Insalata di patate novelle e fave allo za’atar // New potato, broad beans and za’atar salad

Non siamo solite festeggiare Pasqua e, di conseguenza, non ci capita di riunirci con i nostri parenti e partecipare ad uno di quei pranzi interminabili che solitamente si concludono (ammesso che, si concludano) con pance pesanti e la bellezza di tre kg acquistati in poche ore. Ancor meno, non mangiando carne, ci capita di fare qualcosa di realmente concreto per Pasquetta (vade retro arrostute). Abbiamo però il nostro piccolo modo di festeggiare: ci piace godere del tempo insieme, fare le cose con lentezza, svegliarci (relativamente) tardi e preparare una colazione speciale e cucinare qualcosa di sfizioso per il pranzo, senza però stressarci troppo.

La nostra idea di pranzo ideale è uno che preveda diversi piatti, tutti diversi fra loro, ma senza dover dare un necessario ordine di portata a questi. Ciò significa che difficilmente in queste occasioni prepariamo un vero e proprio primo o un secondo ma, piuttosto, ci divertiamo a creare una serie di pietanze delle quali ognuno può prendere la quantità che vuole, così da mangiare un po’ di tutto senza appesantirsi troppo e aspettare interminabili tempi tra una portata e l’altra. Possiamo definirlo una sorta di pranzo buffet, se proprio vogliamo dare un nome.

Nella nostra tavola, la primavera si traduce automaticamente nel nutrirci (o, quanto meno, nel volerci nutrire) principalmente di asparagi, in fragole fresche per colazione al mattino e zuppe dal sapore delicato e in insalate di patate novelle. Quest’ultima, perciò, non poteva proprio mancare per questa Pasqua. Inizialmente eravamo tentate di preparare nuovamente quella postata da queste parti l’anno scorso, ma poi ci siamo dette che, per quanto possiamo amare quell’insalata, volevamo qualcosa di diverso e, soprattutto, qualcosa da condividere su queste pagine, visto che è da troppo, per i nostri standard, che non ci capita di proporvi una delle nostre solite insalate ricche.

Siamo davvero contente del risultato finale: abbiamo bollito le patate novelle e unite a delle fave così fresche da essere tenerissime e a della cipolla rossa cotta caramellata leggermente in un po’ d’olio, così da bilanciare il retrogusto un po’ amaro delle fave. Per smorzare, invece, la dolcezza della cipolla, sono state fondamentali delle buone olive verdi e un condimento allo za’atar, ovvero un mix di timo secco, semi di sesamo e sommacco. Un po’ di prezzemolo e aneto, che con fave e patate stanno davvero troppo bene per non metterli, e questo è quanto! È un’insalata davvero semplice, si prepara in una 30ina di minuti (cuocete le patate e le fave mentre caramellate le cipolle!) ma è decisamente buonissima. Approvata anche da quel brontolone dell’uomo di casa!

INSALATA DI PATATE NOVELLE E FAVE ALLO ZA’ATAR
Vegan, senza glutine, senza grani, senza frutta secca, senza soia
PORZIONI: 6
NOTE: Potete mangiare questa insalata come piatto unico o come contorno. Qualora doveste servirla come piatto unico, accompagnatela a delle lenticchie alla senape o a dell’hummus per aggiungere un po’ di proteine vegetali. Le patate possono essere arrostite in forno con poco olio come in questa insalata piuttosto che bollite, se preferite. Salate adeguatamente le patate e non abbiate paura di salare ancora l’insalata, è davvero necessario!

Ingredienti:
800g di patate novelle
200g di fave fresche sgusciate e decorticate
15 olive verdi
1 grande cipolla rossa
1 cipollotto
3 cucchiai di prezzemolo fresco
2 cucchiai di aneto fresco
1 cucchiaio di semi di sesamo
1 cucchiaio di sommacco
1 cucchiaino di timo secco
4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
1 cucchiaio di succo di limone
sale integrale
pepe nero

Procedimento:
Taglia finemente la cipolla rossa. Scalda 1 cucchiaio di olio in una casseruola e cuoci a fuoco lento le cipolle per circa 30 minuti, mescolandole spesso, finché saranno morbide e caramellate. Metti le patate novelle in una pentola, coprile con acqua fredda e un po’ di sale e porta ad ebollizione. Cuoci per circa 17 minuti o finché saranno cotte. Scolale e falle raffreddare. Tosta in una padella senza aggiungere grassi i semi di sesamo e riuniscili in una ciotola con il sommacco, il timo, sale e pepe. Aggiungi 3 cucchiai d’olio e 1 cucchiaio di succo di limone e mescola il tutto bene insieme. Sbollenta le fave decorticate per 30 secondi in acqua calda salata, scolale e passale sotto l’acqua fredda. Taglia a metà o in quarti (in base a quanto sono grandi) le patate e mettile in una grande insalatiera. Aggiungi le olive verdi denocciolate e tagliate grossolanamente, la cipolla caramellata, le fave cotte, il cipollotto affettato finemente, l’aneto e il prezzemolo e mescola insieme. Condisci con l’olio allo za’atar e mescola bene finché tutta l’insalata sarà ben condita. Assaggia e aggiusta di sale se necessario. Servi.

NEW POTATO, BROAD BEANS + ZA’ATAR SALAD
Vegan, Gluten free, Soy free, Grain free, Nut free
SERVES: 6
NOTES: You can serve this salad as a main with a side of mustard lentils or some creamy hummus. You can also serve it on his own, but that is going to be enough for 4 people. Also, don’t be scared to use salt in this salad: it really needs it.

Ingredients:
800g new potatoes
200g fresh shelled fava beans
15 green olives without the stone
1 big red onion
1 spring onion
3 tbsp fresh parsley
2 tbsp fresh dill
1 tbsp sesame seeds
1 tbsp sumac
1 tsp dried thyme
4 tbsp extravirgin olive oil
1 tbsp lemon juice
salt
black pepper

8 Comments

  1. Rispondi

    Serena

    20 aprile 2017

    Solo a vederla si rallegrano gli occhi, colori sfavillanti e ingredienti scelti che non fanno rimpiangere affatto i pranzi luculliani spesso pesanti e difficili da digerire. Ottima scelta!

  2. Rispondi

    saltandoinpadella

    20 aprile 2017

    Favolosa!!! non trovo altre parole per descriverla. Quanto vi invidio quelle favette piccole piccole, chissà come dovevano essere dolci, fresche e croccanti. Qua si trovano sempre delle fave enormi e durissime…

  3. Rispondi

    Francesca Quaglia

    20 aprile 2017

    Mamma mia, ragazze…quanto mi ispira quest’insalata!!!!! Da volerla subito…e che colori <3

  4. Rispondi

    fausta lavagna

    20 aprile 2017

    … avendo pranzato a Pasqua con falafel di piselli e poco più, ed essendo in perfetta sintonia col vostro modo di “fare festa”, non mi lascerò sfuggire questa insalata che riproporrò, a modo mio e con le patate dolci viola giacenti in attesa di un’idea, al mio uomo di casa. Io dico che ne sarà entusiasta! Grazie e a presto :)

  5. Rispondi

    zia consu

    20 aprile 2017

    Non sai come mi sarebbe piaciuto festeggiare la Pasqua a casa vostra..il mio stomaco ed il mio umore ne avrebbero sicuramente giovato!

  6. Rispondi

    Silvia Brisi

    21 aprile 2017

    Davvero appetitosa! Anche io preferisco i pasti che prevedono più portate diverse e servite in contemporanea, solo che alla fine li preparo poco e mi riduco al piatto unico per questioni di tempo!! Mi arriveranno domani un bel po’ di fave fresche dell’orto dei suoceri, ecco che le metto anche in questa bella insalata!
    Buon we!!

  7. Rispondi

    MARI

    21 aprile 2017

    quanto sono buone la patate novelle! in questa insalata ci sono tutti i sapori della primavera che ha fatto un’apparizione fulminea per lasciar posto ancora al freddo! Comunque mi piacerebbe tanto poterla assaggiare leggermente tiepida. Scusate l’ignoranza ma il sommaco che sapore ha?
    XXX baci!

  8. Rispondi

    Sara Casina

    14 maggio 2017

    Va bene le patate novelle, delizia di ogni stagione, ma figlie della primavera/estate, ancelle dell’insalata fresca e rigenerativa. Ma lo Za atar! Lo adoro, e semplicemente lo si può preparare (anche in quantità elevate, tipo un paio di chili, indegno) senza spendere tantissimo!
    Mi chiedo come mai non ci sono arrivata prima; ma dall’altra parte ringrazio voi per la condivisione e l’ottimo articolo!!
    Marta e Mamma, un bacione assai assai grande!

LEAVE A COMMENT

RELATED POSTS