Torta vegana di mele, grano saraceno e yogurt // Vegan buckwheat + yoghurt apple cake

Ultimamente, le cose sembrerebbero andare estremamente bene. A parte un paio di progetti portati a fine termine dei quali vi parleremo prestissimo, la notizia che ha fatto brillare il nostro weekend è stata quella di essere finaliste nella sezione “HEALTHY” ai Cucina Blog Awards indetti dal corriere. Quando abbiamo letto il nostro nome accanto a quelli di molti altri blogger che stimiamo così tanto e le cui foto ci fanno sempre sognare ad occhi aperti, non potevamo praticamente crederci. Essere arrivate a questo punto della gara è una soddisfazione veramente enorme per noi. E non potremmo non ringraziarvi: se abbiamo raggiunto questa meta è grazie a voi, a voi che ci avete seguite e spronate ad andare avanti in questi anni e a voi che ci avete nominate! Per questo, vi chiediamo un ultimo piccolo favore se vi piace quello che facciamo e credete in noi: collegatevi a questo link ed esprimete una preferenza per ciascuna categoria (è necessario esprimerla per ogni categoria per poter votare), selezionando “Naturalmente buono” nella categoria Healthy.

Per il resto, anche tutto il resto sembrerebbe andare per il verso giusto. Unico piccolo grande neo, la digestione (o, per essere più precisi, la salute intestinale) di me, Marta, in questi giorni, non è esattamente delle migliori. Tendenzialmente, non becco mai un’influenza – davvero, questo inverno non ho preso una febbre e/o un raffreddore – e i miei unici “acciacchi” sono dovuti a qualche sporadico attacco di colite che, ormai ho imparato a gestire piuttosto bene. Ma qui si tratta di tutt’altra cosa: mi sveglio la mattina con un forte dolore sotto lo sterno e, l’unico pasto che, più o meno, riesco a tollerare è la colazione. Per il resto, qualsiasi cosa mangi (persino una foglia di finocchio, per dire) mi provoca un terribile bruciore allo stomaco che fatica ad andar via. E persino non mangiare non è un’opzione perché: 1) sono una di quelle persone che ha bisogno di almeno 3 pasti solidi durante il giorno altrimenti inizia davvero a sentirsi male, 2) non mangiare mi porta, inevitabilmente, alla fame. E se provo ad ignorarla, si presentano gli stessi sintomi che mi tormentano quando mangio qualcosa. Gli unici momenti durante i quali questo dolore si affievolisce (anche se non scompare mai) sono i momenti durante i quali non sono a casa. Ah, e l’unica cosa che allevia i miei problemi è il caffè, che avevo smesso di bere da 2 anni e che, adesso, sento il bisogno di bere 2 volte al giorno per riuscire a stare un po’ meglio. Buffo, eh? Onestamente, sono davvero preoccupata. Ho già programmato esami del sangue e per le intolleranze alimentari, ma non riesco ad essere veramente tranquilla. Sappiamo bene di non parlare spesso di queste cose qui sul blog, ma le cose non sono sempre limpide e, poiché questo è il nostro spazio, sentiamo il bisogno di essere delle persone vere tutto il tempo: è bello condividere foto di viaggi e di piatti colorati su instagram, ma la vita non è soltanto questo.

Dopo il piccolo sfogo, veniamo a questa torta qui che, per fortuna, abbiamo preparato qualche giorno prima che i problemi della più piccola di noi diventassero così invasivi e, in questo modo, anche lei è riuscita ad assaggiarla e stupirsi per quanto fosse buona. Probabilmente lo abbiamo già detto, ma non è una tipa da dolci e non è difficile che tutti i suoi pasti durante la giornata siano salati, con l’eccezione dello sporadico porridge con frutta fresca. Ma questa torta: è talmente buona che ne ha mangiate almeno tre fette e il nostro uomo di casa ha dovuto contenersi per non finire la teglia in una volta sola. Anche perché, diciamocelo, la maggior parte dei dolci vegani sono stratosferici e lussuriosi: torte crude al cioccolato e ai mirtilli (non abbiamo mai incontrato nessuno, neanche il tradizionalista più convinto, che non apprezzasse questo tipo di torte), mousse al cioccolato e avocado, brownies, energy balls… Però, ogni tanto, sentiamo il bisogno di qualcosa di più semplice e classico e, in questi casi, solo una cosa ci può soddisfare: una buona fetta di torta di mele. Abbiamo usato fiocchi d’avena senza glutine e farina di grano saraceno per renderla nutriente, integrale e ricca di fibre. Inoltre, dolcificandola con zucchero di datteri (datteri disidratati e macinati finemente, in modo tale da ricordare uno zucchero scuro) e purea di mele, questa torta contiene naturalmente zuccheri senza bisogno di dover ricorrere ad altri dolcificanti. Per il resto, abbiamo usato un po’ del nostro yoghurt di anacardi per renderla soffice e legare bene il tutto e perché, onestamente, sognavamo da un sacco una torta allo yogurt. Qualora non doveste aver fermentato anacardi, qualsiasi yogurt vegetale non dolcificato (preferibilmente quello di cocco) andrà bene. L’effetto “zucchero a velo”, invece, è dato da un po’ farina di cocco (e non cocco rapé) spolverata sopra.

TORTA VEGANA DI MELE, GRANO SARACENO E YOGURT
Vegan, Senza Glutine, Senza Zuccheri Raffinati
PORZIONI: Per una teglia rettangolare da 26x22cm
NOTE: Se non doveste trovare lo zucchero di datteri, potete usare in alternativa lo zucchero di cocco. I semi di chia possono essere sostituiti con ugual peso di semi di lino macinati. Come yogurt, abbiamo usato il nostro yogurt di anacardi fatto in casa, ma qualsiasi altro yogurt vegetale andrà bene.

Ingredienti: 
100g di fiocchi d’avena, senza glutine se richiesto
80g di farina di grano saraceno
100g di zucchero di datteri (o zucchero di cocco)
120g di purea di mele (non dolcificata)
15g semi di chia macinati + 75g di acqua
3 cucchiai (45g) di yogurt vegetale
80g di olio di cocco, sciolto
16g di lievito per dolci
1 cucchiaino di cannella
4 – 6 mele piccole

Procedimento:
Preriscalda il forno a 180°C. In una ciotola mescola i semi di chia macinati con l’acqua e fai riposare per 5 minuti. Mescola il gel di semi di chia con la purea di mele e lo yogurt e tieni da parte. In un frullatore, trita finemente i fiocchi d’avena fino a ridurli in farina e mettili in una ciotola con la farina di grano saraceno, lo zucchero di datteri, il lievito e la cannella. Aggiungi il composto di semi di chia, yogurt e purea di mele e l’olio di cocco e mescola bene fino ad ottenere un impasto molto denso e compatto. Distribuisci l’impasto in una teglia rettangolare da 26x22cm foderata con carta forno o una con un po’ di olio di cocco, aiutandoti a spianarlo con una spatola o il dorso del cucchiaio. Togli il torsolo alle mele e tagliale in spicchi, poi decora la torta infilando gli spicchi nell’impasto. Inforna per 25 – 30 minuti. Sforna e lascia raffreddare prima di tagliare in 12 quadrati e servire.

VEGAN BUCKWHEAT + YOGHURT APPLE CAKE
Vegan, Gluten free, Refined sugar free
MAKES: For a 26x22cm tin
NOTES: If date sugar is not avaible, use coconut sugar instead. You can sub flax seeds for chia seeds. Here, we used our homemade cashew yogurt, but any other plant and unsweetened yogurt such as coconut would be fine.

Ingredienti: 
1 cup (100g) gluten free rolled oats
2/3 cup (80g) buckwheat flour
3/4 cup (100g) date sugar (or sub coconut sugar)
1/2 cup (120g) unsweetened apple sauce
3 tsp (15g) ground chia seeds + 5 tbsp water
3 tbsp (45g) plant based yoghurt
1/3 cup (80g) coconut oil
4 tsp baking powder
1 tsp ground cinnamon
4 – 6 small apples

Method:
Preheat oven to 180°C. Mix ground chia seeds with water and let it sit for 5 minutes. Add yoghurt and apple sauce to the chia “egg” and mix everything together. Blend oats until you get a flour and put them in a bowl with buckwheat flour, date sugar, baking powder and cinnamon. Stir everything together. Add the chia mixture and coconut oil to dry ingredients and combine them until you get a sticky and not very fluid batter. Spread the batter with a spatula in a 26x22cm baking tray covered with parchment paper or lightly greased with coconut oil. Finely slice the apples and place them on top of the batter, slightly pushing them. Bake for 25 to 30 minutes. Let it cool at room temperature and slice it in 12 squares.

 

Marta e Mimma

24 Comments

  1. Rispondi

    Silvia Brisi

    6 marzo 2017

    Mi spiace per lo stomaco di Marta, magari è solo una forma di influenza, l’ anno scorso ne ho presa una simile, qualunque cosa mangiassi mi faceva male allo stomaco, poi dopo una settimana è passata ma ero tranquilla perchè non ero l’ unica ad avere avuto quella variante, spero sia solo il virus passeggero!!
    Che dire della torta, semplice e buona, e poi non so mai resistere alle torte di mele!!
    Buon inizio settimana!!

  2. Rispondi

    Silvia Brisi

    6 marzo 2017

    Uh, e ho schiacciato invio prima di farvi i complimenti per gli award, secondo me vi siete meritate la finale, e spero anche il titolo!! Vado a contribuire!!!
    A presto!!

  3. Rispondi

    Serena

    6 marzo 2017

    Questa torta ha un aspetto fantastico! che dire, ho votato per voi e ho sbirciato gli altri blog nella sezione Healthy e non mi sembra che vi possano fare concorrenza… Il vostro blog è cresciuto tanto negli ultimi tempi e spero proprio che arrivino i giusti riconoscimenti. E soprattutto che questi antipatici dolori spariscano in fretta!!!

  4. Rispondi

    Margherita

    7 marzo 2017

    Sono venuta qui con due scopi attratta da quella bella torta di mele che tagliata a quadretti e servita in quella bella pirofila bianca e blu mi ha fatto tanta, ma proprio tanta gola. Ero felice più del solito di farlo perché mi volevo congratulare con voi per il bellissimo risultato del Corriere della Sera, ve lo avranno detto in mille, ma giuro che non mi sono per niente stupita!
    Leggo con dispiacere che Marta, nonostante le soddisfazioni, non stia molto bene… spero tu possa avere delle risposte al più presto, nel frattempo cerca di stare tranquilla e non allarmarti troppo. Sono certa che tutto si risolverà presto e nel migliore dei modi. Un abbraccio!

  5. Rispondi

    Ely

    7 marzo 2017

    Mi spiace per il disturbo di Marta, magari è anche il cambio di stagione a me scombussola sempre un po, ma per fortuna è riuscita ad assaggiare questa meraviglia!!!!! Deve essere strepitosa e molto molto golosa!!!!
    p.s. ma non dimenticatevi di raccontarci le altre novità e…. Vado a votare, complimenti ma lo sapete già che siete bravissime! Un bacione

  6. Rispondi

    Francesca Quaglia

    7 marzo 2017

    Marta , Marta…tu hai descritto esattamente il mio problema che, però, ho sempre associato alla colite. Sicura che non sia quella, magari in una forma diversa? per me è un periodo di forte stress e lo stomaco è la prima cosa che ne risente…Poi sai una cosa? anche a me si attenua quando sono fuori casa , ed aumenta a casa, quando mi rilasso. Personalmente non credo molto alle intolleranze, ma tienimi infirmata. Tornando al blog di cucina e non a quello medico, che dire? non amo le torte ( nel senso che amo i dolci, vero, ma più cremosi..), ma questa la mangerei subito!!!! E poi..è di mele ;) P.s. brave per tutto il resto <3

  7. Rispondi

    zia consu

    7 marzo 2017

    Mi dispiace tantissimo x Marta e spero che dopo gli esami venga fuori la cura più idonea a lei, ad ogni modo è possibile che siano anche sintomi passeggeri magari dovuti ad un po’ di stress (cosa che sarebbe anche meglio, da curare solo con un po’ di riposo e coccole della mamma…la miglior medicina!).
    Innanzitutto complimenti x essere arrivate in nomination, faccio il tifo x voi bimbe belle ^_^ e poi non posso che rimanere ammaliata dinanzi a questo spettacolo ???? la voglioooooo

  8. Rispondi

    Emanuela Lupi

    8 marzo 2017

    Eccomi qua… di nuovo.. ehm… capito sempre, ma commento poco però ci sono… sempre…sono quella dei biscottini di zucchero di cocco buonissimi…
    Io non sono esperta in materia e STO IMPARANDO ad ascoltarmi anche e soprattutto quando non sto bene.. ad esempio quando a me capita questa TUA STESSA COSA, l’unico cibo che riesco a mangiare il mattino è pane essiccato all’aria bagnato nell’acqua calda… si.. anche io il SOLIDO lo preferisco, perché sento che mi fa meglio..ad esempio il riso lo lesso e non lo cucino a mo’ di risotto girato perché mi mette “acqua” allo stomaco ..(sensazione? verità? .. chi lo sa, ma a me fa star meglio e lo cucino così).
    Potrebbero essere tante cose, dallo stress, al nervoso, a qualcosa di fisico tipo una eccessiva produzione di acido cloridrico da parte delle ghiandole gastriche…però… stai tranquilla e se uscire di casa ti sollieva e solleva, allora esci più che puoi..
    La tortina è alla mia portata… non sono vegana, né vegetariana, mangio quello che sento mi fa stare bene… e quindi non dispongo di tutte le vostre fantastiche prelibatezze “strambe” ;), ma lo zucchero di cocco ce l’ho ;) ed anche lo yogurtino, buono…lo prendo da un pastore che alleva le caprette e le mucche e fa dei formaggini buonissimi..tra l’altro lui è vegetariano.. hihihi.. e il suo yogurt è davvero buono, ma perché fatto bene.. quindi posso azzardarmi a fare questa torta…
    Mi raccomando… aggiornaci sulla salute..
    E COMPLIMETISSIMIIIIII!
    Manu.

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      9 marzo 2017

      ciao Manu! a parte che va beh, ti volevamo dire che ti adoriamo (i tuoi commenti sono sempre splendidi <3). Ti dirò, io ultimamente la mattina riesco a mangiare solo frutta (per essere precisi: mele), qualche noce e una tazza di caffè. Per il resto, cereali in chicco cotti (io pure il riso lo preferisco così piuttosto che a mo' di risotto, lo trovo anche più facile da digerire..) e verdura cotta - anche se ogni tanto non resisto e mangio anche un po' di verdura cruda, che io amo il crunch sotto i denti! - ma, nonostante al momento la mia alimentazione sia piuttosto semplice, non riesco a trovare sollievo...domani avrò i risultati delle analisi del sangue e farò una visita da un gastroenterologo, così mi metterò il cuore in pace! Per la torta, non possiamo che consigliarti di prepararla: la ha preparata anche un'amica che non è vegana e ci ha fatto sapere che in una serata è sparita ;-) un bacio Manu, e grazie sempre per queste belle chiacchierate!

  9. Rispondi

    Erika

    8 marzo 2017

    Belle donne, passo da voi per mandarvi un abbraccio e tanti auguri per oggi!????❤ purtroppo non riesco mai a commentare, sono sempre di corsa… Vi abbraccio! A presto!

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      9 marzo 2017

      grazie Erika, un abbraccio e tanti auguri a te ;-*

  10. Rispondi

    tizi

    8 marzo 2017

    bellissima questa torta di mele! veramente da divorare con gli occhi ;) per il resto, cara marta, mi dispiace sapere che non stai bene. io ho avuto problemi simili in passato e alla fine dopo vari accertamenti mi sono resa conto che dovevo semplicemente cambiare i miei ritmi di vita, nei limiti del possibile, e imparare a gestire meglio il mio tempo al di fuori dal lavoro. è chiaro che non siamo tutte uguali ma per la mia esperienza ti consiglio di non sottovalutare lo stress! in ogni caso spero che tutto si risolva presto e ti mando un abbraccio grande grande :)

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      9 marzo 2017

      ciao Tiziana! intanto grazie mille per la torta, possiamo affermare sinceramente che sia una delle più buone e semplici che abbiamo mai preparato! per il resto, ti dirò, io soffro di colite e, quando sono stressata o nervosa, tendo ad avere dolori piuttosto forti. Ma qui si tratta di qualcosa di un malessere più intenso e fastidioso, che persiste e che non mi lascia un attimo (non ho mai avuto una colite talmente forte da non abbandonarmi neanche quando dormo e lunga persino due settimane!!). Spero si tratti solo di questa influenza terribile che gira da un po’…un abbraccio grande a te!

  11. Rispondi

    Arianna

    8 marzo 2017

    mie care, i miei complimenti per la nomination.
    sono andata subito a votarvi!
    un piccolo ringraziamento per le tante ispirazioni che mi date ogni settimana.

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      9 marzo 2017

      Arianna, grazie a te per questo commento <3 sono i comment come questo che ci fanno portare avanti questo spazio!

  12. Rispondi

    luisa

    8 marzo 2017

    Intanto ancora complimenti per il blog award, come sapete sono la vostra 1° fun!! sfegatata pure direi!
    poi.. deformazione professionale.. non posso non darti qualche dritta tesoro (Marta) per lo stomaco. Ora, il cambio di stagione, può andare ad irritare la mucosa gastrica.. bevi molto ma solo acque povere di sodio e a temperatura ambiente, solo FUORI PASTO (non mettere nemmeno bicchiere in tavola). Attenta agli zuccheri di ogni tipo.. solo cereali in chicco integrali con verdure a pranzo.. e proteine con verdure (lontana da insalata, lattuga e foglia verde in genere) a cena. Evita la mollica del pane (solo crosta o tostalo!!). Scusa l’invadenza, non resisto ;-D spero che le indicazioni (anche se sommarie..) ti possano aiutare! bellissima la torta.. e ovviamente d’ha da fare! baci donne

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      9 marzo 2017

      ciao bellezza! intanto, non posso che apprezzare le tue dritte (ma che invadenza ed invadenza!!). Per il resto, ti dirò: praticamente non consumo zuccheri – a parte un po’ di frutta ogni tanto, ma mai in dosi eccessive – e non dolcifico nulla. Per ora sto mangiando soltanto cereali senza glutine in chicco e quasi esclusivamente verdure cotte (quelle crude mi irritano tantissimo in questo periodo) ma, ti dirò, le cose non vanno affatto meglio :-( ti bacio forte, appena mi riprendo non vedo l’ora di provare i tuoi burger di lupini! Bacio

  13. Rispondi

    Ilaria (Campi di fragole per sempre)

    9 marzo 2017

    Ragazze care davvero complimenti di cuore! :) Finale meritatissima!! Adoro il vostro blog! :)
    Foto e torta irresistibili come sempre…
    Un forte abbraccio
    Ila

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      9 marzo 2017

      grazie tesoro, un abbraccio a te!

  14. Rispondi

    Emanuela Lupi

    10 marzo 2017

    Ci torno a straparlare, che credete????
    sono contenta siate felici delle mie scemaggini…..almeno sento di essere di sollievo …
    Ehm.. le mele sono il mio frutto preferito, quello che rambusco più di tutti durante l’estate quando qua da me i melini selvatici si riempiono di frutti di ogni forma, dimensione, colore… Piglio mia mamma (ehm io non guido purtroppo..ho una fifa fifosa fiferrima) e via.. la porto a scorribandare con me.. pooooooooi io mi arrampico come Tarzan, mi incastro tra i rovi e delle volte ci resto pure in mezzo, perché mi si intrecciano i rami coi capelli che è un disastro, lei invece sta sotto col borsone…
    Quindi, dopo questa bellissima fotografia de “le comiche 3 “, pure io le mele il mattino, anzi per essere precisa le bucce delle mele (non fate facce strane ..sono mele buone)..perché faccio sempre le mele cotte a mia mamma che ha difficoltà di masticazione e come frutta cruda tal quale riesce a mangiare solo banane e quindi io il pomeriggio metto su la padellina e le cucino un paio di melette..mi tengo le bucce ed i torsolini, li custodisco gelosamente in ciotole che si riempiono a vista d’occhio e la mattina me le pappo… assieme a quello che percepisco mi va.. a volte anche nulla in realtà ma mi sforzo comunque un po’…
    il riso lessato anche io lo trovo come te più digeribile e le verdure per mantenerle crocche potresti farle al forno dato che il cotto ti va di più che il crudo, ma ami pure tu fare il criceto…
    Sai … quando ho detto di non essere vegana era solamente per dire che molto spesso non dispongo degli ingredienti particolari che si ritrovano nelle ricette (tipo lo psillio, o altre cose….) non per fare una precisazione sul NON SONO VEGANA e QUINDI VADE RETRO VEG, anzi!!!
    IO ADORO SPERIMENTARE, ma … siccome cerco di uscire da un problema che forse mi accomuna ad una di voi due, l’anoressia, cerco di guardare al cibo SENZA PREGIUDIZI e soprattutto ASCOLTANDOMI APPUNTO.. la carne ne mangio davvero poca, ma perché devo ancora eliminare il pregiudizio carne = fa male, che poi io ce l’ho di casa, perché mio papà ha una piccola azienda agricola dove alleva mucche e maiali e SO COME LAVORA.. LE ALIMENTA COL FIENO SUO…SENZA CRISMI… cioè è BUONA…. capite cosa intendo? le uova..le prendo da mia zia di 84 anni.. che ha le galline con il nome..9 ne ha e me ne tiene da parte sempre sei… perché “per la Manuela c’enn sempre du ova” e quindi io le mangio…ho allontanato il pregiudizio contro il burro e ne sono felice….
    Lo so che sto uscendo dal seminato, ma faccio per spiegare…cioè raccontare come “la vivo io”, come sto cercando di “migliorare il mio rapporto col cibo” … poi una volta “spregiudiziata” sceglierò a sentimento quello che mi andrà..ma ancora devo mantenere la rotta…. e di sicuro sta torta la faccio..perché mela=frutto preferito; grano saraceno=farina che adoro; torta di mele=mio dolce ppreferito.. quindi..
    Sai Marta una volta che ho fatto? ho preparato la torta veg di mele con frutta secca di Benedetta Marchi di Fashionflavors che sicuramente conoscerete.. siccome mamma non riusciva a mangiarla, per le mandorle appunto io l’ho affettata e seccata… che buonaaaaa! la mela era diventata una specie di candito….. prova!
    E facci sapere…
    Scusa la lunghezza…
    Baci baci..
    Io scrivo parlando al singolare, ma so che siete in due.. perdono…..
    Manu

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      10 marzo 2017

      ma buongiorno Manu! Intanto ti aggiorno: credo si trattasse di una terribile influenza. Stanotte, dopo essermi rigirata infreddolita nel letto, ho deciso di misurare la febbre: indovina un po’? La bellezza di 38.7 gradi!! però, suvvia, se si considera che quest’anno non mi ero ammalata neanche una volta, ci sta…
      Le mele d’inverno (purché siano quelle piccole, locali e dello specifico produttore che dico io – le altre, lo giuro, non mi piacciono…le trovo tutte troppo farinose) diventano il mio frutto invernale preferito, anche se me ne dimentico totalmente quando iniziano a comparire le prime ciliegie… Di solito le taglio a spicchi, metto un bel cucchiaio di burro di mandorle in una ciotolina e le mangio intingendole nella crema.. per quanto riguarda le bucce, ti dirò, quando preparo un dolce e le devo sbucciare le mangio volentieri anche io, sono buonissime, tutte le vitamine sono concentrate lì e io non ho proprio voglia di sprecarle.
      Poi le verdure..quando non le mangio crude le faccio sempre al forno…diventano un po’ caramellate e bruciacchiate…CHE BUONE! Tipo: le carote lesse non le sopporto, ma al forno (magari con cumino, coriandolo e olio di cocco, o con lo za’atar) sono la fine del mondo.
      Poi.. lo so, lo so che non hai pregiudizi sui vegani, mi dispiace se ho fatto trasparire questo dalla mia risposta! Sai, io credo che ognuno debba scegliere l’alimentazione che lo fa star meglio fisicamente e spiritualmente, ma senza alcun pregiudizio. Io, ad esempio, ho eliminato la carne dalla mia alimentazione (e non l’ho più mangiata) ben sei anni fa, quando la mia unica preoccupazione era cercare di evitare, nel mio piccolo, di uccidere animali e favorire l’allevamento intensivo. Poi sai, a me non piace mettere etichette sulle cose: se si è consci di ciò che si mangia e lo si fa ascoltando il proprio corpo e la propria etica e non ci si attiene ad uno “schema” (es. vegani che magari hanno una gallina e di tanto in tanto mangiano un uovo) io, sinceramente, non ci trovo niente di male. Molti mi direbbero che sto scrivendo un’eresia, però;-) poi io ho notato di essere molto sensibile ai prodotti raffinati, ogni volta che mi è capitato/mi capita di mangiarli mi viene un forte mal di testa e mi sento molto letargica, ed è una sensazione che non mi piace affatto e preferisco evitare..
      ma veniamo alla torta! Guarda, torta di mele CON grano saraceno: io evidentemente sono come te, perché già soltanto a queste due parole sarei convinta.
      Ti abbraccio (anzi, ti abbracciamo!!!!) Manu

  15. Rispondi

    Emanuela Lupi

    10 marzo 2017

    Grazie…. tu sei stata chiarissima….
    Io l’ho fatto solo perché molto spesso quando lo dico, di essere onnivora, è come se mi sentissi fuori posto.. come se poi mi dovessi giustificare, come se facessi qualcosa d sbagliato…
    Sa(i)pete un giorno son capitata in un’ emporietto che ha aperto da poco qui nel mio paese, gestito da una mia amica vegana appunto ed è totalmente improntato sul vegan… e gluten-free; quel giorno erano li due ragazze che le stavano presentando dei cosmetici..sono entrata (ehm..con il pesce preso al mercato, ma vabbé lo faccio sempre ;) :P ) e mentre parlavamo è uscito fuori che pure loro due erano vegane. Quando io ho detto di no che comunque mangiavo tutto..hanno iniziato a dire che “oddio l’uovo fa venire il vomito” che “il formaggio per carità”… mi sono sentita così… sbagliata.. sono stata molto male….
    Ecco…solo per quello… tu TI SEI SPIEGATA BENISSIMO…
    :) GRAZIE ANZI….
    sono contenta che tu abbia capito cosa ti faceva star male…
    ah: io le carote al forno le adoroooooo!!! i finocchi ed il cavolfiore, spaccaaaaaaanooooo!
    VI VOGLIO BENE! :)
    Manu

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      10 marzo 2017

      Nooo, non prendermi assolutamente per quel tipo di persona, anzi!! Io non mangio più carne da anni, ma non ho mai criticato nessuno, anzi..cioè, ho un po’ le mie “paranoie” (es: non mangio qualcosa dove c’era sopra carne o altro semplicemente scartando quella parte, questo proprio non riesco..) ma sono stata sempre super tollerante e, ti dirò, ammetto tranquillamente che c’erano piatti che mi piacevano proprio e se qualcuno mi chiede consigli su come cucinare carne/pesce cerco di aiutarli – basandomi chiaramente e principalmente sulla “esperienza” fatta leggendo avidamente blog e libri di cucina. Fare sentire sbagliate le persone, quello non lo tollero proprio!
      Quanto alle verdure al forno: ma quanto è buono il cavolfiore?! Diventa proprio un’altra cosa… e i finocchi poi! Ma vogliamo parlare anche di zucca e patate dolci?! O delle barbabietole? O del cavolo verza (io quello lo spolvero una volta cotto con un po’ di dukkah e…yum!)??
      bacio Manu, amore ricambiato <3

  16. Rispondi

    Emanuela Lupi

    13 marzo 2017

    cu cu… toc toc… c’è nessuno?
    ehm.. primo primo primo.. come stai Marta?
    secondo secondo secondo… fatta fatta fattaaaaaaaaaaa! questa torta è buonizzimaaaa ma ioooo non avevo dubbi! la mia non è bella e precisa come la vostra, ma non dice! ahahaa..
    piace anche a mamma.. ma questo lo sapevo perché lei è torta melosa come me…
    grazie.. questa si fa!
    Baci baci baci…. buon lunedì
    Manu

LEAVE A COMMENT

RELATED POSTS