Risotto integrale con funghi, miso e tahin // Mushroom, tahin + miso brown rice risotto

Se avete letto il nostro post precedente, probabilmente saprete dei momentanei malesseri della più piccola di noi. Dopo un paio di giorni (durante i quali era stata un po’ drammatica e aveva pensato al peggio), è arrivata la risposta: influenza. Di quelle terribili, che durano settimane e fatichi a scrollarti di dosso. Avevamo effettivamente sentito di come un’influenza legata allo stomaco fosse nell’aria, eppure è stata una delle ultime opzioni alle quali avevamo pensato. E così venerdì notte, dopo aver passato la serata a destreggiarci fra un episodio di Profiling e la finale di Masterchef, Marta ha misurato la temperatura e il termometro ha raggiunto la tacchetta dei 38.7 gradi. E sebbene fosse proprio una febbre da cavallo, entrambe abbiamo tirato un respiro di sollievo nel constatare che, alla fine, si trattava SOLO di influenza.

Le cose non si sono ancora del tutto risolte (la febbre ancora continua a non voler scendere sotto i 37.8 gradi), ma volevamo davvero condividere oggi sul blog questo risotto che è spesso protagonista dei nostri pranzi domenicali perché il nostro uomo di casa sembrerebbe non poterne fare a meno – e questa è una grande soddisfazione, vista l’infinita lista di cose che non mangia -.

C’è da fare una premessa: sebbene la più grande di noi e l’uomo di casa adorino la pasta, la più piccola di noi non la ritiene così fondamentale e ne potrebbe tranquillamente fare a meno. Non è una questione di carboidrati (perché al nostro pane fatto in casa non potrebbe mai rinunciare e mangia volentieri altri cereali in chicco), semplicemente il fatto che, dopo aver vissuto di pasta (principalmente al pomodoro) ogni giorno per più di 10 anni – in quanto l’unica cosa che il nostro uomo, sempre a casa durante la pausa pranzo e perciò l’unico che potesse preparare un pasto, sapesse cucinare -, le è un po’ venuta a noia.

Ogni sabato al mercato, però, troviamo dei bellissimi e freschissimi funghi basilisco (qui, lo ammettiamo, abbiamo usato dei pioppini principalmente perché sul piatto erano più carini…), e poiché quelli mettono d’accordo proprio tutti, dovevamo ingegnarci per assemblare un piatto che rendesse onore a questi: e possiamo dire di esserci proprio riuscite.

Okay, è vero, un risotto ai funghi non è un piatto chissà quanto geniale, ma l’aggiunta di tahin e miso completano ed esaltano il gusto dei funghi in modo tale da creare un piatto con diverse sfumature di sapori ed estremamente cremoso. Per il riso, abbiamo deciso di utilizzare del riso integrale: qualcuno di voi potrebbe storcere il naso, sottolineando con un risotto con il riso integrale non cuocia mai, ma qui viene proprio il bello: per ridurre notevolmente i tempi di cottura e rendere il riso molto più digeribile (lo ripetiamo sempre, ma sapete che legumi, noci e cereali, nella loro versione integrale, contengono acido fitico nella buccia e che, invece, bisognerebbe tenerli ammollo sempre per qualche ora così da eliminarlo?). Altro grande pregio, secondo noi, del riso integrale è che, oltre ad avere un impatto glicemico più basso di quello raffinato e ad avere più fibre, se lo dimenticate un minuto o due in più sui fornelli, difficilmente scuocerà tanto quanto il riso bianco: perciò insomma, piatto sano, con tempi di cottura non impossibili e decisamente poco probabile che scuocia, cosa potremmo dirvi di più per convincervi?! Forse che l’uomo di casa, addirittura, lo ritiene ancora più buono di un piatto di tagliatelle di farro con i funghi?

RISOTTO INTEGRALE AI FUNGHI, MISO E TAHIN
Vegan, Senza Glutine, Senza frutta secca
PORZIONI: 4
NOTE: I tempi di cottura potrebbero variare in base a quanto tempo decidiate di ammollare il riso. Il nostro consiglio è quello di assaggiare il riso man mano che cuoce così da esser certi di non servire un risotto decisamente troppo al dente/stracotto.

Ingredienti:
320g di riso baldo integrale
600g di funghi pioppini
1 spicchio d’aglio
2 cucchiai di tahin
2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
1 cucchiaio di lievito alimentare in scaglie
2 cucchiaini di miso
1/2 cucchiaino di secco
brodo vegetale
sale rosa dell’himalaya
pepe nero
prezzemolo fresco

Procedimento:
Ammolla il riso per almeno 4 ore. Pulisci bene i funghi e saltali in padella con un cucchiaio d’olio extravergine d’oliva, l’aglio e il sale. Saltali per circa 6 minuti, aggiungendo poco brodo qualora fosse necessario. Insaporisci con il timo e tieni da parte. Scola e sciacqua molto bene il riso, poi tostalo a secco in una pentola per 2 – 3 minuti mescolandolo spesso. Aggiungi brodo vegetale bollente fino a coprire il riso. Aggiusta di sale (non aggiungerne troppo, il miso è sapido!) e cuoci per circa 20 minuti, continuando ad aggiungere il brodo bollente man mano che il riso lo assorbe. Aggiungi i funghi (tenendone un cucchiaio a testa per commensale da parte per decorare) e cuoci per altri 5 minuti. È importante che il riso non sia troppo asciutto in quanto tahin e lievito alimentare tenderanno ad assorbire una buona quantità di acqua. Spegni il fuoco e aggiungi alla pentola il tahin, il miso, il lievito alimentare e un cucchiaio d’olio. Mescola bene finché tutti gli ingredienti si saranno sciolti (fai attenzione al miso!) e saranno ben amalgamati al risotto. Se dovesse risultare troppo asciutto e poco cremoso, diluisci con poco brodo vegetale. Lascia in posa per circa 3 minuti. Servi cospargendo con i funghi messi da parte, prezzemolo fresco tritato e pepe nero macinato al momento.

MUSHROOM, MISO + TAHIN BROWN RICE RISOTTO
Vegan, gluten free, nut free
SERVES: 4
NOTES: Cooking time may vary depending how long do you soak your rice. For optimal results, taste the rice while it cooks, so you can be sure you’re not going to serve a raw/overcooked dish.

Ingredients:
320g brown risotto rice
600g mushrooms
1 clove of garlic
2 tbsp tahin
2 tbsp extra virgin olive oil
1 tbsp nutritional yeast
2 tsp miso
1/2 tsp thyme
vegetable stock
pink himalayan salt
black pepper
fresh parsley

Procedimento:
Soak brown rice for at least 4 hours. Clean mushrooms and sauté them in a pan with 1 tbsp extravirgin olive oil, garlic and salt. Cook them for about 6 minutes, adding a lil stock if needed. Season with thyme and set aside. Drain and rinse well brown rice and lightly toast it in a pot for about 2 to 3 minutes, stirring often. Add stock until covering rice. Add a bit of salt and cook for about 20 minutes, continuing adding stock while rice absorb it. Add mushrooms (storing 4 tbsp for serving) and cook for 5 more minutes. It’s really important rice not to be too sticky as tahin and nutritional yeast are going to absorb water and making it super creamy. Turn off the heat and add tahin, miso, nutritional yeast and 1 tbsp olive oil. Stir well until all ingredients are going to be dissolved. If too sticky or dry, add a little stock. Allow it to rest for 3 minutes. Serve with reserved mushrooms, parsley and black pepper.

13 Comments

  1. Rispondi

    Silvia Brisi

    14 marzo 2017

    Sono lieta che fosse influenza e basta, a volte si pensa al peggio ma in inverno spesso è quella a rompere le scatole in molteplici forme!!
    Che splendido risotto, particolare con il riso integrale e stupendo con quei sapori decisi!!
    Brave, me lo papperei ora!!
    Buona serata!!

  2. Rispondi

    zia consu

    14 marzo 2017

    Domani al mercato cerco i funghi (la varietà si cui parlate è la prima volta che la sento nominare O_O) il resto ho già tutto in casa :-) non mi resta che provare tahin e miso insieme in un cremoso risotto ^_^
    Sono felice di sapere che Marta ha SOLO un’influenza…spero che riesca presto a scrollarsela di dosso e godersi l’arrivo della primavera <3

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      15 marzo 2017

      ciao Consuelo! la varietà di funghi della quale abbiamo parlato è una varietà tipica siciliana, sono bianchi e leggermente dolci (nel senso che non sono esageratamente “forti”), ma puoi sostituire benissimo con dei pioppini come abbiamo fatto noi qui!
      Grazie per gli auguri di guarigione, la febbre tarda a volersene andare ma noi la combattiamo adeguatamente <3

  3. Rispondi

    Emanuela Lupi

    15 marzo 2017

    buon giornooooo!
    Eccomi qua… come sono contenta che Mart(in)a stia meglio.. veramente..
    io ehm, in realtà ADORO LA PASTA e me la cuocio pure d’estate a 200° all’ombra… e adoro la pasta calda.. cioè le insalate di pasta non le amo (meglio di cereali..), e quindi io come il vostro omo sono.. (Anche se vario maggiormente il condimento.. hihihiii cavolfiore bianco, zafferano, pinoli ed olive nere.. che gnammi le mezze maniche belle grosse). Madre invece il riso lo magnerebbe pure non so nemmeno io quando ..sarà che è stata per sei anni da piccolina a Milano… booooh, ma se la vuoi fare felice.. risotto risotto risotto…
    io opto sempre per la cottura di lesso.. scusate, ma stomaco mio noiuso è. bella la varietà di funghi basilico…mai sentita però, mi dovrò dar daffare..e devo iniziare a sperimentare ste salsinedde qua…
    un bacino enorme… ehm.. io sta mattina ancora tortina saraceno e mele! ;)
    Manu

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      15 marzo 2017

      buongiorno Manu! la febbre fa ancora un po’ fatica a scrollarsi di dosso, ma qui cerchiamo di combatterla a forza di zenzero ;-) io, Marta, non sono affatto una fanatica della pasta (posso non mangiarla per un mese e neanche rendermene conto) e tutti gli italiani avrebbero da tirarmene contro – anche se, comunque, quando la mangio deve essere cucinata a dovere, mai scotta, mai mescolata ad ingredienti improbabili… -, però sul fatto dei cereali “lessi” sono d’accordo con te. Per la precisione, io vado matta per le insalate di cereali (anche se ritengo che l’insalata di riso “classica” sia la morte): mettimi un bel po’ di verdurine croccanti, magari fatte al forno, una bella manciata di semi/noci, dei legumi, un dressing da paura e magari anche un po’ di avocado, che per me è come il prezzemolo, e io sto. Però insomma, ogni tanto un piatto più italiano ci sta e devo dire che questo risotto mi soddisfa assai ;-) poi devo dire che io sono un po’ pignola, e quindi anche il risotto deve essere fatto come dico io (es: una volta ho mangiato un risotto a casa di un’amica con ben due dadi e l’ho digerito tre giorni dopo, perciò, in realtà, risotto sì, ma come dico io ;-)). Quanto ai funghi basilisco, è una varietà tipica siciliana, sono bianchi e leggermente dolcini (ma non più di una patata, per dire..).
      Ti abbracciamo e ancora buona torta <3

  4. Rispondi

    Emanuela Lupi

    15 marzo 2017

    Io VI A-DO-ROOOOOOO!
    ehm me lo dici quando fai sta insalatina qua, veroooo? perché metto una specie di ali ai piedi ed io vooloooo! liiiiiiiiii! Si, bella pignoletta sei, ma secondo me è giusto che sia così… :)
    quanto mi piacete… :)
    buona giornata … ;)
    Manu

  5. Rispondi

    lara

    16 marzo 2017

    che spettacolo, intingerei forchettate su forchettate… E l’influenza è tremenda quest’anno

  6. Rispondi

    Peanut

    16 marzo 2017

    Al contrario della piccola io sto riscoprendo la pasta recentemente (non che la mangi più di una volta a settimana, comunque!) e dopo anni ad amare il risotto e a reputarlo il mio piatto preferito ultimamente non ne vado così matta, continuo ad adorare il riso più di ogni altro cereali ma lo preferisco cucinato in altri modi, forse perchè nel risotto tutto finisce ad avere più o meno la stessa consistenza cremosa (non vado pazza neanche per le vellutate a dir la verità). Ma. Questo è integrale, ci sono i funghi, il miso (di cui ormai non posso più fare a meno) e il tahin (di cui non so fare a meno ormai da svariati anni e consumo tutti i giorni) quindi sì, posso proprio asserire con sicurezza che questo me lo mangerei eccome! E credo proprio farei pure il bis!

    Baci a tutte e due e soprattutto alla piccolina, dai che siamo a fine! <3

  7. Rispondi

    tizi

    16 marzo 2017

    sono contenta che abbiate capito cosa c’era all’origine del malessere di marta! se è influenza servirà solo un po’ di pazienza e tutto passerà…
    anche stavolta mi avete fatto venir fame e tanta curiosità di assaggiare questo piatto che sembra davvero goloso, cremoso, avvolgente… e allo stesso tempo è super sano come tutto ciò che esce dalla vostra cucina! bravissime :)
    un abbraccio!

  8. Rispondi

    Simo

    20 marzo 2017

    Meno male che è solo influenza…io invece devo andare a fondo con esami e quant’altro, sto lottando con una serie di problemi gastrointestinali non indifferenti, sono così a terra…triste, demoralizzata e sfiduciata.
    Vedremo…
    Volevo complimentarmi innanzitutto per la finale, vi ho votate, assolutamente! Poi per la torta sotto che fa venire fame solo a vederla e infine per questo risotto strepitoso…che altro dirvi?!
    Che vi mando un grossissimo abbraccio!

  9. Rispondi

    saltandoinpadella

    20 marzo 2017

    Ultimamente anche io sono in trip riso integrale. Dopo aver scoperto il trucco dell’ammollo lo sto usando tantissimo. Mi piace anche molto di più di quello bianco come sapore. Interessante questa aggiunta di miso e tahine. Il miso ovviamente sta benissimo con i funghi, mai provata la tahine

  10. Rispondi

    Pancetta Bistrot

    23 marzo 2017

    Ho un odio viscerale per la febbre ultimamente, con la piccola Cami ho passato fine settimana a combattere contro temperature vicine ai 40..dire febbre rincuora perché ci conviviamo fin dall’infanzia, ma alle volte sa essere noiosamente detestabile e sfiancante! Nei momenti in cui il termometro si alza ( non troppo!) qualche comfort food ci aiuta a tenere su il morale…e questo mi sembra geniale…come tutte le vostre proposte ha una semplicità brillante ed unica che vi contraddistingue! Miso e tahin…beh non c’è molto altro da aggiungere…se non questi ingredienti alla lista della spesa! un bacio grande a Marta e un abbraccio forte a te Mimma! Buona serata ragazze bellissime!

  11. Rispondi

    Ely

    24 marzo 2017

    Ohhh meno male che è solo influenza, questo vuol dire che prima o poi deve passare :-), ecco il fatto dell’ammollo lo avevo già letto su un altro blog e mi ha aperto un mondo. Di solito non cucino mai come un risotto il riso integrale proprio perchè cuoce all’infinito e non rimane cemoso ma a vedere il vostro viene voglia di provare subito. Deve essere davvero buonissimo! Buona guarigione a Marta e buon fine settimana a tutti voi!

LEAVE A COMMENT

RELATED POSTS