Malfatti di farro e borragine

IMG_5248

Tavolta, in cucina, capitano certe occasioni da non lasciarsi scappare: questa ? stata una di quelle. Complici dei meravigliosi mazzi di borragine freschissima, raccolti?da mani amiche?e?regalati dalla nonna, e un contest che non ci volevamo fare scappare, abbiamo uscito dagli scaffali della nostra sempre in crescita libreria culinaria Around Florence?di Csaba dalla Zorza e ci siamo lasciate ispirare. Insomma, fatto sta che, scelta la ricetta, ? stato inevitabile spedire all’ultimo istante l’uomo di casa a comprare una meravigliosa ricotta di pecora?biologica di fidati produttori locali – quanto sono importanti le materie prime! Siamo certe che con una qualsiasi ricotta confezionata?il risultato non ci avrebbe soddisfatto cos? tanto -.
Abbiamo condito i malfatti semplicemente con salvia e olio extravergine, pensando all’importanza che la cucina toscana riserva a quest’ultimo, ma, volendo, sono buonissimi anche con del classicissimo burro fuso (e salvia!) o, perch? no, una salsa di pomodoro. La borragine -che, ricordiamo, se mangiata nelle giuste quantit? non ? tossica ma ricca di propriet?, basta non abusarne- pu? anche essere sostituita da spinaci, anche se si perder??quel sapore tanto delicato e fresco della borragine. La scelta della farina, poi, ? ricaduta senza alcun ripensamento su quella di farro, essendo questo cereale cos? versatile e cos? presente nella cucina toscana.
Alla fine, come al solito, siamo partite dalla ricetta originale per poi elaborare?un piatto tutto nostro, semplice ma tanto buono, che ci affrettiamo a segnare fra queste pagine per poterlo riproporre presto e spesso!

IMG_5250

Ingredienti:
350g di borragine
250g di ricotta di pecora, compatta
60g di farina di farro molino rossetto
2 uova piccole biologiche
4 cucchiai di parmigiano grattugiato
60ml di olio extravergine d’oliva
4 – 5?foglie di salvia
noce moscata
sale integrale
pepe nero

IMG_5206PicMonkey Collage

Procedimento:
Sbollenta in acqua bollente per 3 – 4 minuti la borragine. Scola e strizza. Sminuzza al coltello la borragine, privandola dei gambi pi? spessi. Dovrai utilizzare circa 180g di verdura strizzata e sbollentata. In una ciotola unisci la ricotta e la borragine lessata e amalgama bene. Unisci anche le uova leggermente sbattute e il parmigiano, un pizzico di noce moscata, pepe e poco sale, facendo amalgamare bene il composto. Nel frattempo, porta ad ebollizione una pentola d’acqua, salandola leggermente. Metti in un piatto la farina di farro. Aiutandoti con due cucchiai, forma delle quenelles che tufferai nella farina. Rotolale bene nella farina e mettile su un piatto leggermente infarinato. Quando avrai finito, cuoci i malfatti in acqua bollente per qualche minuto, fin quando verranno a galla. Scalda l’olio con le foglie di salvia, poi servi i malfatti versando sopra l’olio aromatizzato. Se ti piace, grattugia ancora un po’ di parmigiano sopra. Per 4.

IMG_5260IMG_5257-2

Con questa ricetta partecipiamo al contest La mia Toscana del blog “I biscotti della zia” in collaborazione con Versilia Format

BANNER lamiatoscana

Marta e Mimma

30 Comments

  1. Rispondi

    zia Consu

    1 marzo 2015

    Ricetta bellissima e buonissima solo come voi delicate fanciulle sapete fare..grazie di cuore..inserisco subito la ricetta in gara e se ce la fate vi vorrei anche x la seconda proposta ^_*

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      1 marzo 2015

      Siamo contente che la ricetta ti sia piaciuta, speriamo di farcela anche per la seconda!

      • Rispondi

        zia Consu

        13 aprile 2015

        Ciao ragazze, complimenti!!!!
        Siete tra le 10 finaliste, vi invito a contattarmi alla mail ibiscottidellazia@gmail.com per i dettagli della giornata del 30 aprile.
        Grazie e felice giornata <3

        • Rispondi

          Marta e Mimma

          16 aprile 2015

          ? una notizia meravigliosa! Ancora non ci crediamo…peccato per? non poter essere presenti alla elezione del vincitore:-(
          Un abbraccio e grazie di tutto!

  2. Rispondi

    Christelle

    1 marzo 2015

    Un repas qui donne envie de passer ? table tout de suite !

  3. Rispondi

    Christelle

    1 marzo 2015

    Voil? un repas d?licieux qui donne envie de passer tout de suite ? table !

  4. Rispondi

    Laura&Sara Pancetta Bistrot

    1 marzo 2015

    Che bello ragazze, avete sempre a disposizione degli ingredienti freschissimi e preziosi, la borragine qui non sapremmo proprio dove coglierla ^^ Ci informeremo, questi malfatti sono troppo sfiziosi!
    PS: intanto ci siamo procurate la vostra amata curcurma, ma dobbiamo ancora provarla…
    Un bacione!

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      1 marzo 2015

      Oh, la curcuma, che ingrediente meraviglioso! Non dimenticatela la prossima volta che farete la zuppa di lenticchie rosse, il sapore ? speciale! Se solo potessimo, vi spediremmo volentieri un po’ della nostra borragine. Un abbraccio, a presto.

  5. Rispondi

    Francesca P.

    1 marzo 2015

    Questo piatto non sar? un dolce ma ? altrettando bello! E poi ? una margherita tutta da sfogliare – e mangiare – in attesa del 21 marzo e della primavera… ha il colore dei prati teneri e verdi! ;-)
    Amo la borragine, non la trovo spesso ma quando riesco entra subito nel sacchetto della spesa! E grazie a voi ho scoperto quanto sia bella anche da fotografare, con quel colore cos? brillante!

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      2 marzo 2015

      Attendiamo impazienti anche noi l’arrivo della primavera e ci piace cos? tanto l’immagine di una margherita da sfogliare…cosa uscir? alla fine? “M’ama”, o “non m’ama”?
      La borragine in casa entra spesso proprio per merito della nonna: il risotto viene che ? una meraviglia ma impiegarla in questa ricetta ? stata una saggia scelta. A prestissimo!

  6. Rispondi

    valentina

    2 marzo 2015

    Buoni…sapete che non conoscevo questo ortaggio?Grazie per avercelo fatto conoscere e usato in una ricetta davvero…mhmmm!

  7. Rispondi

    Enrica

    2 marzo 2015

    Un fiore che sa di buono e poi servito nei mie piatti del cuore mi piace ancor pi?…mi viene davvero voglia di sedermi a tavola con voi per assaporare i vostri malfatti.

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      2 marzo 2015

      Enrica, questi piatti piacciono tanto anche a noi, peccato non siano gli originali col bordino blu! Sarebbe bello averti a tavola con noi, magari un giorno… Un abbraccio

  8. Rispondi

    alessia mirabella

    2 marzo 2015

    Meravigliosi…trovo fantastico l’utilizzo della borragine, da piccola ne mangiavo le foglie ripiene di alici e mozzarella passate nella farina e fritte… Erano buonissime… E poi promosso anche l’utilizzo della ricotta di pecora, c’? poco da fare, ? la pi? buona ( e quella che avete in Sicilia ? decisamente imbattibile).
    Mi innamoro di ogni piatto che proponete, dell’estro che vi fa personalizzare anche la pi? classica delle ricette, delle vostre storie di cucina, di famiglia, di vita.
    E quando leggo i vostri commenti mi batte sempre il cuore, io mangio veloce le parole per raggiungere la fine e vedere chi di voi mi abbia scritto. Avete gli stessi occhi per guardare il mondo, lo sapete? Eppure siete diverse.
    E io vi stimo un sacco! [detto alla romana ;) ]
    Un bacio e buon inizio settimana,
    Ale

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      2 marzo 2015

      Alessia, ci riservi sempre parole cos? belle e gentili che ogni volta che leggiamo un tuo commento ci ritroviamo con il sorriso sulle labbra. Hai un grande cuore, sarebbe bello condividere insieme piatti, ricette, parole e ricotte di pecora se dovessi scendere qui in Sicilia. Quante cose da dire, quante emozioni! Abbiamo gi? immaginato tutto…
      Buon inizio settimana a te, un bacio grande.

  9. Rispondi

    Ileana

    2 marzo 2015

    Ragazze prima di tutto voglio scusarmi per l’assenza, come sapete vi leggo sempre, ma ultimamente ho avuto davvero pochissimo tempo.. ora finalmente eccomi qui, presto ( anzi prestissimo! ) avr? molto pi? tempo e ci sar? sempre :)

    Conoscete i miei gusti e sapete che io questo piatto lo adoro! Quest’anno spero di riuscire a raccogliere la borragine, con quei fiorellini meravigliosi poi ? cos? bella anche da fotografare! :*
    Un abbraccio forte forte!

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      2 marzo 2015

      Che belli i fiorellini della borragine! Ne abbiamo messo qualche bocciolo ancora chiuso in un vasetto riempito d’acqua, sperando che sbocciasse alla vista del sole. Purtroppo non siamo riuscite, per? confidiamo fiduciose nel prossimo mazzo.
      Un abbraccio fortissimo a te Ile, sei sempre la benvenuta qui!

  10. Rispondi

    MARI

    2 marzo 2015

    La borragine non la conosco! devo assolutamente rimediare! mi intrigano moltissimo questi malfatti, devono essere delicatissimi!! :-) Bravissime!

  11. Rispondi

    Simona - Biancavaniglia

    2 marzo 2015

    La bellezza di questo piatto sta nel sapore delle materie prime che avete utilizzato e siete riuscite a valorizzarle nel modo migliore, poi la presentazione mi piace troppo! Direi che ? un piatto in pieno stile ?Naturalmente buono?!
    Brave (lo so sono ripetitiva, ma ? colpa vostra che continuate a fare un post pi? bello dell?altro ;P )
    Cmq ragazze mi stanno per ricominciare le lezioni del nuovo semestre, riordino i nuovi orari delle lezioni, e vi far? sapere il giorno in cui sar? pi? libera per un t? o magari un gelato se il tempo permette. Un bacione belle!

    • Rispondi

      Marta e Mimma

      2 marzo 2015

      Simo, intanto grazie mille di dedicarci sempre parole tanto belle! Non vediamo l’ora di vederti di nuovo: ci piacerebbe anche invitarti a casa e, perch? no, realizzare quell’idea che ci era venuta in mente un po’ di tempo fa…un bacio grande, a presto!

  12. Rispondi

    Enza Accardi

    2 marzo 2015

    Ragazze, tra la mano amica, la nonna e l’uomo di casa che si adopera a comprare la ricotta buona buona, avete fatto un lavoro di squadra eccellente e questo ? uno di questi piatti che ne mangeresti una tonnellata. Siete sempre spettacolari oltre che immensamente brave.

  13. Rispondi

    lucy

    3 marzo 2015

    una ricetta dalla tradizione povera contadina ma molto gustosa e poi con la borraggine tutto un sapore nuovo!

  14. Rispondi

    simo

    3 marzo 2015

    adoro la borragine (che per l’appunto ho conosciuto e provato in Toscana!) ma da me non si trova….
    che delizia, adoro gli gnudi!
    Bravissime come sempre, bacione

  15. Rispondi

    Simona Mirto

    3 marzo 2015

    Sono bellissimi e mi ricordano appunto gli “gnudi” una specialit? toscana con ricotta e spianaci… questa versione con borragine ? molto intrigante e golosa e confesso mi piacerebbe provarla presto… se riesco a reperire questa verdure fresca… l’aspetto ? magnifico, come le foto… brave :* un abbraccio grandissimo a voi amiche:*

  16. Rispondi

    Simona

    4 marzo 2015

    Ho scoperto la borragine pochi anni fa e mi piace tanto, questi vostri malfatti hanno un aspetto delizioso, anche a me richiamano gli gnudi. Foto delicatissime! Un abbraccio

  17. Rispondi

    ConUnPocoDiZucchero Elena

    4 marzo 2015

    urka! cero che non si poteva lasciarsi scappare occasione cos?! wow e stra wow!!!

  18. Rispondi

    fim?re

    4 marzo 2015

    ?a a l’air d?licieux
    bonne soir

  19. Rispondi

    Silvia

    5 marzo 2015

    Che dire, io li adoro alla grandissima! Mi ricordano appunto gli gnudi che mi faceva mamma, ricotta e spinaci! Mmmmmhhh

  20. Rispondi

    Valentina

    6 marzo 2015

    Ommamma.. ma quanto devono essere buoni?! Foto magnifiche come sempre! Un abbraccio Mimma e Marta, vi stringo forte con tanto affetto <3 Buon weekend :**

  21. Rispondi

    Margherita

    8 marzo 2015

    Ve lo avevo detto che ero sempre in ritardo…. mi sono persa questo contest, proprio io che della mia Toscana vado cos? fiera!!! Brave che avete scelto i malfatti… uno dei miei piatti preferiti! Vi abbraccio entrambe strette strette!

LEAVE A COMMENT

RELATED POSTS