Rainbow burgers con salsa di anacardi e patatine dolci

IMG_2935

Se dovessero attribuirci?un premio, sarebbe di certo quello per il procrastinare all’infinito. L’idea infatti di dei burger fatti in casa – e rigorosamente vegetali -?a tutto tondo, che prevedessero tutti gli elementi di un panino gourmet di rispetto, dal pane, alle patatine, ad una salsa cremosa e avvolgente e, in primis, ad una polpettona che potesse farci mugolare ad ogni morso era nelle nostre teste e nei nostri progetti gi? da tempo. Cos?, per anni, non abbiamo fatto altro che sognare l’idea di un burger vegano senza mai soddisfare i nostri bisogni, perch? nonostante la nostra pigrizia, ci siamo rifiutate di lasciarci stuzzicare dall’idea di strizzare l’occhio a quelli gi? pronti del banco frigo del supermercato bio. Per un qualche inspiegabile moto di industria e fervore, per?, un paio di giorni fa abbiamo deciso che tale attesa non poteva essere perpetuata ancora a lungo, e ci siamo convinte che fagioli borlotti, funghi e semi di girasole dovessero necessariamente legarsi insieme ed essere la soluzione ai nostri tormenti. Ma la sfida che ci eravamo poste da un paio di mesi era ancora pi? grande: volevamo mettere in piedi un panino che permettesse di seguire quella famosa filosofia del mangiar l’arcobaleno, della quale abbiamo parlato dall’inizio dell’anno, e soddisfacesse qualsiasi preferenza o bisogno alimentare. Capite bene, dunque, che l’idea di preparare un panino che fosse non solo vegano, ma anche senza glutine potesse spaventarci un po’. Una volta trovati i buns perfetti, per? (questi qui, raddoppiando la grandezza dei panini e cuocendoli in forno per 1 ora e 10) il resto e, soprattutto, l’inserire ciascun colore cos? da mangiar l’arcobaleno ? stato un gioco da ragazzi: il rosso, che aiuta a mantenere una buona salute per il cuore, infatti, viene direttamente dalla barbabietola presente nell’impasto dei panini?- e da un paio di pomodorini secchi nascosti nel burger – mentre il blu/viola, fonte di antiossidanti che neutralizzano i radicali liberi, dal radicchio. La patata dolce svolge la parte del giallo/arancione, che supporta il sistema immunitario e una buona vista, mentre i funghi,?dei quali il burger ? ricco, quella del bianco/marrone, che riduce il rischio di cancro e abbassa i livelli di colesterolo. Per quanto riguarda il verde, ricco di antiossidanti, potassio e acido folico, oltre ad un paio di foglie di spinaci, non potevamo non includerlo se non con il nostro ingrediente stabile in cucina, quello a cui non potremmo mai rinunciare: dell’avocado maturo al punto giusto. A completare il tutto, una salsina escogitata per caso a base di anacardi che si ? rivelata essere vincente e una manciata di germogli. Insomma, il nostro scopo, ovvero quello di un panino che oltre ad essere buono fosse anche sano (e bello!) e che facesse davvero bene, dopo anni passati a rimandare, ? venuta fuori, quasi per caso, nel migliore dei modi. Per quanto riguarda il post sulla nostra vacanza, invece, ci tocca procrastinare e?rimandare?alla prossima settimana anche quello. Non possiamo di certo venir meno alle nostre abitudini!

Ingredienti:
per 6 burgers:

400g di funghi, al netto degli scarti
240g di fagioli borlotti cotti
45g di fiocchi d’avena, senza glutine
40g di semi di girasole molino rossetto
10 pomodorini secchi
1 spicchio d’aglio
1 cipollotto
2 cucchiai di prezzemolo tritato
3 – 4 cucchiai di farina di riso integrale
1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva + un po’ per cuocere i burgers
1/2 cucchiaio di miso di riso scuro*
1/3 cucchiaino di paprika affumicata
1/3 cucchiaino di semi di cumino
1/4 cucchiaino di semi di coriandolo
1/4 cucchiaino di pimento

per la salsa:
150g di anacardi
100g di acqua
1 cucchiaio di lievito alimentare in scaglie
3 rametti di rosmarino
1/2 limone
sale rosa dell’himalaya
pepe nero

per le patate dolci:
2 patate dolci
2 cucchiai di olio di avocado
cannella
peperoncino
sale rosa dell’himalaya

per servire:
6 panini senza glutine alla barbabietola*
2 avocado
spinaci baby
radicchio
germogli

Procedimento:
Prepara la salsa frullando gli anacardi con il lievito alimentare, l’acqua, il rosmarino, il succo del limone e pepe e sale quanto basta. Versa in una ciotola e tieni da parte.?Lava bene le patate dolci, tagliale in spicchi, poi mettile in una teglia foderata di carta forno e condiscile con l’olio. Aggiungi il sale, un pizzico di cannella e peperoncino, poi infornale in forno preriscaldato a 180?C per circa mezzora.
Dedicati ai burgers: metti ammollo in acqua calda i pomodorini secchi per almeno 15 minuti. Pulisci e affetta i funghi, poi saltali in padella con un cucchiaio d’olio e uno spicchio d’aglio. Aggiungi del sale e continua a cuocere finch? avranno assorbito tutto il liquido che avranno rilasciato in cottura. Nel boccale di un frullatore ad immersione o in un food processor metti i fagioli, i fiocchi d’avena, i funghi cotti, i semi di girasole, i pomodorini scolati e strizzati, la farina di riso integrale, il miso e le spezie. Frulla fino ad ottenere un composto omogeneo. Assaggia e aggiusta di sale se necessario. Metti il composto in una ciotola e aggiungi il cipollotto e il prezzemolo affettati finemente. Mescola bene, poi dividi il composto in 6 burger da circa 100g l’uno. Aiutati, se necessario, con un po’ di farina di riso integrale per dargli la giusta forma. Disponili in un piatto foderato di carta forno e lascia riposare in frigo per almeno 1 ora, cos? che si compattino per bene. Al momento di cuocerli, scalda un po’ d’olio in una padella e cuocili per circa 3 – 4 minuti per lato. Taglia a met? i panini e assemblali: disponi sul fondo gli spinaci e il radicchio, poni sopra questi il burger di fagioli e funghi, aggiungi l’avocado tagliato a fettine o schiacciato con una forchetta e condito con un po’ di sale, i germogli e qualche cucchiaino della salsa di anacardi. Servi con le patatine di patate dolci, infilandone qualcuna anche dentro il panino.

*Per i panini, abbiamo utilizzato la ricetta dei?panini di grano saraceno e teff alle verdure utilizzando esclusivamente la barbabietola e realizzando 6 panini piuttosto che 12. Li abbiamo poi cotti in forno a 190?C per 1 ora e 10 circa.

*Se non doveste avere a portata di mano il miso, ? sostituibile con un cucchiaio raso di tamari o, se non avete intolleranze al glutine, di salsa di soia.

Marta e Mimma

21 Comments

  1. Rispondi

    saltandoinpadella

    16 febbraio 2016

    Sono assolutamente senza parole. Questo burger ? davvero bello come l’arcobaleno. Appena trovo il tempo voglio assolutamente provare i vostri paninozzi colorati perch? sono davvero troppo belli

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      16 febbraio 2016

      non lasciarti sfuggire neanche i burger veri e propri, che forse meritano anche pi? del pane!;-)

  2. Rispondi

    laura

    16 febbraio 2016

    Adoro questo burger, adoro i colori che gli hai dato e adoro il colore del pane..un peccato mangiarlo, ma allo stesso tempo mi immagino gi? il suo gusto..mmmm… :)

  3. Rispondi

    laura

    16 febbraio 2016

    I colori di questo patto sono fantastici: da mangiare con gli occhi!!! Uhmmm un morsetto vero lo darei volentieri , per?!!! :-)

  4. Rispondi

    Alice

    16 febbraio 2016

    Questo hamburger ? ammaliante, cattura lo sguardo e non lo lascia pi? andare! Solo leggendo, per?, ho messo a fuoco tutte le varie parti che lo compongono e sono rimasta estasiata, anche io che non amo gli hamburger. Soprattutto quell’avocado, e la salsa di anacardi devono renderlo celestiale. E le foto sono sempre pi? belle, calde e ispirate. Bravissime entrambe! E ora vado a vedere i panini, che mi erano capitati sotto gli occhi su fb ma non sono riuscita ancora a commentare.

  5. Rispondi

    zia Consu

    16 febbraio 2016

    Mi sto impegnando anch’io a mangiare l’arcobaleno ed avete proprio ragione quando dite che ? molto divertente (oltre che salutare..) :-)
    Questa idea di pranzo finto fast-food ? strepitosa e addenterei volentieri una di queste foto :-P

  6. Rispondi

    Monica

    16 febbraio 2016

    Come ben sapete io sono una fanatica dei panini, e ancor di pi? dei burger, ne faccio quasi una filosofia di vita (e c’? un piccolo sogno che…forse…)! Questo ? a dir poco celestiale, con tanti ‘senza’ che arricchiscono i ‘con’ , un insieme di colori da capogiro, bellissimo, elegante e fantastico in tutti i suoi sapori…ora ci vorrebbe un bel morso per averne la certezza ;)

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      16 febbraio 2016

      Monica, ovviamente sei stata una delle prime persone alle quali abbiamo pensato quando abbiamo preparato il post per questo burger! Questi, davvero, non te li puoi lasciar sfuggire…siamo certe che anche dentro i tuoi magnifici burger buns (ma quanto sono belli??) avranno la loro pi? che degna “morte”!

  7. Rispondi

    Silvia Brisi

    16 febbraio 2016

    Che spettacolo!! Per un burger cos? farei follie!! Mi piace tutto, ogni singolo componente e che mix di gusto e colori!! Avete fatto bene ad attendere, questo ? davvero il veggie burger perfetto!!
    Bravissime!!
    Buona sertata!!

  8. Rispondi

    tizi

    16 febbraio 2016

    beh, attendere per una ricetta del genere vale sicuramente la pena. io rimando e rimando ricette molto pi? semplici, qui invece avete fatto tutto in casa e non deve essere stata una passeggiata! il risultato, neanche a dirlo, ? splendido, una piccola opera d’arte di colori, profumi e consistenze… bravissime, come sempre! un abbraccio e buona serata a voi, io resto in attesa del vostro diario di viaggio ;)

  9. Rispondi

    Su

    17 febbraio 2016

    Eccellente!!!
    me lo divorerei…togliendo l’avocado, ma solo perch? non lo digerisco
    braveee!

  10. Rispondi

    speedy70s

    17 febbraio 2016

    Mamma mia cosa darei per averne qua uno ora!!!!!

  11. Rispondi

    Virginia

    17 febbraio 2016

    Ma che meraviglia! Un tripudio di colori e sapori :-) Mi piace molto il detto “mangiare l’arcobaleno”, perch? ? c? che mi impegno a fare ogni giorno (e con buoni risultati, visto che di verdure non sono mai sazia ;-) )
    L’idea di un burger arcobaleno e completamente vegetale (e gluten free!) ? una bella sfida ma avete tirato fuori un’idea splendida. Sono affascinata da tutti i colori che avete aggiunto, in particolare dalla polpetta e dalla salsa… Siete proprio due genietti ;-)

  12. Rispondi

    Chiara

    17 febbraio 2016

    si ? materializzato qui davanti a me e anche se ? quasi mezzanotte me lo mangio !!!!

  13. Rispondi

    Margherita

    18 febbraio 2016

    Wow ragazze! Andy Warhol ci avrebbe fatto una delle sue famosissime opere. Un tripudio di colori (e sapori!). Sappiate che anche senza elencare tutte le propriet? degli ingredienti che compongono gli hamburger mi avevate convinta alla prima foto! Uno splendore!

  14. Rispondi

    Sara e Laura Pancetta Bistrot

    18 febbraio 2016

    Obiettivo centrato, anzi centratissimo!! E quella salsa nata per caso sembra la ciliegina sulla torta ^^ Lo vedremmo benissimo nel men? di un ristorante strafigo, ha tutto quello che un amante del sano e del bello vorrebbe. Il problema delle cose che fanno bene ? che spesso la loro estetica non rende giustizia alla sostanza e cos? ci si ritrova a voler mangiare bendati, qui invece ? una festa di bellezza! Mitiche ragazze!!!!!

  15. Rispondi

    Francesca P.

    21 febbraio 2016

    Finalmente riesco a venire a lasciarvi il mio sorriso – e il morso su questo burger fanrtastico! – e non ? un caso che lo faccia di domenica sera, il giorno in cui vengo a cercarvi perch? ci sono abitudini che non voglio perdere… se poi mi fate gola con ricette simili, mi fermo anche pi? del previsto, rimirando ogni singola foto, perch? ? tutto un po’ magico… i colori, il mix di ingredienti, l’effetto finale! La barbabietola ? finita in un lievitato anche qui e la prossima settimana vedrete cosa ho combinato… ma devo assolutamente replicare il vostro esempio perch? anche io sono mesi che mi dico di fare dei panini homemade cos? “ricchi” ma ancora non mi sono decisa!
    Grazie per questa che reputo davvero una ricetta-visione, unica come voi… :-)

  16. Rispondi

    Ileana

    22 febbraio 2016

    Mi regalate ogni volta stupore e sorrisi. Vi adoro.

    Le parole per voi non riesco a trovarle facilmente, ma quello che penso lo sapete gi?…<3

  17. Rispondi

    Ilaria Guidi

    22 febbraio 2016

    Questo meraviglioso panino accompagnato da queste buonissime patatine potrei sognarmelo ogni notte!! Colori bellissimi ed ingredienti da urlo!! Siete sempre bravissime voi!! ? ?
    Un bacio
    Ila

  18. Rispondi

    ricettevegolose

    22 febbraio 2016

    Sono spettacolari, che colori, che sapori, peccato poterli solo guardare! Se esistesse un fast food che proponesse panini del genere, diventerei fast-food dipendente :D Un abbraccio care, complimenti :*

LEAVE A COMMENT

RELATED POSTS