senza condimento per i primi 15 minuti. Escila dal forno, distribuisci il condimento e cuoci altri 10 minuti. Sforna, condisci con ancora un filo d’olio extravergine a crudo e foglie di basilico fresco.

Marta e Mimma

15 Comments

  1. Rispondi

    manuela e silvia

    10 Aprile 2015

    Ciao! ottima questa pizza, alta e soffice come piace a noi! Molto buono l’impasto integrale, ? quello che solitamente prepariamo anche noi :-)

  2. Rispondi

    giorgia

    10 Aprile 2015

    la pizza sar? sicuramente buonissima, queste foto trasmettono bellezza e puro amore per il cibo!
    baci e buon we care

  3. Rispondi

    Ileana

    10 Aprile 2015

    Ecco, se non ? sintonia questa :)
    Sto per infornare una pizza da fotografare e volevo provare un nuovo impasto al farro proprio in questi giorni!
    La vostra versione ? stupenda.. mi sta venendo una fame :P
    Vi abbraccio bellezze, buona giornata :*

  4. Rispondi

    SABRINA RABBIA

    10 Aprile 2015

    amo tutto cio’ che e’ pizza, amo mangiarla e anche farla, che profumo arriva fin a casa mia, con queste farine devo ancora provarla!!!!Brave!!!Baci sabry

  5. Rispondi

    Marina

    10 Aprile 2015

    Riesco quasi a sentire il profumo per non parlare delle mie papille gustative gi? in festa!
    C’? solo un piccolo problema.. non ho mai fatto il lievito madre…. confesso uso il lievito a cubetti!
    :)

  6. Rispondi

    Enza Accardi

    10 Aprile 2015

    Sono senza parole…. Giuro!!!Quello che avete postato qui non ? una ricetta …. ? poesia vera, che si legge e si vede. Immensamante brave !!!!

  7. Rispondi

    Chiara

    10 Aprile 2015

    ci vuole pazienza ma si viene ricompensati, mammamia che voglia di provarci se i risultati sono come il vostro ….Troppo sfiziosa questa pizza ! Buon we, un abbraccio grande

  8. Rispondi

    alessia mirabella

    11 Aprile 2015

    ? proprio come me la immagino, fedele alla vostra descrizione….evviva la pizza preparata con amore, con cura, e con ingredienti semplici… mi piacciono questi sapori di un tempo, mi piace venire qui, siete bravissime! un bacio e buon fine settimana <3

  9. Rispondi

    Virginia

    11 Aprile 2015

    Tutto questo impastare, attendere e fare pieghe ha dato risultati eccellenti! I lievitati richiedono moltissime coccole, soprattutto se siusail lievito naturale, ma danno molta soddisfazione quando si sfornano e si mangiano ;-)
    Il condimento di famiglia mi fa gola, anche a quest’ora del mattino!
    Un abbraccio e buona giornata!

  10. Rispondi

    meris

    11 Aprile 2015

    Ma quanto siete brave voi! Immagino che l’uomo di casa sia altamente soddisfatto…non una blogger ma ben due! La vostra pizza mi tenta molto. Un abbraccio, anzi due..buon WE bimbe

  11. Rispondi

    ConUnPocoDiZucchero Elena

    11 Aprile 2015

    amore, qui c’? amore puro che si sta impossesando del mio corpo! vi avviso!!!

  12. Rispondi

    zia Consu

    11 Aprile 2015

    Non potrei essere pi? d’accordo con te..pensa che io spesso la faccio lievitare 48 ore ed ? strepitosa :-)
    Ottima la tua versione, sana ed equilibrata come solo tu sai fare ^_^
    Buon we <3<3<3

  13. Rispondi

    Miu

    12 Aprile 2015

    Ebbene s?, la pizza ? cosa seria… ed effettivamente questa ? la prima che vi vedo proporci! E sapete che il sapore che mi avete regalato stasera ? quello che sono certa il mio pap? amerebbe pi?di sua figlia (qui presente)? XD
    Il mio pap? si venderebbe me per un trancio di pizza con pomodoro e cipolla rossa!
    Beh, menomale che non ? qui a leggere di questa leccornia, se no gi? saprei che fine farebbe il mio pc (tutto sbavato)!
    Invece devo a malincuore dirvi che l’ometto di casa, qui, ? allergico al farro e sensibile al glutine! Quindi niente farro.
    Diciamo che aspetto venga mio pap? a trovarmi cos? da fargli vedere questa meraviglia e costringerlo a vendermi a voi… solo in quel caso il mio piano diabolico si sar? concluso, perch? almeno mi inviterete a cena! :DDD

  14. Rispondi

    Enrica

    12 Aprile 2015

    la pizza ? cosa serissima e la vostra ha tutta l’aria di essere ottima. Inoltre il farro regalo all’impasto sapore e ogni tanto ne aggiungo anche uno parte alla farina perch? mi piace tantissimo l’aroma che regala.
    Notte donne

  15. Rispondi

    Francesca P.

    14 Aprile 2015

    Quando seriet? e bont? fanno rima… ;-)
    Immagino Marta felice di impastare, di controllare “la palla” che cresce, di preparare il condimento, di pensare ai suoi sogni di futuro infarinati, di sorridere mentre il forno cuoce e di gustare soddisfatta una pizza sana e soffice! Fare i lievitati suscita queste sensazioni positive, l’attesa che si scioglie in gioia quando il piatto ? pieno e si d? il primo morso… :-)
    Io e la pizza abbiamo ancora qualche cosa da sistemare, ma l’amicizia ? gi? nata e spero che il blog abbia presto questo odore buono che sento qui!

LEAVE A COMMENT

RELATED POSTS